الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
sabato 28 gennaio 2023
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

"La risoluzione adottata oggi dal Consiglio di sicurezza segna innanzitutto una rottura netta con gli approcci del passato e con le diverse proposte già provate o espresse dal 1990, in particolare", ha affermato lunedì il sig. Taieb Fassi Fihri, ministro delegato agli Affari esteri ed alla Cooperazione.

 



In una dichiarazione resa al termine dell'adozione dal Consiglio di sicurezza di una nuova risoluzione sulla questione del Sahara, il ministro ha rilevato che è la prima volta, da luglio 2003, che il Consiglio di sicurezza non menziona più il Piano Baker II.

 

 

"È anche una risoluzione sostanziale che costituisce una svolta decisiva nella ricerca di una soluzione realistica e attuabile della questione", ha aggiunto il sig. Taieb Fassi Fihri che si trova a New York, in compagnia di una delegazione marocchina composta in modo particolare dai Sigg. Fouad Ali El Himma, ministro delegato all'interno, Mohamed Yassine Mansouri, Direttore Generale degli Studi e della Documentazione e Khalihenna Ould Errachid, Presidente del Consiglio Reale Consultivo per gli Affari del Sahara (CORCAS).

 

 

Il ministro ha d’altronde rilevato che il Consiglio di sicurezza non si è accontentato della semplice proroga tecnica, come lo fa regolarmente dal 2004. Questa volta, egli ha notato, il Consiglio ha invitato le parti ad avviare, in modo tempestivo e con tutta la buona volontà, un nuovo e vero processo di negoziati utili, sulla base dell’evoluzione scatenata durante questi ultimi mesi dall'iniziativa marocchina di autonomia.

 

A questo proposito, il Consiglio di sicurezza ha tenuto a congratularsi, ha aggiunto il ministro, per gli sforzi seri e credibili effettuati dal Marocco, questi ultimi mesi, sotto la guida di Sua Maestà il Re.

La risoluzione di oggi conforta, convalida e rappresenta, al livello dell'ONU, il reale appoggio ed il netto interesse della comunità internazionale all'iniziativa marocchina, di cui tutti hanno salutato la sincerità dell'impegno, il rigore della preparazione e la pertinenza della consultazione ed infine la sua finalità responsabile e costruttiva, ha sottolineato il sig. Taieb Fassi Fihri .

 

Il movimento operato dal Marocco è dunque, secondo il ministro, fortemente sostenuto ed apprezzato positivamente dal Consiglio di sicurezza che chiama le parti e gli Stati della regione a cooperare pienamente non solo con le Nazioni Unite, ma anche in modo reciproco e di non rimanere su delle posizioni rigide.

 

Un altro fatto significativo, ha aggiunto il sig. Taieb Fassi Fihri, risiede nel fatto che il Consiglio di sicurezza ha chiesto ad essere informato fra due mesi dell'avanzamento dei negoziati, dissociando in questo modo il processo politico dei negoziati dalle attività tecniche del MINURSO, il cui mandato è a lui prorogato di sei mesi.

 

La priorità è pertanto accordata a dei negoziati utili, seri ed immediati sulla base degli sforzi del Marocco, ha indicato il ministro.

 

Il Marocco afferma la sua intera disponibilità ad avviarsi in questo processo in uno spirito costruttivo e con la ferma volontà di mettere fine a questa contesa, realizzando anche in questo modo la riconciliazione in un Marocco unito e democratico, e il punto di partenza della costruzione effettiva dell'Unione del Magreb arabo.

 

Fonte: MAP

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2023