الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
domenica 16 giugno 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Stampa scritta

L'ambasciatore del Marocco presso l'Onu a Ginevra, Omar Hilale, ha denunciato martedì come "la menzogna del secolo" l'atteggiamento dell'Algeria al Consiglio dei diritti dell'uomo presentandosi come osservatore nella vertenza sul Sahara.


"L'ambasciatore algerino sostiene che il suo paese è osservatore nella questione del Sahara Marocchino. Anche se non va all'ambasciatore algerino, è la menzogna del secolo", ha dichiarato Hilale che si esprimeva in nome del diritto di risposta all'intervento del diplomatico algerino in occasione del dibattito generale del Consiglio a Ginevra.

L'ambasciatore algerino ha fatto, prima tra il giorno, una dichiarazione dedicata interamente al Sahara marocchino, che accusa il Marocco "di danni quotidiani ai diritti dell'uomo" nelle sue province del Sud.
 
“Chi ha creato il polisario? è l'Algeria. Chi ripara il polisario? È l'Algeria. Chi finanzia il polisario? È l'Algeria. Chi arma il polisario? È l'Algeria", ha fatto osservare l'ambasciatore. Si è anche interrogato: "Chi inquadra la campagna diplomatica del polisario, mobilita e finanze le ONG a Ginevra? È bene i diplomatici algerini, come possiamo tutti constatarlo nei corridoi del palazzo delle nazioni", che ripara la sede dell'ONU.

"Trattandosi della situazione al Sahara marocchino ed anche se non va all'ambasciatore algerino, le sue città vivono in modo pacifico ed i loro abitanti svolgono tranquillamente le loro attività economiche, sociali, culturali e politici", ha sollevato Hilale. Non è il caso, ha notato, della città di Ghardaya in Algeria che somiglia maggiormente ad un campo di battaglia con le sue case bruciate, i suoi negozi saccheggiati, i suoi abitanti seguiti e le sue componenti socioreligiose strumentalizzate. Ha a questo proposito citato la dichiarazione fatta da un abitante di questa città ad una televisione europea, secondo la quale "Ghardaya è peggiore di Aleppo in Siria".

"Anche se non va all'ambasciatore algerino, il Sahara Marocchino è aperto agli ospiti stranieri, governi, Parlamenti, ONG, giornalisti e procedure speciali", ha sottolineato il diplomatico, che si chiede se l'Algeria può fare la stessa cosa. "Ne dubito molto poiché il relatore speciale sulla tortura aspetta da un decennio di potere recarsi in Algeria", ha detto.
 
Hilale anche, ha ricordato che il Marocco “è un paese di libertà d'espressione, d'opinione, di raccolta e di manifestazione perché è un paese democratico e rispettoso dei diritti dell'uomo". "Ma non è così nell'Algeria dove la libertà d'espressione è imbavagliata al quotidiano, i giornalisti perseguitati, le reti televisive chiuse, e la libertà di raccolta repressa da migliaia di poliziotti", ha precisato.
 
“Il mio collega algerino certamente negherà, come di solito, ma prima di farlo lo invito ad osservare Euronews, "CNN" o "Aljazeera" di questa mattina", ha suggerito Hilale che lo ha invitato anche a rileggere l'indignazione del relatore speciale sulla libertà d'espressione e d'opinione in seguito alla morte di un difensore dei diritti dell'uomo appena dopo avere incontrato Frank La Rue ad Algeri. "Da allora, nessun altro relatore speciale si è recato in questo paese", ha ricordato.

"Anche se non va al mio collega algerino, il Marocco è una terra di libertà culturali e linguistiche, e le lingue e culture delle sue varie componenti arabo-islamico, amazighe e saharo-hassani, sono dedicate nella costituzione", hanno tenuto a ricordare Hilale, affermando che non è il caso dell'Algeria che nega il diritto all'autodeterminazione culturale e linguistica alle sue popolazioni della Cabilia che vivono nell'oppressione e la privazione dei loro diritti fondamentali.

D'altra parte, ha segnalato che tutte le sensibilità politiche marocchine, anche quelle favorevoli alle tesi separatista che l'Algeria sostiene e finanzia generosamente, si rendono regolarmente a Ginevra, con passaporti marocchini, e ritornano al Sahara marocchino senza che siano preoccupate, ma non è così nell'Algeria.

Hilale a in questo contesto invitato il suo omologo algerino "a trasmettere le sue smentite alla Federazione algerina dei diritti dell'uomo che afferma che i passaporti dei difensori dei diritti dell'uomo sono confiscati per a impedirgli di recarsi a Ginevra per perorare i loro diritti legittimi dinanzi al nostro Consiglio".

"L'Algeria è l'ultimo paese da potere parlare dei diritti dell'uomo dinanzi al nostro Consiglio, mentre questi stessi diritti si muoiono in Algeria", ha concluso l'ambasciatore.
 



- Notizia riguardo alla questione del Sahara Occidentale/Corcas -

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024