الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
martedì 23 aprile 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti


 "Il polisario", con la sua storia di violazioni gravi dei diritti dell'uomo, di scomparse forzate e di liquidazioni fisiche ed altre estorsioni, di cui sono state e sono ancora vittime migliaia di persone nei campi di Tindouf, non può pretendere ad una rappresentatività dei sahariani né delle loro aspirazioni, ha affermato il sig. Mostapha Bouh Al Barazani, ex-membro dell'ufficio politico del"polisario".




Alla fine, "+ il polisario +, è soltanto una casta che balena dei miraggi", ha sottolineato, in occasione di una riunione tenuta mercoledì al palazzo delle nazioni con rappresentanti della stampa accreditata presso le Nazioni Unite a Ginevra.

 Il Sig. Bouh, in una relazione preliminare, ha denunciato il doppio discorso dei separatisti che tengono una retorica d'uguaglianza dinanzi alle istanze onusiane ed ONGs internazionali e si consegnano al quotidiano nei campi di Tindouf, in qualsiasi impunità e con la benedizione delle autorità algerine, alle pratiche di parte unica di ubbidienza totalitaria nei confronti delle loro vittime, delle popolazioni disarmate, private di tutto.

Oltre alle privazioni di qualsiasi tipo, le estorsioni individuali e collettive, le popolazioni tenute in ostaggio a Tindouf subiscono la segregazione attraverso un sistema machiavillico di casti.

Così, ha deplorato, la schiavitù è banalizzata e le relazioni nei campi sono disciplinate di padroni a schiavi, aggiungendo che le vittime di queste pratiche, che sono completamente tagliate dalle loro famiglie, sono incaricate dei lavori più duri e più che umilianti. Le persone schiavi, conservano i bestiami dei dirigenti del "polisario", senza avere diritto ad una retribuzione, sottolineando che questi bestiami sono acquisiti grazie alle entrate che provengono dalle deviazioni di una grande parte dell'aiuto umanitario.

Ad una questione sulla rivelazione di queste pratiche schiavisti, in ottobre scorso, da parte di giornalisti australiani e ripresa da molti mass media americani ed occidentali, il sig. Bouh Al Barazani, ha segnalato che se Violeta Ayala e Daniel Fallshaw, giornalisti d'indagine, non fossero riusciti a fuorviare la vigilanza degli accompagnatori polisariani, il fenomeno non sarebbe stato rivelato all'opinione pubblica internazionale.

"E questo ha colpito è soprattutto il fatto che un pseudo movimento che si dice impastato di valori di libertà, d'uguaglianza, d'umanismo e della cultura dei diritti dell'uomo si dedica a questa pratica", ha sottolineato.

 Ha anche citato il caso del giovane Soltana Bent Bilal che ha appena intentato un processo in Spagna, contro una cima dirigente del "polisario" per "schiavitù ereditaria". Dopo un soggiorno organizzato in questo paese, la giovane donna aveva rifiutato di tornare nei campi e si è resa ad un centro d'accoglienza della città di Murcia, ha ricordato.

Il Sig. Al Barazani ha dato a questa conferenza stampa una descrizione sulle riunioni della delegazione di ONGs e di associazioni delle province del sud che si trova attualmente a Ginevra, nel quadro della sesta sessione del Consiglio dei diritti dell'uomo (CDH/CDU), con alti responsabili di organizzazioni umanitarie e dei diritti dell'uomo.

Nel corso di quest'interviste, ha detto che  l'accento è stato messo sull'aspetto umanitario del conflitto del Sahara ,in particolare le sofferenze che sopportano le popolazioni sequestrate nei campi di Tindouf, in Algeria, che attendono un'uscita a questo conflitto artificiale, una soluzione che, secondo lui, non arriva a causa dei ritardi del "polisario".


Fonte:MAP

-Notizia riguardo all aquestione del Sahara Occidentale-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024