الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
venerdì 7 ottobre 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

La vicepresidente della regione Dakhla-Oued Eddahab, Ghalla Bahiya, ha messo in evidenza, lunedì davanti ai membri del Comitato dei 24 (C24) dell'ONU, il crescente sostegno internazionale alla legittimità dei diritti del Marocco sulle sue province del sud e del piano di autonomia come unica e unica soluzione alla controversia regionale intorno al Sahara.


Parlando a una riunione del C24 tenutasi a New York, in qualità di rappresentante democraticamente eletta dalle popolazioni del Sahara marocchino, la signora Bahiya ha affermato che tale riconoscimento è stato coronato dal sostegno molto ampio da parte della maggioranza dei paesi africani, arabi, europei e altre regioni, nonché dall’inaugurazione di 25 consolati generali nelle città di Dakhla e Laâyoune.

In tale contesto ha rilevato che il momento a favore del piano di autonomia "dà infatti alla popolazione della regione la speranza che una soluzione politica alla controversia regionale sul Sahara sia più vicina che mai, per porre fine a una situazione che è durata troppo a lungo".

L'eletta del Sahara marocchino ha fatto notare che la recente decisione della Spagna di fornire un sostegno inequivocabile al piano di autonomia come la base più seria e credibile per risolvere questa controversia regionale costituisce una "tappa storica" che l'ONU e il C24 devono considerare per chiudere questo dossier.

"Le decisioni sovrane e forti di Stati Uniti, Francia, Germania, Paesi Bassi, Romania e Spagna, della maggior parte dei paesi arabi e di un gran numero di Stati africani a sostegno del piano di autonomia rispondono a questa realtà sul terreno, lontano dal dogmatismo ideologico ancora praticato da un pugno di paesi", ha spiegato.

E sottolineare che tutti questi sviluppi confermano l'irreversibilità della marocanità del Sahara e del piano di autonomia come unico risultato del processo politico delle Nazioni Unite sulla questione del Sahara marocchino.

Parlando dell'emancipazione delle donne nelle province meridionali, Ghalla ha indicato di far parte di una generazione di donne marocchine che svolgono un ruolo chiave nell'elaborazione e nell'attuazione delle politiche di sviluppo nazionale, nel quadro dell'Alta visione di SM il re Mohammed VI per l'uguaglianza di genere come fondamento di una società moderna e democratica.

"Come le altre regioni del Regno, le donne del Sahara marocchino svolgono un ruolo attivo, su un piano di parità con gli uomini, nella rappresentanza della popolazione saharawi e nella gestione democratica dei suoi affari attraverso Consigli regionali e locali eletti, nel quadro della regionalizzazione avanzata", ha sostenuto, notando che le elezioni dello scorso settembre, che hanno registrato il tasso di partecipazione più elevato a livello nazionale (66%), rappresentano una "tappa storica" nel contesto delle ambiziose riforme democratiche intraprese dal Marocco.

"L'elezione di giovani donne come me in questo scrutinio riflette i grandi progressi compiuti nel rafforzamento dell'uguaglianza di genere e nella promozione della partecipazione politica delle donne a livello locale, regionale e nazionale", ha dichiarato davanti ai membri del C24, aggiungendo che queste scadenze hanno dimostrato l'attaccamento dei saharawi alla loro marocanità e alla dinamica democratica virtuosa lanciata dal Re Mohammed VI.

Bahiya si è inoltre rammaricata del fatto che, mentre le donne del Sahara marocchino godono di pieni diritti umani, quelle dei campi di Tinduf, nell’Algeria sudoccidentale, continuano a subire in silenzio le peggiori forme di abuso, comprese le violenze sessuali, mentre i loro figli sono costretti a spostarsi verso paesi terzi, con la complicità attiva del paese ospite, l’Algeria.

Per quanto riguarda la dinamica riformatrice in atto nel Sahara marocchino, ha fatto osservare che la strategia di sviluppo del Marocco nelle province del Sud è un modello di solidarietà e un vero e proprio motore di sviluppo locale, regionale e continentale.

"La strategia di sviluppo del Marocco nelle province del Sahara è un modello di solidarietà e un vero motore di sviluppo locale, regionale e continentale. Il suo processo di sviluppo è aperto per affrontare le sfide e le opportunità future", ha dichiarato, affermando che quasi l'80% dei progetti socio-economici e strutturali previsti nel quadro del nuovo modello di sviluppo lanciato dal Sovrano nel 2015 sono stati realizzati. In tale contesto ha citato Dakhla Port Atlantique che sarà la più grande struttura portuale in acque profonde dell'Africa.

L'oratrice ha osservato che l'obiettivo ultimo è che il Sahara marocchino si inserisca pienamente in questa dinamica di crescita di cui beneficia l'Africa, non solo su scala continentale ma anche a livello internazionale.

"Il Sahara marocchino sta per diventare un polo economico regionale africano", ha sottolineato, ricordando che la regione ha ospitato il Forum di investimento Marocco-Stati Uniti l'8 e il 9 marzo 2022 e ha visto l'apertura nel corso dello stesso mese della Camera di commercio marocchino-brasiliana a Dakhla, il che conferma, secondo la signora Bahiya, la posizione economica privilegiata della regione.

Per quanto riguarda la situazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali nelle province meridionali, l’eletta saharawi ha precisato che le popolazioni, come le altre regioni del Regno, godono delle garanzie stipulate in virtù della Costituzione e degli strumenti internazionali dei diritti dell’uomo, nonché del diritto alla vita, al movimento e alla sicurezza.

Citando l'ultimo rapporto dell'SG dell'ONU presentato al Consiglio di sicurezza nell'ottobre 2021, l'oratrice ha rilevato che diverse delegazioni straniere (diplomatici, giornalisti e ONG) hanno effettuato visite in loco nelle province del Sud del Marocco.

La vicepresidente della regione Dakhla-Oued Eddahab ha inoltre messo in guardia sulle continue violazioni dei diritti dell'uomo a cui sono sottoposti in particolare le donne, le ragazze e i bambini nei campi di Tinduf, nel sud-ovest dell'Algeria.

"Numerose ONG per i diritti umani hanno espresso la loro preoccupazione per le brutali violazioni dei diritti umani contro le donne, le ragazze e i bambini nei campi di Tindouf, in particolare il ricorso generalizzato alla violenza sessuale, allo stupro, alla tortura, alla schiavitù, all'arruolamento di bambini soldato e alla privazione della libertà di movimento", ha ricordato, ricordando che il Comitato per i diritti umani dell'ONU ha espresso le sue inquietudini per gli effetti della devoluzione di fatto dei poteri da parte del paese ospite dei campi di Tindouf al +polisario+, un gruppo armato non statale.

Sottolineando che la protezione delle popolazioni in questi campi richiede un'azione urgente da parte della comunità internazionale, l'eletta del Sahara marocchino ha esortato il Comitato dei C24 "a non ignorare le sofferenze" delle donne, delle ragazze e dei bambini saharawi e ad adottare misure concrete per rompere il silenzio imposto nei campi di Tinduf, in violazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e del diritto internazionale umanitario.


-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022