الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
giovedì 25 luglio 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Stampa scritta

Il Dottore Mae Al Ainain : Bisogna vincere i cuori dei sahraoui

Nel 1974 era nella cella ideologica che sarebbe stabilita dopo il Polisario ma adesso é il numero 2 nel consiglio reale consultivo per gli affari del sahra. Maouelainin Maouelainin Ben Khalihenna capisce bene che"il lavoro che occorre fare  nel sahara é un lavoro gigante" ma il corcas ha il tempo ed i mezzi sufficienti per fare questo ?



Qui di seguito il testo integrale dell'intervista:

Telquel”: Alcune ore soltanto dopo la sua designazione, il Corcas è stato denigrato da molte Sahraoui perché non democratico (tutti i suoi membri sono designati) e non rappresentativo (alcune tribù si ritengono lese).Vi attendete a ciò che l'avviamento del Consiglio deluda a questo punto?

Maouelainin Maouelainin Ben Khallihenna: Quello non mi stupisce che la gente si interessano al Consiglio. Tutto questo frastuono mostra l'importanza di tale organo. Si può senza pretesa parlare di una parte anteriore e dopo il 25 marzo (nota: data dell'impianto del Corcas). In seno al Consiglio, c'è un certo equilibrio tribale comunque, un patchwork drgli  eletti locali, di rappresentanti della società civile, di giovani, di donne, ecc. chiedo a questo che  li giudicano su base di ciò che realizzeremo. Altrimenti, tutti i consigli reali sono designati. Sono gente che lavorerà con il re. È comunque lui che deve sceglierli.

T: Cosa vi ha detto il re, ricevendoli in società di Khalihenna Ould Errachid a Laâyoune?

 MMB: Non posso rivelare ciò che abbiamo detto il re senza il suo permesso. Questo detto, nel suo discorso, SM ha chiaramente parlato del futuro di questa regione e del progetto d'autonomia allargata.

T: Agenzia di sviluppo sociale, agenzia di sviluppo delle province del sud, istanze elette ed oggi il Consiglio consultivo sahraoui… Perché si dovrebbe credere che facciate meglio di tutte le istanze che esistono già al Sahara?

MMB: Perché il Consiglio ha un collegamento diretto con il re. Noi non inseriamo nella gestione del quotidiano, non siamo presenti nella realizzazione fisica dei progetti. Dopo 30 anni di ristagno, il re ha fatto la scelta dell'autonomia. Il Consiglio è una tappa importante per lo studio e la produzione di proposte che vanno in questo senso. Col tempo, si ha l'impressione che il Consiglio è semplicemente venuto a riempire il vuoto lasciato da un progetto d’autonomia, tanto atteso ma non ancora pronto…

Il progetto non è effettivamente ancora pronto, altrimenti, sarebbe stato presentato in pubblico. Il Consiglio non riempie vuoti ma rappresenta un cambiamento di metodo radicale. Il re ha consultato le parti politiche e permette agli abitanti locali, c' è una prima, di esprimere il loro parere attraverso il Consiglio.

T: L'Algeria e Polisario hanno già significato alle Nazioni Unite il loro rifiuto del suddetto progetto. quello cambia nel vostro passo?

MMB: Hanno rifiutato qualcosa che non conoscono. L'Algeria è un paese fratello e Polisario non rappresenta tutti i Sahraoui. Il loro rifiuto è congiunturale. Sono i nostri fratelli soprattutto e la nostra missione, c' è di convincerli dell'utilità dell'autonomia. I responsabili del Polisario hanno tutti padri che hanno prestato fedeltà ai re del Marocco. Questa fedeltà può essere rotta soltanto da un âaq (figlio maledice).

T: E ciò non è con Ridat Al Walidine che il Marocco recupererà definitivamente Sahara neppure…

MMB : È un elemento culturale che ha la sua importanza. La nostra missione è di dialogare con tutti i figli della zona sud, dove si trovano, per permettere il loro ritorno al paese.

T: Estati autorizzate a negoziare l'autonomia con il Polisario?

 MMB: È anche scritto nel dahir. Dobbiamo lavorare sul ritorno dei cittadini del sud del Sahara. Dobbiamo dunque comunicare con loro e con il Polisario, nei campi di Tindouf ed ovunque altrove.

T: Di quale Polisario parlate? Avete iniziato i contatti con una corrente data ?

MMB: Contatteremo chiunque dubita della marocanità del Sahara. Utilizzeremo tutti i mezzi (mass media, televisione, ecc.) per toccare i cuori dei cittadini.

 T: Ritenete che il territorio (Sahara occidentale) è oggi sufficientemente preparato per l'impianto di un'autonomia allargata?

MMB: Non conosco molto la realtà del terreno, visto che io esercitavo a Larache in questi ultimi anni. Ma il Consiglio metterà il tempo che occorrerà per liberare il terreno e prepararlo all'autonomia. Nel mercato degli stati, alcuni anni non significano molto.

T: Sarebbe un ritorno alla strategia della risoluzione del conflitto con l'estensione del statu quo?

MMB: Abbiamo perso 30 anni. Il Consiglio deve realizzare un lavoro colossale. Se lo attua con successo in due anni, è un buono ritmo. Churchill diceva al suo autista che faceva velocità: delicatamente, sono stretto.

T: Confermate dunque che il Marocco non presenterà alcun progetto d'autonomia all'ONU che corre aprile…

MMB: SM non li ha ancora consultati. Sapete, si è spesso detto che Sahara è il primo problema dei Marocchini mentre la maggioranza schiacciante ignora tutto di questo conflitto. Occorrerà dunque cominciare per spiegare le basi del conflitto. Oggi, vogliamo che il problema del Sahara sia vissuto da tutti, nella più grande trasparenza. Ogni famiglia marocchina ha conosciuto un lutto a causa del Sahara. Ogni famiglia ha dato del suo sangue e del suo pane quotidiano a questa regione ed a questa causa.

T: Scommettete sull’esistenza di “una maggioranza unionista’’ passiva al Sahara contro una minoranza indipendentista attiva. Come intendete svegliare la prima per ricambiare il secondo?

MMB: Per il fronte unioniste, maggioritario lo confermo, il portavoce era l'amministrazione. Non ci ha mai chiesto loro di manifestarsi. Questo fronte lasciava la gestione delle manifestazioni indipendentiste all'amministrazione che ha purtroppo fallito. Tutti coloro che manifestano non sono inevitabilmente indipendentisti. Sono spesso insoddisfatti recuperati dalla macchina separatista. Laâyoune è una grande città. Così grande come Larache e Ksar El Kebir riuniti. Ha dunque i suoi problemi e le sue manifestazioni sociali, come ovunque altrove, eccettoche qui sono recuperate a fini politici.

T: Ciò che fa dire che il principale concorrente del Consiglio, c'è il movimento indipendentista locale…

MMB: Date troppo d'importanza ad una minoranza. I separatisti dell'interno manifesta generalmente contro cose vissute individualmente con l'amministrazione locale. Per loro, l'independantismo è un rifugio, una sanzione al contro dell'amministrazione che li avrà umiliati o maltrattato.

 T: I danni ai diritti dell'uomo al Sahara continua tuttavia (fino al giorno d'oggi) ad alimentare la macchina propagandista del Polisario. Avete un potere qualunque per porre fine a questi danni?

MMB: Studiamo ogni caso individualmente e renderemo raccomandazioni al sovrano. A livello della comunicazione, accusiamo un ritardo certo. Mentre la propaganda del Polisario fa fuoco di qualsiasi legno per alimentare migliaia di pagine web, trascuriamo completamente ciò che noi viene da Tindouf. Ignoriamo le  estorsioni commesse lì. Mentre guadagneremmo a comunicare sopra e renderli pubblici.

T: Considerate che l'independantismo sia della libertà d'opinione?

MMB: Militate per ciò che volete ma non forzate la gente, non distruggete le costruzioni dello Stato.

T: Immaginiamo che abbiate di fronte a voi un giovane di 19 anni, acquisiti alle tesi del fronte, freddamente uscito da prigione e che volete convincere della marocanité del Sahara. Cosa gli direste?

MMB: ' immaginiamo nulla poiché io ho già discusso con giovani simili. In un caso su due, io ho constatato che un'amministrazione locale, ad un momento o un altro, ha commesso un errore grave al  contro di questo giovane. Ma a nessun momento io ho sentito un'irreversibilità nel comportamento. Sono giovani che vivono sotto l'incanto della propaganda. Dico loro osservate coloro che sono ritornati. Fondatori del movimento come Ayoub che faceva timore ai bambini o uno dei grandi ideologi del  movimento come El Admi.

 T: Il giovane vi risponderà che quelli hanno debitamente negoziato il loro ritorno…

 MMB: Ed i 7000 fantasmi allora? Il problema, È che non ha potuto utilizzare tutta questa gente per spiegare ai giovani la realtà del movimento che li fa sognare. È un deficit di spiegazioni, anche presso i Marocchini del nord.

 T: Discorso grazioso… Come intendete concretizzarlo?

 MMB: Al Sahara, la gente si stanca molto rapidamente dei discorsi. Abbiamo dunque un obbligo di risultati. Formuliamo le nostre  raccomandazioni alla più alta istanza dello Stato, c' è comunque una buona garanzia d'i conclusione.

 T: Avete linee rosse?

MMB: Nessuno. SM ci ha aperto tutte le  porte. Non sono neppure socchiuse. Possiamo discutere di tutti i problemi della regione. Credo che i membri del Consiglio possano fare proposte innovative.

T: Concludendo, Sahara è un problema di povertà, d'identità o di dignità?

MMB: Economicamente, il Sahara oggi non ha nulla a vedere con quello del 1975. C'è un'evidenza. Lo Stato ha tutto fa, resto da guadagnare il cuore della gente. Hassan II l'aveva detto, molti anni fa di ciò: “Abbiamo recuperato il territorio, non ancora i cuori’’.

T: Come il Marocco ha fa perdere il cuore di un giovane nato in Marocco negli anni 80 e che non ha dunque conosciuto né l'invasione militare, né i centri segreti di detenzione, ecc.?

MMB: Vi darò un'immagine. Ogni volta che un allievo ha una cattiva nota alla scuola, disegnerà la bandiera del Polisario su un angolo del suo libro. È un segno d'insoddisfazione. A, si è dimenticato di trattare i Sahraoui come tutti, rispettando semplicemente la cultura ed i costumi locali, lasciando il campo libero alla propaganda ed all’inquadramento che proviene dall'est.

T: Negate dunque l'esistenza di militanti acquisiti alla causa sahraoui?

 MMB: Non, ma è una minoranza. L'independantismo è una creazione dell’amministrazione locale che ha così male gestito questa cartella.

T: Sembrate dimenticare l'offensiva militare dello Stato centrale, i centri di Agdz di me gouna, ecc.

MMB: Non nego ma considero che ciò è stato gestito dal 1 a livello nazionale. Anche si restano cartelle che soffrono ancora  oggi di un gusto incompiuto e che dobbiamo trattare anche. Scatola: “Nel 1971, facevo il mio secondo anno di medicina. Nella stessa università di Mohamed Abdelaziz. All'epoca, abbiamo appreso che la Spagna ha iniziato a costituire un'entità indipendente al Sahara.

 Un gruppo di una trentina di studenti sahraoui hanno dunque deciso di utilizzare l'UNEM per sensibilizzare il Marocco al pericolo che guette il suo territorio. Dopo molte conferenze qui e là, ed una defezione delle parti politiche, la sinistra dell'epoca è stata sensibile alla nostra causa. Abbiamo dunque organizzato una prima manif a Tan-Tan con bandiere marocchine e fiamme che dicono “siamo i soldati di Hassan II fino alla liberazione del paese’’.

Bastonati quindi torturati dall'amministrazione locale quindi liberati grazie ad alcuni interventi. Secondo manif e stesso trattamento. Siamo stati inviati a Agadir dove i responsabili si sono semplicemente scusati di averli fermati e trattati in tal modo. Terzo manif a Tan-Tan, stesso trattamento. Questa volta, la maggior parte dei giovani è scomparsa nella natura. Alcuni (Ouali, Admi, etc.) si sono infiltrati al Sahara ed hanno creato Polisario al nord della Mauritania

 La Libia ha recuperato il movimento e l'ha aiutato bene prima dell'Algeria. El Ouali non è partito per non ritornare. L'amministrazione non ha non compreso il nostro movimento. E finalmente, sono le mancanza di abilità del ministero dell'Interno che hanno creato il Polisario. Molto dimentica la storia di questo conflitto. Mentre dell'altro lato, si passano notti bianche per cercare di nuocere al Marocco, ci si accontentava del nostro lato di fare il giro del mondo e firmare accordi per la forma’’.

 


 Fonte: MAP


-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas –
 

 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024