الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
sabato 20 aprile 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

Diversi mezzi di comunicazione africani hanno sottolineato l'adesione recentemente di tre nuovi paesi del Continente all'"Appello solenne all'espulsione della pseudo-rasd dell'Unione africana" detto "Appello di Tangeri", sottolineando che è stato avviato il processo di esclusione di questa entità fantoccio dalle istanze dell'UA.


I media africani tornano sulla recente firma a Marrakech di questo primo Incontro di follow-up dell'"Appello di Tangeri", da parte di tre ex ministri degli Esteri di Lesotho, Madagascar e Gambia, di questo Appello, lanciato il 04 novembre 2022 a Tangeri.

Si tratta dei sigg. Lesego Makgothi, ex ministro degli Esteri del Regno del Lesotho, Patrick Rajoelina, ex ministro degli Esteri della Repubblica del Madagascar e Lamine Kaba Badjo, ex ministro degli Affari Esteri della Repubblica del Gambia. Con questi nuovi Paesi, il numero dei firmatari sale a 19.

Nell'ambito del seguito dato all'"Appello solenne all'espulsione della pseudo-rasd dall'Unione africana", detto "Appello di Tangeri", i firmatari di detto Appello hanno tenuto la loro prima riunione di seguito, il 28 gennaio a Marrakech, in Marocco, ha scritto, a tale proposito, il giornale ivoriano "Fraternité Matin", notando che nel corso di tale riunione "i firmatari hanno ribadito i loro impegni a operare di concerto e in coordinamento a favore dell'esclusione di questa entità non statale pseudo rasd dall'Unione africana".

Pur segnalando che delle campagne di riflessione hanno permesso di giungere all'elaborazione di un "Libro bianco", la pubblicazione ivoriana sottolinea che tale documento "sviluppa un'argomentazione fattuale e storica inconfutabile".

Si tratta, scrive il media, di un documento giuridico e politico di riferimento, "che materializza una visione di un'Africa unita e di un panafricanismo rinnovato, lontano dalle ideologie di un altro tempo".

"I firmatari dell’Appello ritengono che tale esclusione sia legittima da un punto di vista giuridico. In ogni caso, insiste il documento, non deve essere considerata come un obiettivo irraggiungibile. D'altronde ciò si inserisce in una dinamica continentale e internazionale favorevole. Qui i firmatari sono formali, il realismo e il pragmatismo devono prevalere. Tutto ciò che costituisce un prerequisito indispensabile per il ritorno dell’imparzialità e della credibilità dell’Organizzazione panafricana sulla questione del Sahara", fa notare il giornale.

Il processo di esclusione della pseudo-rasd dell'Unione africana "è iniziato", ha scritto il portale "Africa24", rilevando che il "Libro bianco" elaborato dai firmatari dell'"Appello di Tangeri" costituisce la tabella di marcia del processo di esclusione di questa repubblica chimerica dalle istanze dell'UA.

Il mezzo ricorda che gli ex Primi Ministri e Ministri degli Affari Esteri Africani, firmatari dell'"Appello di Tangeri", sono stati ricevuti il 30 gennaio dal Ministro degli Affari Esteri, della Cooperazione Africana e dei Marocchini residenti all'estero, Nasser Bourita, al quale hanno consegnato il "Libro Bianco" che "avvia il processo di esclusione" di questa entità fantoccio, sostenuto da più di 30 Stati africani.

"Ci troviamo di fronte a un problema molto serio per quanto riguarda la questione della pseudo rasd. Non è fondata sulla legge, perché per quanto riguarda gli altri movimenti di liberazione in Africa, che si tratti del Sudan meridionale o del Sudafrica, dello Zimbabwe o del Mozambico, questi paesi non sono mai stati riconosciuti come membri dello Stato africano prima di diventare indipendenti. Ci deve quindi essere un modo legale per garantire che uno Stato diventi membro dell'Unione africana", ha scritto il portale riprendendo le parole di Raphael Tuju, ex ministro degli esteri del Kenya.

"L'elaborazione del Libro bianco dell'appello di Tangeri secondo i firmatari mira a rafforzare la coesione e l'equità in seno all'Unione Africana permettendo attraverso l'atto di espulsione della pseudo-rasd di risolvere in modo diplomatico e pragmatico la situazione nella regione del Sahara", fa notare la stessa fonte.

"Siamo tutti consapevoli del dinamismo della diplomazia marocchina, questo Libro bianco sarà trasmesso in via prioritaria ai capi di Stato e ai decisori affinché lo esaminino affinché questa iniziativa avviata possa essere spiegata a tutti coloro che dovevano esserlo", afferma il media, citando Jean Marie Ehouzou, ex ministro degli Affari esteri del Benin.

Il "Libro bianco", adottato all'unanimità dagli ex primi ministri e ex ministri africani nel corso della prima riunione di follow-up dell'"Appello di Tangeri" a Marrakech sabato 28 gennaio, riconosce che la presenza della "rasd" in seno all'UA costituisce un ostacolo all'integrazione africana, sottolinea il media africano.

Quasi tre mesi dopo la sigla, il 04 novembre 2022 a Tangeri, dell'"Appello solenne all'espulsione della pseudo Rasd dall'Unione Africana", detto "Appello di Tangeri", i firmatari del documento si sono riuniti, sabato 28 gennaio 2023 a Marrakech per la loro prima riunione di valutazione, ha, dal canto suo, scritto l'Agenzia Africana "APAnews" in un articolo dal titolo "L'Appello di Tangeri" insiste per l'espulsione della "rasd" dell'Unione Africana 1.

"Forti delle varie raccomandazioni della Campagna di riflessione panafricana sulle sfide dell'Unione africana in relazione alla questione del Sahara, discusse in cinque seminari subregionali organizzati tra maggio e ottobre 2021, a Nouakchott, Dakar, Accra, Dar Es Salaam e Kinshasa, i firmatari dell'"Appello solenne all'espulsione della pseudo "Rasd" dell'Unione africana", hanno discusso un progetto di "Libro bianco" e l'hanno adottato all'unanimità, dopo avervi "apportato i loro preziosi contributi" due contributi", rileva l'Agenzia.

Da parte loro, i giornali "Lesotho Times", "Allafrica" e "GhanaWeb" indicano che due paesi della Comunità di sviluppo dell'Africa australe (SADC), il Lesotho e il Madagascar, hanno appena firmato con il Gambia l'Appello solenne per l'espulsione della pseudo "rasd" dell'Unione africana (UA), conosciuto con il nome di "Appello di Tangeri".

"I tre nuovi paesi africani hanno messo la penna su carta alla fine di gennaio a Marrakech durante la prima riunione di follow-up di +l'Appello di Tangeri+, che era stato firmato per la prima volta il 04 novembre 2022 a Tangeri", sottolineano le pubblicazioni.

A tale proposito, ricordano che l'"Appello di Tangeri" è stato inizialmente firmato da ex primi ministri ed ex ministri africani di Guinea-Bissau, Gibuti, Repubblica centrafricana, Somalia, Burkina Faso, Eswatini, Benin, Comore, Liberia, Gabon, Malawi, Capo Verde, Senegal, Repubblica democratica del Congo, Guinea e Kenya.

Il sito "Allafrica" ha scritto così come gli alti dignitari africani dell'"Appello di Tangeri", di cui tre nuovi firmatari, originari del Gambia, del Lesotho e del Madagascar, rinnovano così il loro appello ad escludere l'entità separatista dalle istanze dell'organizzazione africana, la cui presenza rappresenta "un freno all'integrazione economica regionale e continentale".

Anche altri mezzi di comunicazione del continente hanno riportato la notizia dell'adesione di questi tre nuovi paesi all'appello di Tangeri.

Alla riunione di Marrakech, i 19 firmatari hanno ribadito il loro impegno a lavorare insieme e ad escludere questa entità non statale dall'Unione africana, si continua a sostenere dalle stesse fonti.

"Forti delle diverse raccomandazioni della Campagna di riflessione panafricana sulle sfide dell'UA per quanto riguarda la questione del Sahara marocchino, discusse in cinque seminari subregionali, organizzati tra maggio e ottobre 2021 a Nouakchott, Dakar, Accra, Dar Es Salaam e Kinshasa, i firmatari dell'"Appello solenne all'espulsione della pseudo-rasd dell'Unione Africana", hanno discusso del progetto di "Libro bianco" che hanno adottato all'unanimità, dopo avervi apportato i loro preziosi contributi ", si segnala.

Il "Libro bianco" ammette che la presenza in seno all'UA della pseudo "rasd", emanazione non statale di un gruppo separatista armato, illustra la vulnerabilità istituzionale dell'Organizzazione e rappresenta un freno incontestabile all'integrazione economica regionale e continentale.

I deputati, inoltre, sottolineano la necessità di una politica di prevenzione e di repressione efficace e di un'efficace attuazione della strategia di Lisbona, nonché di un'efficace attuazione della strategia di Lisbona. Gli ex dirigenti africani hanno denunciato la presenza di questa entità fantoccio in seno all’UA.

Nel corso dell'incontro, l'onorevole Bourita ha sottolineato che la presenza della pseudo "rasd" è "un ostacolo istituzionale" e "un'anomalia" in seno all'Unione africana.

"L'esistenza della pseudo-rasd è un'aberrazione giuridica perché non corrisponde agli elementi costitutivi di uno Stato a livello internazionale", ha insistito il ministro marocchino, aggiungendo: "La sua presenza è un ostacolo istituzionale e un'anomalia in seno all'organizzazione panafricana" e l'esistenza della "rasd" costituisce un problema per l'Africa.


-Notizia riguardo alla questione del sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024