الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
venerdì 7 ottobre 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

A New York la Repubblica di Guinea ha ribadito il proprio sostegno al piano d'autonomia proposto dal Marocco per risolvere la controversia regionale sul Sahara.


Parlando in occasione della riunione annuale del Comitato dei 24 (C24) dell'ONU, il primo consigliere incaricato degli affari sociali, umanitari e culturali, alla Missione permanente della Repubblica di Guinea all'ONU, ha sottolineato che il suo Paese riconosce e saluta la buona fede e il senso di responsabilità politica del governo marocchino che non risparmia alcuno sforzo per rispettare i suoi impegni, conformemente al diritto internazionale e alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza.

Ha altresì lodato gli sforzi lodevoli del Segretario generale dell’ONU, che danno nuovo slancio ai processi di pace e di sicurezza avviati dai suoi predecessori in Africa in generale e nella regione del Sahara in particolare.

In tale contesto, la Repubblica di Guinea si compiace dell’organizzazione periodica delle tavole rotonde con la partecipazione di tutte le parti interessate, nella fattispecie l’Algeria, il Marocco, la Mauritania e il Polisario, conformemente alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza, in particolare la risoluzione 2602, adottata il 29 ottobre 2021.

"In questo approccio che obbedisce al processo politico che occorre incoraggiare, gli attori devono mostrare realismo e flessibilità per giungere a una soluzione politica, pragmatica e duratura con un compromesso più accettabile, come raccomandano le 18 risoluzioni adottate dal Consiglio di sicurezza in materia dal 2007", ha sottolineato il diplomatico guineano.

Ha inoltre auspicato che le azioni dell’inviato personale del SG dell’ONU per il Sahara, Staffan de Mistura, si allineino con quelle del suo predecessore, Horst Kohler, con la ripresa del processo delle tavole rotonde, che obbediscono allo stesso formato e invitano le stesse parti interessate.

Il diplomatico ha inoltre evidenziato le riforme istituzionali ed economiche volte alla promozione dei diritti umani e allo sviluppo nelle province del Sud, in particolare a Laâyoune e Dakhla, congratulandosi con il Marocco per il successo delle elezioni generali legislative, comunali e regionali su tutto il suo territorio nazionale, compreso il Sahara, l'8 settembre 2021.

A questo proposito, ha evidenziato la partecipazione dei rappresentanti eletti del Sahara marocchino ai seminari regionali del C24 e alle tavole rotonde di Ginevra, il pieno rispetto del cessate il fuoco nel Sahara, aggiungendo che gli sforzi per la lotta contro la COVID-19 nella regione "denotano la volontà espressa delle autorità marocchine di cooperare per una soluzione duratura del conflitto".

Il diplomatico ha inoltre ricordato che il suo paese ha inaugurato un Consolato generale nelle province del Sud "dove le condizioni di vita delle popolazioni sono una reale priorità delle autorità marocchine".


-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022