الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
giovedì 25 luglio 2024
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Stampa scritta

Khalihenna: la debolezza del Polisario minaccia la stabilità in Africa

Il presidente del Consiglio di Consulenza reale per gli affari sahariani, il sig. Khalihenna Ould Errachid ha protestato che la debolezza del " Polisario" costituisce una minaccia contro la sicurezza e la stabilità dell'Africa complessivamente, in un'intervista pubblicata domenica l'11 giugno 2006 vicino (Canarias7).



 " La regione è uno spazio fertile per i gruppi ostili a pace, democrazia quella sicurezza dell'obiettivo.

Il Polisario non controlla le armi dalla comunità internazionale e, pertanto, questa situazione può proporre una minaccia in Africa complessivamente e ecco perché dobbiamo raggiungere un accordo concludere questo conflitto.

" Sig. Ould Errachid, che pagato recentemente una chiamata di tre giorni in Isole Canarie ha detto che " l'arcipelago sia il primo beneficiario di stabilità" nella regione, non solo perché l'autonomia nel Sahara garantisce la pace, ma anche perché le Isole Canarie saranno un partner commerciale di priorità.

 Ha considerato che la conclusione del conflitto del Sahara, con l'istituzione di autonomia nell'ambito della sovranità marocchina, inoltre contribuisse a ridurre l'immigrazione clandestina di problema ed ad aprire le occasioni commerciali per olio di pesce marittimo e turismo.

 Confermando che non ci è altra soluzione e che Nazioni Unite riconosciute così chiaro nel rapporto recente del segretario generale delle NU, il sig. Ould Errachid ha detto al giornalista José Mojica che l'autonomia come proposta dal "  Marocco non imbroglia chiunque, " come esso " non è un " negativo di proposta.

In risposta ad una domanda circa se " " del capo del Polisario; accetterà questa offerta, ha detto il padre di quel Abdelaziz, che è un membro del Consiglio di Consulenza reale per gli affari sahariani, " gli dice giornaliere, che suo figlio accetta" l'autonomia nell'ambito della sovranità marocchina.

Il sig. Ould Errachid ha aggiunto che " Le Nazioni Unite sono informate sulla situazione attuale nel Sahara e rend contoere che non ci è altra soluzione e Unione Europea ha riconosciuto la sovranità del Marocco firmando l'accordo di pesca„. Il sig. Ould Errachid ha dato risalto a che l'unica soluzione al conflitto del Sahara è autonomia.

Testo integrale dell'intervista :

Canarias 7: l'autonomia nella regione del Sahara e la condizione dirige gli affari esteri, la difesa, la valuta ed i settori strategici (energia, servizi postali, telecomunicazioni…), ma sarà qualche cosa di nuova in modo che sia un giro in tutte le zone del Marocco. Ed il modello che seguiremo siamo il modello spagnolo, le Isole Canarie è un buon modello.

 " Canarias 7: A che cosa trasmettete attraverso questo cambiamento rivoluzionario?

Khalihenna Ould Errachid: per per avanzare democrazia e tutte le condizioni islamiche arabe Canarias 7: Ma in che misura la decentralizzazione raggiungerebbe?

 Khalihenna Ould Errachid: Sarà molto più grande di è la situazione finora. Ci sarà un autogoverno genuino Canarias 7: Quando si trasformerà in in una realtà?

Khalihenna Ould Errachid: Sarà rilevato fra settembre ed ottobre di questo anno, insieme con il Consiglio di sicurezza di NU e la conclusione della missione del MINURSO.

Canarias 7: Che cosa se il Polisario dice no?

 Khalihenna Ould Errachid: Spero che i nostri fratelli di Sahrawi vengano alle trattative per un'uscita graziosa.

Canarias 7: Ma state andando alle trattative con un presupposto

Khalihenna Ould Errachid: Quale presupposto?

Canarias 7: autonomia, non autodeterminazione

 Khalihenna Ould Errachid: perché non ci è altra soluzione politica. Le Nazioni Unite in se lo hanno detto nel relativo ultimo rapporto. E l'autogoverno non imbroglia chiunque.

Canarias 7: non neppure Polisario?

 Khalihenna Ould Errachid: non neppure Polisario. Non penso che la relativa risposta sia negativa. Per raggiungere la pace, siamo pronti ad assegnare al nostro fratello Abdelaziz la presidenza di autonomia come segno della riconciliazione.

Canarias 7: Abdelaziz non accetterà la sovranità marocchina

Khalihenna Ould Errachid: il suo padre, che è membro di Corcas mi dice che giornaliere che il suo figlio accosentirà ed io devono fidarsi del suo padre.

Canarias 7: Che cosa circa autodeterminazione?

 Khalihenna Ould Errachid: l'autodeterminazione è eliminata. Che cosa è più vicino alla legittimità internazionale è autonomia (quale l'Irlanda del Nord), particolarmente se dobbiamo vicino un periodo di trenta anni di distinzione fra Saharans. Se Polisario rifiuta l'autonomia, la relativa estremità sarà determinata ed il relativo grado di irresponsabilità seria. Li invito per vincere.

Canarias 7: E referendum?

 Khalihenna Ould Errachid: la consultazione di questo genere è impossibile. La gente sahariana vive in Algeria, in Mauritania, nel Marocco e nel Mali. i bordi dovrebbero cambiare e Abdelaziz conosce questo fatto perché è marocchino chi ha deciso l'un giorno per stare bene ad un rivoluzionario. La gioventù degli anni sessanta fa due cose: migri verso le isole in cui i hippy vivono, o copi Che Guevara. Abdelaziz ha scelto la seconda vita. Era modo a quel tempo…

Canarias 7: Che cosa è la terra che sarebbe conforme all'autogoverno? I primi documenti estendono i bordi a Tan Tan o Guelmim, i due non era colonie spagnole.

Khalihenna Ould Errachid: Non ci è decisione finale in questo senso, che è nell'ambito della trattativa. Prenderemo la decisione prima dell'estate e spero che Abdelaziz presenti le proposte per firmare la risoluzione.

Canarias 7: Dove sarà firmato?

Khalihenna Ould Errachid: in qualsiasi posto qualunque. Il posto è secondario.

Canarias 7: in Tindouf pure?

Khalihenna Ould Errachid: Sì, ma prima quello chiederò loro per fornire le garanzie per il rispetto dei diritti dell'uomo e dell'acetato, chiederò a Polisario di fornirci le chiavi ai depositi dell'aiuto alimentare al programma di supporto internazionale e che permetto che la popolazione degli accampamenti distribuisca quel sussidio essi stessi. Non ho richiesto un giro in Tindouf

Canarias 7: È questo una minaccia?

Khalihenna Ould Errachid: non una minaccia, è una possibilità. Il mondo sta cambiando e non posso rispondere a sui risultati degli impianti della gente testarda che non vuole la democrazia e continuo nel loro dogmatismo. Abdel Aziz ha passare 30 anni nel potere senza un referendum, nessuna scatola di scheda elettorale. Quando si è nominato poichè il presidente, Gerald Fullard, Mao e Brezhnev erano ancora vivi. Abbiamo molti mezzi diplomatici, ma mi ripeto che la popolazione di Tindouf è annoiata.

Canarias 7: Come voi potete passare avete lasciato giù la posizione dell'Algeria nella misura di supporto istituzionale per Polisario?

Khalihenna Ould Errachid: L'Algeria vincerà se l'estremità di conflitto ed i fratelli di Saharawi riuniscono. Nessuno mette in discussione il ruolo dell'Algeria. Oggi, la parte anteriore del Polisario è un gruppo di politici militari, (non terrorista) nella situazione debole. Non sono riuscito a realizzare tutti gli obiettivi della liberazione a scapito della sofferenza della gente di Saharawi. Ha rinviato all'applicazione del coprifuoco che non è stato adottato dal 1998. La popolazione negli accampamenti è spaventata una volta di più.

 Canarias 7: Quanta gente vive a Tindouf?

 Khalihenna Ould Errachid: meno di 50 mila. Tecnicamente ed umanemente, è impossible da fornire 90 mila il quotidiano dell'acqua.

Canarias 7: Come fa Corcas o il Marocco intende convincere le Nazioni Unite quale ancora effettua il colonialismo archivano?

Khalihenna Ould Errachid: Le Nazioni Unite conoscono la situazione attuale nel Sahara e sono informate che non ci sono altre uscite. Unione Europea ha riconosciuto la sovranità del Marocco ed ha firmato ancora sull'accordo di pesca marittimo.

Canarias 7: Che cosa circa le condizioni che riconoscono Polisario? Sono finora 80 paesi

Khalihenna Ould Errachid: Ciò non è vero

Canarias 7: I rapporti fra il Marocco e la Spagna sono buoni ora considerando le edizioni comuni come combattimento l'immigrazione clandestina e del terrorismo. In che misura può il Sahara occidentale essere una minaccia contro sicurezza internazionale?

Khalihenna Ould Errachid: La zona è un focolaio per i gruppi aggressivi ed ostili a pace, alla democrazia ed alla sicurezza. Polisario ha un'arma, non conforme a controllo, che minaccia la comunità internazionale. Potrebbe trasformarsi in in una minaccia in Africa e questo li costringe a firmare un accordo mettere un termine al conflitto.

Canarias 7: Che cosa è la zona più vicina al conflitto?

 Khalihenna Ould Errachid: il collegamento fra il Mali Algeria e la Mauritania, la base militare più vicina dei funzionamenti del Polisario. Durante i trenta anni ultimi, Polisario ha mantenuto le armi nascoste sotto la sabbia Sam 7 missili e più di quello, alcuni non conoscono i nascondigli.

Canarias 7: Ma dite che la parte anteriore del Polisario non è terrorista?

 Khalihenna Ould Errachid: Ancora insisto su esso, ma i terroristi internazionali sanno che Polisario è debole e dobbiamo essere vigilanti.

Canarias 7: In che misura questo inoltre contribuisce al rischio di instabilità nell'internazionale sia in conflitto sopra le risorse petrolifere?

Khalihenna Ould Errachid: Questo lato è inoltre nel dibattito sul futuro della regione. Se non risolvete il problema urgente del Sahara, si trasformerà in un focolaio di agitazione. Se non evitato, temiamo che la situazione sia più difettosa dell'Afghanistan.

Canarias 7: Che cosa è il ruolo delle Isole Canarie all'intersezione di questi conflitti ed interessi strategici?

 Khalihenna Ould Errachid: Sarà primo beneficiario della stabilità, non solo perché l'autogoverno dà le garanzie di pace, ma sarà un partner commerciale preferito. Il termine del conflitto arresterà l'immigrazione clandestina, i commerci che i prospetti si apriranno per pesca, l'ricerca di idrocarburi ed il turismo.

Canarias 7: Che cosa sarebbe i limiti di autonomia nel Sahara? Sarebbe in modo da collegato con Rabat?

Khalihenna Ould Errachid: Distinguerà il Sahara. La condizione marocchina manterrà gli affari esteri, la difesa, la valuta ed i settori strategici (energia, servizi postali, telecomunicazioni…), ma sarà qualche cosa di nuova, fino al punto in cui ci sarà un giro in tutte le zone del Marocco. Il modello da seguire sarebbe la Spagna, le Isole Canarie è un buon modello. "

* Identità spagnola

 La sua vita non è un libro, originale pubblicato in libri. Una personalità discutibile, il diplomatico inventivo e genuino, memoria ha caricato con i segreti. Era una figura chiave nella partenza della Spagna dal Sahara. Era il capo del progetto spagnolo per porre freno lo sbalzo dei Sahariani. Prima di marzo verde, ha giurato per essere leale a Hassan II chi lo ha ricompensato dal Ministero degli affari sahariani per 17 anni. Dalla conclusione degli anni settanta, è diventato presidente del consiglio comunale di Laayoune. Ha cittadinanza spagnola. Ha studiato l'ingegneria a Madrid. Il suo talento per attrarre l'ammirazione della gente gli ha permesso di incontrare l'ambiente del Franco. Ha ottenuto sposato con una donna ricca da Sevilla e presto da allora in poi, il regime lo ha aiutato a presiedere il partito di unità nazionale dei Sahrawi

Canarias 7 - 11/06/2006

* " Evitare la guerra "

 In marzo si è nominato presidente di Corcas. Sopportato in 1951 in Laayoune e gode della cittadinanza spagnola. " La Spagna lo ha offerto è presidente della Repubblica del Sahara, ma non era possibile, perché ho creduto sempre nella grande fratellanza fra la Spagna ed il Marocco. Ho evitato la guerra e voglio lo stesso destino per il Sahara ed a questo livello, non mi preoccupo se il mio ruolo in questa sezione della storia è riconosciuto oppure no.

" Tuttavia, Ould Errachid affronta la critica sul ruolo spagnolo nei programmi sostenenti dell'autogoverno. Meno di due settimane fa, il PM spagnolo José Luis Rodríguez Zapatero ha suggerito nel Marocco e Polisario di aprire il dialogo per raggiungere un accordo. Il presidente di Corcas ricorda il ruolo della Spagna nel corso dell'estensione di visto come " disonore per i marocchini, come continuano per una settimana"

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: MAP


- Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas -

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2024