الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
lunedì 20 maggio 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

Il direttore dell'osservatorio di studi geopolitici a Parigi, il sig. Charles Saint Prot, ha affermato che il ruolo del rappresentante personale del segretario generale delle Nazioni Unite per Sahara, il sig. Peter Van Walsum, in tondo nella regione del Magreb dal 6 al 14 febbraio, consiste nel convincere l'Algeria ed il polisario non ad assumere "un atteggiamento di blocco".



"il ruolo del sig. Peter Van Walsum consiste soprattutto nel convincere le altre parti al conflitto, i dirigenti algerini e Polisario,  di non assumere un atteggiamento di blocco e mostrare ragionevoli per fare avanzare concretamente il processo dei negoziati", ha sottolineato lunedì il sig. Charles Saint Prot, in un'intervista alla MAP.

La visita nella regione del responsabile onusiano riveste una "grande importanza poiché è sostenuta dal Consiglio di sicurezza che ha recentemente esaminato la relazione del sig. Ban Ki-moon sui progressi dei negoziati di Manhasset", ha notato il sig. Charles Saint Prot, anche direttore della rivista "studi geopolitici", aggiungendo che questa visita ha lo scopo di procedere a consultazioni approfondite per preparare il 4è round dei negoziati, previsto dell'11 al 13 marzo 2008.

"Poiché il Consiglio di sicurezza ha considerato l'iniziativa marocchina come una base seria di raggiungere una soluzione politica, è chiaro che i negoziati devono riguardare l'applicazione della sola proposta seria che è attualmente sulla tavola, cioè la proposta del Marocco", ha insistito.


Per Charles Saint Prot, "tutti gli osservatori oggettivi riconoscono che il piano d'autonomia, nel quadro della sovranità del regno, presentato dal Marocco nel 2007, costituisce la sola soluzione adeguata per regolare definitivamente" il problema del Sahara.

"Al termine del tondo del Sig. Van Walsum, si vedrà più chiaramente quale è il grado in buona fede degli uni e degli altri", ha detto, precisando che "su questo punto, si può considerare che l'affare rocambolesco in occasione dell'esposizione annuale sull'industria petrolifera e gaziera di Houston negli Stati Uniti, di un'indizione di gara d'appalto sul potenziale petrolifero e gazier di Laâyoune, è un tipo di manipolazione ed una provocazione che lasciano male prevedere buone disposizioni dei dirigenti del Polisario".

 Qualificando quest'affare di "illegale sul piano del diritto internazionale", M.Saint Prot ha segnalato che "questa preteso gara d'appalto è anche che insulta per la popolazione della regione del Sahara nella misura in cui un'organizzazione di separatisti non eletta, non rappresentativa e non incaricata pretende di disporre dei beni di questa regione".

Dopo avere ricordato che il piano d'autonomia costituisce per molti paesi, fra cui la Francia, gli Stati Uniti, degli stati arabi, tra l'altro, un'opzione "seria e credibile", il politologo ha fatto osservare che "è anche il caso di molte personalità politiche algerine (l'ex presidente Ben Bella, Saïd Saadi, Hocine Aït Ahmed, Abdelkader Ouaad, Louisa Hanoune, ecc..)".

"Più ancora, numerosi membri del Polisario hanno comunicato il loro desiderio di ricongiungersi all'iniziativa marocchina d'autonomia", ha sollevato, aggiungendo che su questo punto, "è importante notare che parallelamente all'ultimo congresso del Polisario, nel dicembre 2007, molte centinaia di persone dissidenti del Polisario si sono riunite a Gjijimat per proclamare la loro adesione alla proposta marocchina per il negoziato di uno statuto d'autonomia nella regione del Sahara".

"In queste condizioni, ci si può chiedere se i dirigenti del Polisario, confrontati ad un'opposizione interna sempre più importante, vogliono realmente raggiungere una soluzione.

"In ogni caso, sono al piede della parete ", hanno constatato Charles Saint Prot, medico in scienze politiche, autore di una trentina di lavori tradotti in inglese ed in Arabo.


" Considerando che la soluzione d'autonomia è "allo stesso tempo innovatrice, realistica e conforme alla buon'applicazione delle norme internazionali", ha ribadito che questa propostition costituisce una "possibilità che occorre osservare per uscire dal vicolo cieco".

 "In verità, ha aggiunto, gli analisti in buona fede sanno che c'è un'altra opzione possibile per mettere un termine ad un affare che soltanto è troppo durato, per regolare desolando vertenza tra il Marocco e l'Algeria e fare avanzare la costruzione del Magreb".

Secondo il direttore dell'osservatorio di studi geopolitici, l'autonomia nel quadro della sovranità marocchina "è anche il migliore mezzo per preservare i grandi equilibri geopolitici e la stabilità regionale".


"la soluzione è dunque a portata di mano, ora occorre che tutte le parti facciano mostrare di buona volontà nel quadro di un negoziato sincero ed occorre che cessano le manovre dilatori di alcuni che non sembrano stretti arrivare ad una soluzione", ha aggiunto. Ma, ha osservato, "tutto il problema è di sapere quale è il margine di manovra dei dirigenti del Polisario".

"È chiaro che sembra molto ridotta." Per essere più precisi, occorre sottolineare che i veri attori del conflitto non sono soltanto il Marocco e Polisario ma anche il regime algerino ", ha proseguito, segnalando che il popolo algerino non si sente riguardato da quest'affare e che desidera una riconciliazione ed una buona cooperazione con il suo vicino Marocchino."

"Sahara è un affare del regime, ed anche di alcune fazioni del regime algerino", ha dice, sottolineando che "l'Algeria d'oggi deve meglio fare che di concentrare la sua energia sulla causa persa di un paese immaginario".

Sull'entêtement dell'Algeria e del "Polisario" da chiedere un referendum, Charles Saint Prot ha affermato che "questa rivendicazione cambio della propaganda e dell'ostruzione nella misura in cui tutti sanno che un referendum non è più d'attualità".

"inizialmente, ha spiegato, non si può parlare di un referendum d'autodeterminazione poiché tale referendum non terrebbe alcun conto dei legami storici e giuridici tra il Marocco e le sue province del Sud in passato colonizzate dalla Spagna al termine di una divisione d'influenza con la Francia", spiattellando soltanto "in qualunque caso, un referendum è completamente impossibile, in particolare a causa del fatto che egli là non un collegio elettorale possibile".

 Di "quest'impossibilità è stata constatata dalla Comunità internazionale, è per questo che le Nazioni Unite invitano le parti al conflitto a trovare una soluzione negoziata", hanno aggiunto.

"Ci si può interrogare su fino all'estremità dei dirigenti del Polisario." Forse preferiscono continuare a regnare a Tindouf piuttosto che impegnarsi in un processo di riconciliazione?

Forse sono preoccupati per la stanchezza delle persone che sono sotto il loro controllo e delle defezioni sempre più importanti di quelli che accettano il piano proposto dal Marocco?"," si è interrogato il sig. Charles Saint Prot.


Fonte : MAP

-Notizia riguardo alla questione del Sahara Occidentale / Corcas -
 
 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024