الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
domenica 16 giugno 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

L'importanza del Piano d'autonomia proposto dal Marocco e l'imperativo del sostegno del Regno Unito a questa iniziativa sono stati evidenziati nel corso di una tavola rotonda sul Sahara marocchino, tenutasi mercoledì presso il Parlamento britannico, alla presenza di diversi parlamentari.


Organizzato dall'Ambasciata del Marocco a Londra, in collaborazione con il gruppo parlamentare di amicizia "APPG-Marocco" (Gruppo parlamentare interpartitico per il Marocco), questo incontro ha messo in luce il continuo sviluppo delle province meridionali del Regno, sotto la visione illuminata di Suo Maestà il Re Mohammed VI, e la moltitudine di opportunità economiche e ambientali che ne derivano.

Gli interventi di molti parlamentari ed esperti presenti hanno inoltre evidenziato le sfide in materia di sicurezza e difesa che sorgono in un contesto geopolitico globale instabile e la necessità di agire rapidamente per affrontarle, rafforzando i partenariati con i tradizionali alleati del Regno Unito.

Il deputato conservatore Liam Fox ha affermato che i principali alleati del Regno Unito, tra cui Francia, Germania, Spagna, Paesi Bassi e Stati Uniti, hanno espresso loro sostegno al piano d'autonomia del Marocco.

"In un momento in cui stiamo affrontando una serie di minacce alla sicurezza globale, non ha senso non andare avanti con la proposta marocchina", ha detto, chiedendo di "dare un impulso al Marocco, il nostro principale alleato nella regione", che offre un potenziale "significativo" per la cooperazione, in particolare nel campo della sicurezza e della difesa.

Allo stesso modo, Sir Simon Mayall, un ufficiale dell'esercito britannico in pensione e attuale consigliere per il Medio Oriente presso il Ministero della Difesa, ha osservato che i recenti sviluppi della geopolitica globale stanno aumentando i rischi per la sicurezza, in particolare nelle aree prive di prospettive economiche e di accesso all'istruzione e all'occupazione.

"Questo è il motivo per cui sostenere Paesi sicuri, stabili e prosperi che contribuiscono agli sforzi globali in questa direzione è una priorità", ha spiegato, aggiungendo che Londra deve quindi "andare verso partner affidabili che condividano gli stessi valori (...) come il Marocco".

Oltre a rafforzare il potenziale economico del Regno, così come la sua sicurezza e prosperità, il sostegno al piano di autonomia del Marocco "offrirebbe una soluzione alla crisi umanitaria nei campi di Tinduf, che sta colpendo i bisogni del Paese".che, nel frattempo, costituiscono un focolaio di reclutamento per il terrorismo o per le bande legate all'immigrazione clandestina".

Inoltre, la recente vulnerabilità delle rotte marittime sottolinea l'imperativo di preservare le coste atlantiche, ha aggiunto, ricordando che Dakhla sta costruendo il più grande porto per container sulla costa atlantica dell'Africa, mentre Tangeri ha già il più grande porto del Mediterraneo.

Questo porto avrà "un impatto enorme sull'intero Sahel", ha proseguito, ritenendo che il miglioramento della realtà economica dei Paesi della regione "consentirà di ridurre il rischio per la sicurezza".

Pur ribadendo l'importanza dei progetti avviati dal Marocco sulla sua costa atlantica dal punto di vista economico e della cooperazione con Rabat dal punto di vista della difesa, il deputato conservatore Daniel Kawczynski ha sottolineato che il Regno si posiziona come modello dal punto di vista dei diritti delle donne, della tolleranza religiosa e dell'attuazione dello stato di diritto e della democrazia.

Per quanto riguarda l'aspetto giuridico, il professor Marc Weller, titolare della cattedra di diritto internazionale e studi costituzionali internazionali presso l'Università di Cambridge, ha indicato che la posizione del Marocco si basa sui legami giuridici che esistono tra il Marocco e il Sahara da tempo immemorabile, osservando che l'esistenza di tali legami è stata confermata dalla Corte internazionale di giustizia nel 1975.

Da parte sua, il presidente del Consiglio della regione di Dakhla-Oued Eddahab, El Khattat Yanja, ha sottolineato lo sviluppo "spettacolare" della regione con megaprogetti a beneficio delle popolazioni locali.

Questo sviluppo a tutto tondo è fatto in conformità con la Visione Reale di rendere le province meridionali del Regno un polo di sviluppo economico, sociale e ambientale, contribuendo allo sviluppo di tutta l'Africa, ha aggiunto.

Infine, l'ambasciatore del Marocco nel Regno Unito, Hakim Hajoui, ha sottolineato che "l'iniziativa di autonomia marocchina è l'unica proposta realistica per risolvere questa disputa regionale", ritenendo che la sua attuazione consentirebbe di trasformare tutte le minacce alla regione in opportunità di sviluppo.

L'incontro si è svolto alla presenza di una quindicina di parlamentari e Lord, tra cui membri della Commissione Affari Esteri, che hanno accolto con favore le varie presentazioni sul piano d'autonomia marocchina per le province meridionali.

È stato anche segnato dalle testimonianze di parlamentari e uomini d'affari che hanno visitato la regione e hanno potuto vedere in prima persona il suo sviluppo.




-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024