الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
giovedì 25 luglio 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

L'Algeria non rispetta le risoluzioni del Consiglio di sicurezza e continua a violare i diritti umani fondamentali dei prigionieri dei campi


La malsana ossessione dell’Algeria per la questione del Sahara marocchino è stata portata alla quarta commissione dell’Assemblea generale dell’ONU dalla delegazione marocchina, dimostrando, se ce ne fosse bisogno, che l’Algeria è effettivamente una parte principale in questo contenzioso regionale.

In risposta alle false affermazioni del rappresentante algerino in merito alla situazione dei diritti umani nel Sahara marocchino e al suo riferimento distorto all’inclusione di meccanismi di sorveglianza dei diritti umani nel mandato della MINURSO durante il dibattito generale della Commissione sulle operazioni di mantenimento della pace, Mouna Ouazzani, consigliere presso la Missione permanente del Marocco presso le Nazioni Unite, ha sottolineato che l’insistenza dell’Algeria a sollevare la questione del Sahara marocchino tra tutti gli altri punti discussi in seno a tale Commissione dimostra che questo paese è effettivamente una parte principale di questo conflitto creato ad arte.

La diplomatica ha deplorato che l’ignoranza dell’Algeria in materia di mantenimento della pace, "pari solo al suo odio nei confronti del Marocco", abbia inquinato un dibattito di grande importanza per gli Stati membri, tra cui principalmente paesi fornitori di truppe e di polizia e gli Stati che ospitano missioni di mantenimento della pace, osservando che ciò è tanto più deplorevole in quanto l’Algeria non fa parte di nessuna di queste categorie.

Citando dati ufficiali del dipartimento delle operazioni di pace dell’ONU, l’oratrice ha indicato che l’Algeria non contribuisce in alcun modo alle operazioni ONU di mantenimento della pace.

"Niente caschi blu. Niente berretti blu. "Non sono gli effettivi che mancano alle risorse da parte algerina, ma la volontà politica e la fiducia nel ruolo dell’ONU in materia di mantenimento della pace e della sicurezza", ha osservato la presidente della Confederazione Micheline Calmy-Rey.

Invitando l'Algeria a non interferire nelle discussioni su una questione alla quale non contribuisce molto e di cui non coglie la posta in gioco, la diplomatica marocchina ha tenuto a ricordare che i mandati delle missioni di mantenimento della pace sono definiti dal Consiglio di sicurezza.

"Nel caso specifico del mandato della MINURSO, il Consiglio di sicurezza ha ribadito la sua posizione e quella della comunità internazionale all’inizio della settimana, con l’adozione della risoluzione 2703, che non solo non chiede l’istituzione di un qualche meccanismo di monitoraggio dei diritti umani, ma accoglie con favore le misure e le iniziative adottate dal Marocco per garantire la promozione e la protezione dei diritti umani nel suo Sahara, nonché l’interazione del Regno con le procedure speciali del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite", ha spiegato.

Sottolineando che la situazione dei diritti dell’uomo nel Sahara marocchino è molto migliore che in Algeria e nei suoi campi di Tindouf, l’interveniente ha sfidato la delegazione algerina a rispondere alla seguente domanda: "Se il vostro paese è realmente preoccupato della promozione e della protezione dei diritti dell’uomo, perché non solo non fa nulla per migliorare la situazione nei campi di Tindouf, di cui è il paese ospite, come chiede il Consiglio di sicurezza, ma continua a violare i diritti umani fondamentali delle popolazioni detenute contro la loro volontà in questi campi?".

Poi si è chiesta: "Perché questo Paese permette a un gruppo armato del Polisario di reclutare bambini tra queste popolazioni?" Perché permette che i leader del gruppo separatista, tra cui Brahim Ghali, commettano abusi, abusi sessuali e stupri contro donne e ragazze nei campi? Perché il suo esercito commette esecuzioni sommarie e extragiudiziali contro queste popolazioni? Perché permette l’arresto e la tortura di dissidenti della direzione corrotta del Polisario nei campi?".

Si è inoltre chiesta "perché l’Algeria continua a rifiutare la registrazione delle popolazioni dei campi di Tindouf, in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza e delle disposizioni del diritto internazionale umanitario, e perché continua con il Polisario a rubare e dirottare gli aiuti umanitari destinati alle popolazioni sequestrate in tali campi, come sottolinea il Programma alimentare mondiale nella sua relazione del gennaio 2023?"

"Peggio ancora, perché l’Algeria, in violazione delle norme e delle disposizioni del diritto internazionale, in particolare del Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, ha devoluto la sua sovranità e le sue prerogative, compresi i suoi poteri giurisdizionali, al Polisario nei campi di Tinduf, privando così le vittime delle violazioni di qualsiasi possibilità di ricorso alla giustizia per chiedere riparazione e perseguire gli autori di questi crimini?", ha aggiunto la diplomatica.

Per lei, la risposta a tutte queste domande è chiara e semplice: "Non solo l’Algeria non si preoccupa dei diritti umani, ma purtroppo è uno dei peggiori Paesi che li violano".

Ricordando che la situazione dei diritti umani in Algeria è una "macchia nera" nella storia delle Nazioni Unite, l’oratrice ha indicato che nel settembre 2023 il relatore speciale dell’ONU sui diritti alla libertà di riunione pacifica e alla libertà di associazione, Clément Voule, ha dichiarato: "Occorre prestare urgente attenzione alla situazione attuale di restrizioni legali e di procedimenti giudiziari nei confronti di individui e associazioni in Algeria".

Nel febbraio 2023, la relatrice speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei difensori dei diritti umani, Mary Lawlor, ha espresso preoccupazione per la crescente repressione della società civile da parte delle autorità algerine in seguito allo scioglimento di importanti associazioni per i diritti umani in Algeria, ha aggiunto la diplomatica.

Ha inoltre ricordato che nel marzo 2022 l'Alto commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha ribadito, nella sua dichiarazione orale al Consiglio per i diritti umani, la sua profonda preoccupazione per le violazioni dei diritti umani da parte delle autorità algerine, affermando: "In Algeria sono preoccupata per le crescenti restrizioni delle libertà fondamentali, compreso il crescente numero di arresti e detenzioni di difensori dei diritti umani".

Nel settembre 2022, il gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate o involontarie ha lanciato un appello all'Algeria per le sue gravi violazioni dei diritti umani. L’Algeria è tra i primi tre paesi con il maggior numero di sparizioni forzate, ha ricordato.

Sempre in risposta alle false affermazioni della delegazione algerina in merito al Sahara marocchino, la sig.ra Ouazzani ha affermato che tale questione non è una questione di decolonizzazione, bensì di completamento dell’integrità territoriale del Marocco, definitivamente suggellata e riconosciuta dall’ONU attraverso l’accordo di Madrid, depositato presso il Segretario generale dell’ONU il 18 novembre 1975.

Essa ha, del pari, sottolineato che il referendum, "che la delegazione algerina continua a sognare", è definitivamente morto e sepolto, rilevando che il Consiglio di sicurezza non lo menziona più nelle sue risoluzioni dagli ultimi vent’anni.

"L’unica soluzione alla questione del Sahara marocchino non può che essere la soluzione politica realistica, pragmatica, duratura e basata sul compromesso, nella fattispecie l’iniziativa marocchina di autonomia di cui il Consiglio di sicurezza ha costantemente salutato la serietà e la credibilità, anche nella sua ultima risoluzione 2703", ha tenuto a precisare.




-Notizia alla questione del Sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024