الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
mercoledì 26 gennaio 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

Il sig. Khalihenna Ould Rachid ha dichiarato, che, colla concessione di un'ampia autonomia per le province meridionali, il Marocco sarà un "modello" per l'Africa e il mondo arabo-islamico nell'area  del decentramento e la gestione democratica.



 Dopo che il sig Khalihenna Ould Rachid ha ribadito, in un'intervista al giornale (Aujourd'hui Le Maroc), che l'autonomia non costituisce "un passo verso l'indipendenza", ha descritto il progetto come "di credibile, realistico e moderno e democratico".

Egli ha aggiunto che il progetto d'autonomia è anche considerato uniniziativa "risolverà una volta per tutto", la cartella del Sahara, sottolineando che questo progetto è rivolto a " tutti i sahraoui ovunque si trovino" e non ad  un'organizzazione specifica  nè ad un'associazione particolare nè ad una parte della popolazione."

D'altra parte, egli ha osservato che il Consiglio Reale consultivo per gli Affari del Sahara, "che è direttamente collegato a Sua Maestà il Re", avrà il compito di realizzare lo sviluppo economico , sociale e culturale nelle province del sud e la difesa di sua marocanità  in coordinamento con i vari dipartimenti ministeriali e consigli eletti e la società civile, le tribù ed altri.

Secondo il sig Khalihenna Ould Rachid, qualsiasi incidente che può capitare in queste regioni sarà risolto dal Consiglio sulla base del "dialogo, la comprensione e la trasparenza."

In un'altro intervista pubblicato dal settimanale (La Nouvelle Tribune) nel suo ultimo numero, il signor Khalihenna Ould Rachid,che lil Consiglio Reale consultivo per gli Affari del Sahara non "ha ancora discusso",  la nota che deve essere presentata dal Marocco al Consiglio di sicurezza dell'ONU sull'ampia autonomia alle province meridionali.

Egli ha sottolineato che Sua Maestà il Re, "rispose la vecchia rivendicazione della popolazione del Sud che vive lontano dalla capitale della decentralizzazione o un'autonomia molto ampia, per consentire loro di contribuire alla politica di costruzione del Regno ".

 Khallihenna: “sono ottimista’’

 KhalliHenna Ould Rachid, nominato recentemente presidente del Consiglio reale consultivo per gli affari sahariani, è persuaso che il progetto d'autonomia metterà in fallimento le pretese dei separatisti.

Di seguito il testo dell’Intervista:

ALM: Come avete accolto la vostra nomina alla testa del  consiglio reale consultivo per gli affari sahariani?

 Khallihenna Ould Rachid: Sono molto onorato di essere incaricato dalla sua maestà il re di questa molto grande e missione nobile. Questa nomina è per me un orgoglio immenso.

ALM : Avete sempre chiamato a ciò che gli affari del Sahara siano gestiti dagli abitanti del Sahara. Ritenete che sia una vittoria per voi?

K.O.R. : La politica nazionale - come lo stipula la costituzione è determinato dalla sua maestà il re. È la sua maestà il re che definisce la politica che intende mettere in pratica. In questo contesto, sono soltanto un servo della sua maestà. Provo a riempire onestamente, esattamente ed onestamente le missioni di cui sono incaricato.

ALM : Dunque, la vittoria è quella della sua maestà. Come vedete la vostra azione pratica come il presidente del Consiglio?

K.O.R. : Il Consiglio reale consultivo per gli affari sahariani è un'istituzione che è bene definita dal Dahir reale che fissa le missioni e gli obiettivi che dobbiamo perseguire.

In primo luogo, il Consiglio deve occuparsi dello sviluppo economico, sociale e culturale nelle province del Sud.

Secondo deve difendere la marocanità del Sahara a livello tanto nazionale che internazionale. È un compito immenso che eseguiremo con professionalità, devozione e trasparenza con tutti i partecipanti, cioè i diversi dipartimenti ministeriali, i consigli eletti, tutta la società civile, le tribù, ecc.

ALM : Siete sempre contro l’immixtion che vi siete sempre qualificati come esagerata dal ministero dell'interno negli affari del Sahara?

K.O.R. : I compiti sono ora chiari. La sua maestà il re ha tutto definito. Il Consiglio è direttamente collegato a sua maestà. Occorre dire che il ministero dell'interno è un dipartimento molto importante che si occupa dell'amministrazione territoriale e che è allo stesso tempo membro del Consiglio, con il ministero degli esteri, l'agenzia di sviluppo delle province del Sud ed i vari wali e governatori delle province sahariane.

 Lavoreremo insieme perché lo sforzo nazionale, che sia nel settore politico, diplomatico, economico, sociale o culturale, sia orientato nella stessa direzione che la sua maestà ha definito chiaramente nel suo discorso storico del 25 marzo 2006, in occasione della visita reale nelle province del Sud.

ALM : Quale è la vostra posizione sul progetto d'autonomia sotto la sovranità marocchina. A vostro parere, che deve gestire questa regione autonoma: i Sahraoui dell'interno, di cui avete fatto parte, o Mohamed Abdelaziz Marrakchi e le sue truppe?

K.O.R. : È una questione prematura. Inizialmente, il Consiglio deve esprimere il suo parere sul progetto d'autonomia. Ma finora, posso dire che questo progetto d'autonomia è destinato all'insieme dei Sahraoui, dove si trovano, che sia nelle province del Sud, nei campi di Tindouf, o per le popolazioni di queste province che si trovano in Mauritania, in Spagna o altrove.

 Il progetto d'autonomia non si rivolge ad un'organizzazione determinata, ad un'associazione precisa o ad una parte degli abitanti, ma a tutti questi Sahraoui che hanno sempre rivendicato un posto eminente all'interno del regno. È un progetto credibile, reale, moderno e democratico. Inoltre, è un progetto civilizzato di gestione degli affari politici, economici e sociali. Questo progetto d'autonomia regolerà definitivamente il problema del Sahara.

Nessun Sahraoui onesto e patriota, non avrà il pretesto inferiore di dire soltanto egli è stato dimenticato, escluso stato, o è reso stato marginale. Il progetto d'autonomia non permetterà più la rinascita di pretese separatista. Ed una dei compiti principali del Consiglio è di convincere l'insieme delle popolazioni sahraoui di aderenti in maniera massiccia al successo di questo progetto storico. Sono ottimista per il seguito degli eventi.
 
ALM : L'autonomia è una buona cosa per Sahara, o risulterà nell'indipendenza richiesta a corno ed a grido dal Polisario?

K.O.R. : L'autonomia non è un passo per l'indipendenza. L'autonomia rafforzerà l'unità nazionale, l'integrità territoriale ed obbedisce ai criteri democratici di gestione del mondo moderno. Tutti i paesi europei, che compongono l'UE, sono paesi decentrati alla stregua degli Stati Uniti, la Federazione  della Russia, la Cina, l'India, il Brasile ed altri grandi paesi. Il Marocco diventerà un modello di decentramento e di gestione democratica degli affari nazionali. Sarà un modello per l'Africa ed il mondo arabo e musulmano.

Siamo chiari, l'autonomia è più ed una garanzia fondamentale dell'adesione delle popolazioni interessate da questo progetto per la coesione nazionale, l'unità nazionale, l'integrità territoriale e la sovranità marocchina sotto la condotta suprema della sua maestà il re, garante delle istituzioni e dell'unità del paese.

ALM : Avete iniziato la vostra missione alla testa del Corcas attraverso una prima uscita, lunedì scorso, a Smara. Come avete reagito alle agitazioni che ha conosciuto questa provincia del Sud?

 K.O.R. : È un problema secondario che è stato regolato nell'intesa totale tra gli enti locali e le persone interessate da quest'eventi. È una dei principali compiti del Consiglio, che si è conclusa con un successo totale. Il metodo che seguiremo per regolare questo tipo di problemi è basato sul dialogo, l'intesa e la trasparenza.

 

 


Fonte: MAP

- Attualità che riguarda la questione del Sahara occidentale/Corcas -

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022