الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
venerdì 7 ottobre 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Stampa scritta

Khalihenna : La formazione del consiglio ha preso in considerazione le bilancie tribali

Il presidente del corcas ha avuto un intervista con il settimanale "Le Journal" francese ;questo intervista ha focalizzato sui seguenti oggetti legati alla nomina del consiglio ,sua condizione ,sua formazione e sua opinione sull'autonomia al sahara ed anche le sfide davanti al consiglio per convincere i sahraoui all'interno ed all'estero della solluzione intermedia.
 



Qui sotto ed il testo de:ll'intervista:

Nominato non scelto, consultivo ma senza nessun potere di risoluzione, quindi senza supporto popolare, Corcas solleva la considerevole polemica. Dovremmo dargli un giudizio favorevole malgrado i relativi limiti istituzionali?

La risposta non può essere fatta oggi perché, secondo il relativo presidente, il Corcas ancora non conosce molto circa la relativa missione. Quello dipenderà dal re e dalla sua decisione soltanto. Le discussioni dei dimostranti non sono senza interesse. Secondo il professor Riyadh Fakhri, un avvocato alla facoltà di legge di Settat, dalla tribù sahariana Aït Lahcen, ci è una rappresentazione completa per quanto riguarda la composizione in Corcas.

Esso interessano Saharawi istruito nel Marocco, che erano fra Polisario ed il Marocco unito incaricati delle idee e dei progetti e quelle che sono stati installati in Europa.

 " L'ultimo, continua il R. Fakhri, può svolgere un ruolo importante per occuparsi della propaganda del Polisario in Europe.

" Secondo altri osservatori, Corcas può fare una rottura con il passato, se i relativi membri, particolarmente al livello della presidenza, dimostra l'apertura e l'immaginazione. La prima grande prova sarà proposta di autonomia.

Hebdomadaire del Le Journal: Ci sono proteste, sia all'interno del Corcas che dalla parte esterna sul fatto che la relativa composizione non aderisce all'equilibrio tribale del Sahara occidentale…

Khalihenna Ould Errachid: Risponderò a molto onesto. Il Corcas non è un corpo scelto. È un corpo di cui i membri si nominano da Sua Maestà. Così non ci può essere protesta quando un corpo si nomina. Tuttavia, la composizione nel Corcas aderisce all'equilibrio tribale perché tutte le tribù sono rappresentate.


JH: Sì, ma esso è disuguale ed ingiusto

KOE: No, è proporzionale alla loro importanza. E questo è  normale perfettamente. La composizione è basata essenzialmente sugli istituti universitari, un genere di cooptazione: ci è un istituto universitario dei funzionari eletti, dei delegati e dei consiglieri, presidenti dei consigli provinciali, presidenti delle camere di commercio, ecc.

 Ci è inoltre l'istituto universitario dei Chioukh, delle donne (10%), della gioventù e della società civile. 

JH: Il ministro della comunicazione ha detto che, comunque, l'insieme dei membri del consiglio può continuare e che la lista dei membri ancora non è finita?

 KOE: Sì è possibile.

JH: All'interno di Corcas, alle riunioni iniziali, alcune voci sono state alzate contro che cosa denominano la gente dal Nord, che non conoscerebbe l'edizione del Sahara e che imporrebbe la loro visione al Consiglio?

KOE: è falsa. Non ci è stato la discussione su questo genere. Realmente sono sorpreso che comunichiamo di tali cose. Posso assicurarlo che è errato.

JH: Oltre alla condizione del Consiglio, che cosa sono le priorità concrete su cui metterete a fuoco sopra?

KOE: Già stiamo lavorando agli obiettivi che la Sua Maestà ha ben definito.

JH: Che cosa sono queste priorità?

 KOE: Ci sono tre. In primo luogo, integrità nazionale della conserva della Sua Maestà di aiuto. Secondariamente, unità nazionale della conserva della Sua Maestà di aiuto. In terzo luogo, prenda gli efficaci provvedimenti per evoluzione economica e sociale.

JH: Sì, ma che cosa dite è troppo generale. Che cosa, per esempio, riconcili Saharan con la condizione marocchina?

 KOE: Convinca Sahrawi che è esterno ed interno ed assorba i deficit politici, economici e sociali tutti che hanno causato questi problemi.

JH: Siete al direttore di un Consiglio di Consulenza cioè mentre il re dice, un potere del suggerimento. Che cosa state andando proporre concretamente per principio di autonomia?

 KOE: Tutto questo sarà discusso alla riunione del Consiglio, quando la domanda di autonomia sarà presentata.

 JH: Ma come le cose stanno andando passare?

 Il re lo presenterà un programma preliminare, un genere di piattaforma, o il Consiglio preparerà una carta e proporrà la relativa visione di autonomia?

KOE: Non posso dirgli se la Sua Maestà stia andando presentare un progetto di autonomia per consultazione. Non so ancora la consultazione sarà fatta. Tutta dipende da Sua Maestà. È questo un progetto?

È questo una domanda? È questo una richiesta?

Onesto, non so ancora le cose stanno andando essere fatte.

JH: avete un'idea sul progetto di autonomia? KOE: Sì, ho idee ma non posso ora rivelarlo.

JH: Il Sahara occidentale sta avvertendo gli eventi seri. Ci sono giovani che vivono nell'ambito della situazione sociale difficile e che raccordo con Polisario. Che cosa proponete di affrontare questo problema?

KOE: Non sono d'accordo con la vostra analisi che i problemi sociali sono la causa del malessere. Parteggiando per Polisario conduce ad un vuoto politico totale. Quando li vediamo bandierina d'ondeggiamento del Polisario, significa che sono con l'altro lato, che è chiaro. Dobbiamo dire le cose mentre sono. Sono già pro-Polisario. Perché?

Poiché ci era un vuoto, semplicemente. Quindi importanza della chiamata della Sua Maestà. Il sovrano detto: l'interruzione è sopra. Darò l'autonomia e risolverò il problema. Autorizzerò Sahrawis attraverso la creazione di un consiglio per gli affari sahariani

JH: Ma questo consiglio soffre da un problema di legittimità. Non è scelto ma si nomina?

KOE: l'appuntamento è una prerogativa fondamentale del capo di stato. La Sua Maestà può nominare, in qualunque momento corpi o consigli che crede utile per un periodo risoluto. Il Consiglio reale non è autonomia.

 JH: Chi ha proposto i nomi?

KOE: Rispetto la vostra curiosità ma non è molto importante

JH: Secondo voi, che forma l'autonomia nel Sahara occidentale prenderà?

 KOE: L'autonomia è una forma di governo non, ma una forma di affari politici ed amministrativi. Quindi rimarremo il regno del Marocco ed il Sahara sarà diretto in un senso politico, economico, sociale e culturale autonomo.

JH: é generalità molto. Fa questa media che il Sahara avrà relativo Parlamento, il relativo governo, la relativa polizia?

 KOE: Esattamente.

JH: E giustizia?

 KOE: Che cosa opzione, la giustizia sarà fatta sempre a nome di Sua Maestà che è il comandante dei fedele

JH: Farete l'esempio dopo un certo paese?

KOE: La Spagna, essenzialmente. JH: È stato detto che il progetto già è preparato!

 KOE: La gente dice molte cose. Il progetto non sarà presentato alle Nazioni Unite fine aprile. Ed è normale. Il Corcas è di recente creazione e la consultazione con i partiti è stata completata appena.

JH: State andando ricavare dal progetto del panettiere?

 KOE: Disegneremo secondo gli interessi del Marocco, senza riguardo a che panettiere ha fatto o che cosa altri paesi dicono.

JH: E che cosa circa Polisario?

KOE: Polisario è un'organizzazione politica e militare. Questi sono Sahrawis. Già se li siamo messi in contatto con, noi lo facciamo attraverso voi inoltre… che il progetto è stato trasmesso a tutto il Sahrawis, Mauritania, Algeria, Spagna ed altrove.

JH: Specificamente, che genere di rapporto avete con Polisario?

 KOE: Sono i nostri cugini, le nostre famiglie, i nostri amici.

 JH: Ho detto specificamente…

KOE: Polisario è la nostra famiglia. Abbiamo gli zii, i fratelli, le nipoti, le zie, ecc… Il padre di Mohamed Abdelaziz è un membro di Corcas.

JH: Sto parlando della direzione del Polisario

KOE: Questo progetto è stato trasmesso ai Sahrawi. Non è indirizzato ad un'organizzazione, ad un'associazione, o ad una tribù particolare, ma a tutti i Sahrawi. È il loro futuro.

JH: Che cosa dite in Algeria?

KOE: Ci giriamo in Algeria nella speranza che li aiuterà a risolvere questo problema. JH: Ma gli algerini rifiutano tutta l'autonomia proposta. Sono per il referendum…

KOE: Forse perché il progetto non era concreto e reale ancora.

JH: State dicendo che il malessere prevalente nel Sahara occidentale è dovuto un vuoto politico. Riconoscete quindi il guasto della politica marocchina nella regione…

KOE: Non sono categorico quanto voi. Ho detto che ci era un periodo in cui dobbiamo essere chiari e precisi. E questo volta era il 25 marzo 2006, quando la Sua Maestà ha fatto il suo discorso in Laayoune.

JH: Che cosa circa politica repressiva della condizione marocchina dal 1975 contro la popolazione sahariana? Non pensate che abbia promosso il clima di tensionamento nel Sahara occidentale?

KOE:  accosente. Ci sono stati fasi nel caso del Sahara. La prima fase, fra 1956 e 1975, ha condotto alla creazione di Polisario. Perché gli allievi, che erano l'università del Mohammed V a Rabat, hanno generato un movimento del separatista?

Tuttavia, gli altri Sahrawi, chi eravamo in Spagna, che non era stata mai nel Marocco, abbiamo fatto il movimento d'inversione?

 Queste sono domande che dovremmo fare. La seconda tappa, fra 1975 e 1992, era guerra.

JH:  repressione anche, scomparse, tortura, vittime…

KOE: No, la guerra  non, queste è stati di guerra. Se non prendete in considerazione la durezza di guerra, battaglie, come le cose sono state condotte, le armi che sono state realizzate, del maggiore non potete capire tutte le implicazioni. Non potete isolare il tensionamento politico, repressione, scomparse, ecc. La terza fase a partire da 1991 e cessate il fuoco. Ci era un rilascio enorme. E questo è che cosa problemi attuali generati. È il risultato di 15 anni di vuoto politico.

JH: Chi è responsabile?

 KOE: Non so. È un magma che ha incoraggiato gli ultimi eventi e mancanza di fiducia. Voglio rendere omaggio all'iniziativa di Sua Maestà per girare la pagina.

 JH: Non lo pensate siete venuto una punta in ritardo, questa iniziativa?

KOE: Non è mai ritardato fare le buone cose.

JH: È detto che avete avuto collegamenti speciali con Driss Basri. Che genere di rapporto?

KOE: Non capisco che cosa significate “dai collegamenti speciali„

JH: È detto che Basri lo ha condotto e lo ha aiutato a tenere le posizioni ministeriali…

KOE: ciò non è allineare. Basri era il mio collega, come molti altri ministri. Per 17 anni, ero un ministro del Hassan ritardato II. Non ero collega del Basri soltanto ma di più grandi figure nel regno.

Questa fase fa parte della pagina che è stata girata il 15 marzo e non voglio vivere ancora esso.


 Fonte: MAP


-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas –

 

 

 

 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022