الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
sabato 20 aprile 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

Il piano d'autonomia presentato dal Regno Unito nel 2007 costituisce "la proposta più credibile e seria per una soluzione duratura e definitiva", alla controversia artificiale che circonda il Sahara marocchino, ha sottolineato venerdì il senatore francese Ludovic Haye.


In occasione di un incontro con Driss El Kaissi, console generale del Marocco a Strasburgo, Haye ha espresso il suo apprezzamento per la forte partecipazione dei saharawi alle ultime elezioni, superiore alla media del paese.

Il senatore dell'Alto Reno (Grande Est), membro della commissione per le leggi costituzionali, la legislazione, il suffragio universale, il regolamento e l'amministrazione generale, e della commissione per gli affari europei, nonché dell'Ufficio parlamentare per la valutazione delle scelte scientifiche e tecnologiche, ha ritenuto che la partecipazione delle popolazioni saharawi a questo scrutinio costituisce "un segno del loro attaccamento alla loro nazione".

L’onorevole Haye, che è membro del gruppo della maggioranza "Raduno dei democratici, progressisti e indipendenti", ha inoltre salutato le riforme adottate dal Regno che ha definito "uno dei paesi più stabili del Maghreb, grazie alle grandi riforme intraprese da Suo Maestà il Re".

Lo scambio tra le due parti ha riguardato anche il ruolo svolto dal Marocco sull’insieme del continente africano nel quadro della promozione della cooperazione Sud-Sud, che secondo il senatore francese costituisce un "modello da seguire per i paesi della regione".

L'incontro è stato anche l'occasione per esporre al senatore francese le varie azioni che questo Consolato conduce a vantaggio della comunità marocchina nella regione, in particolare quelle rivolte alle donne e ai giovani.

Queste azioni hanno fatto del consolato uno spazio di incontro e di scambio tra i membri della Comunità marocchina, e un laboratorio di montaggio di progetti in uno spirito costruttivo, che coinvolge sia i rappresentanti dello Stato, gli eletti, gli attori economici, e il tessuto associativo a livello locale, indica un comunicato della rappresentanza consolare del Regno a Strasburgo.

I settori dell'energia e del digitale sono stati inoltre discussi con la volontà di rafforzare la cooperazione bilaterale attraverso il coinvolgimento della ricerca universitaria in progetti comuni, aggiunge la stessa fonte.


-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas-











 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024