الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
martedì 25 giugno 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

L'ambasciatore rappresentante permanente del Marocco presso le Nazioni Unite, Omar Hilale, ha difeso davanti al Consiglio di sicurezza a New York il rispetto del principio del buon vicinato, dei valori universali del vivere insieme e dell'imperativo della non ingerenza negli affari interni degli Stati.


In occasione di un dibattito aperto sul "rafforzamento delle misure di fiducia per la perpetuazione della pace", presieduto dal ministro degli affari esteri svizzero Ignazio Cassis, il cui Paese assume la presidenza di turno del Consiglio per il mese di maggio, Hilale ha sottolineato che i conflitti attuali ed emergenti suscitano dinamiche geopolitiche e transfrontaliere multidimensionali e complesse, che richiedono il rafforzamento del multilateralismo, favorendo approcci inclusivi, in particolare attraverso il pieno rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità nazionale degli Stati membri.

In questo contesto ha insistito sulla promozione della mediazione e del dialogo, nonché sul rafforzamento della perpetuazione e del consolidamento della pace, quali misure di fiducia sine qua non che contribuiscono alla prevenzione dei conflitti e promuovono la stabilità e lo sviluppo degli Stati.

Per costruire una pace duratura in grado di far fronte alle sfide multidimensionali della sicurezza del XXI secolo, l’ONU, e in particolare il Consiglio di sicurezza, dovrebbe continuare a ricorrere alla Carta delle Nazioni Unite per prevenire i conflitti e promuovere la soluzione pacifica delle controversie.

In tale contesto, il signor Hilale ha sottolineato che, nel quadro della sua sollecitudine a favore della promozione dei diritti della donna e conformemente alle altissime istruzioni di Suo Maestà il Re Mohammed VI, il Marocco ha lanciato il suo piano d'azione nazionale sulle donne, la pace e la sicurezza il 23 marzo 2022, a sostegno della risoluzione 1325 del Consiglio di sicurezza. Ha anche messo in atto politiche sensibili al genere che rafforzano la partecipazione, la resilienza e la leadership delle donne e dei giovani in tutti i campi.

Il diplomatico ha rilevato che il Marocco riconosce anche il ruolo dei giovani nella promozione della pace e della sicurezza nelle loro comunità e la necessità che essi contribuiscano al processo decisionale a livello nazionale, regionale e internazionale.

"Questi giovani non rappresentano solo il futuro, ma anche una fase cruciale del nostro presente, e i loro apporti contribuiscono in modo sostanziale a plasmare gli sforzi di prevenzione dei conflitti e di perpetuazione della pace", ha aggiunto.

L’ambasciatore ha inoltre ritenuto che il ricorso a una serie di approcci e strumenti di rafforzamento della fiducia resta in grado di costruire una pace duratura e duratura di fronte alle sfide pressanti, aggiungendo che "quando le Nazioni si fidano, sono più inclini a lavorare insieme, a cooperare e a trovare soluzioni ai problemi comuni".





-Notizia riguardo alla questione del sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024