الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
martedì 25 gennaio 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Dossier

I lavori della quarta commissione dell'ONU sono stati segnati dall'importante numero dei partecipanti. Due temi in particolare, sono ritornati più nella parte delle allocuzioni degli istanti che hanno richiesto ad esprimersi sulla cartella del Sahara: da un lato la condanna della situazione deplorevole e dei danni ai diritti umani che imperversano nei campi del Polisario a Tindouf, d'altra parte la constatazione fatta dalla maggior parte dei partecipanti tanto i rappresentanti politici dei paesi e gruppi di paese che le ONG o gli esperti, cioè che la proposta marocchina d'autonomia è la sola base per realizzare il regolamento definitivo della questione del Sahara.



 L'adesione in Marocco dei membri del Congresso di Gjijimat, un sollevamento popolare (ONG sahraoui)

Il ritorno massiccio d'ex membri del Polisario, riuniti fine dicembre scorso al Congresso di Gjijimat a Tifariti, costituiscono " un sollevamento popolare contro i commercianti del disperazione e del separatismo" ed un sostegno al progetto d'autonomia, ha indicato, mercoledì a New York, la signora Ennaba El Moussaoui dell'Associazione sahariana per l'unità e la riconciliazione.

Intervenendo dinanzi alla 4a Commissione dell'ONU, la signora El Moussaoui ha precisato, che attraverso la tuta, per la prima volta, di queste basi che contestano il simulacre di congresso del Polisario, come pure il ritorno collettivo in Marocco nella dignità, questo gruppo di ricongiunti, di cui faceva essa stessa parte,  " esercitato il suo diritto all'autodeterminazione in modo libero e volontario". "

 L'autonomia è la soluzione adatta e più realistica alla questione del Sahara, poiché questa via li rispetta le particolarità dei sahraouis e garantito di ampie prerogative per la gestione dei loro affari nella democrazia, la libertà ed il rispetto dei diritti dell'uomo" , ha affermato la signora El Moussaoui.

Ritornando sulle condizioni deplorevoli nelle quali viveva nei campi di Tindouf, ha particolarmente denunciato " la repressione e le molestie continue subite dalle popolazioni di questi campi quando osano rimettere in discussione la fedeltà all'Algeria o contestare le decisioni fantastiche della direzione del Polisario".

" Ne abbiamo abbastanza di soffrire e non ne possiamo più di questa polizia segreta algerina che approfitta della situazione" , ha aggiunto l'oratore che ha insistito che Alger " sfrutta né meno né più il principio d'autodeterminazione per raggiungere i suoi scopi espansionnisti".


" Se l'Algeria è francamente convinta della necessità di difendere questo principio, dovrebbe consentire la sua applicazione in Kabylie e da parte dei tuareg al sud del paese" , ha aggiunto.

L'oratore ha infine chiamato la Comunità internazionale ad intervenire di urgenza per aumentare la sede imposta sequestrati nei campi a Tindouf e permettere loro di raggiungere le loro famiglie.

 Il Senegal ribadisce il suo sostegno alla proposta d'autonomia

L'ambasciatore che rappresenta lavoratore fisso del Senegal presso le Nazioni Unite, il sig. Paul Badji, ha ribadito, giovedì, il sostegno del suo paese alla proposta marocchina " pertinente e saggia" di concessione di un'autonomia al Sahara nel quadro della sovranità del regno, sottolineando che solo negoziati " sinceri e loyales" sono tali da favorire un regolamento appena e duraturo di questa cartella.

" II ci occorre trovare soluzioni audaci e c'è precisamente in ciò che la proposta della parte marocchina intesa ad accordare un'ampia autonomia al Sahara, ma nel quadro del rispetto della sovranità del regno del Marocco, trova tutta la sua pertinenza e la sua sagesse" , ha affermato il sig. Badji dinanzi allaquarta commissione dell'Assemblea generale dell'ONU.

Questa proposta, che il Senegal sostiene e firma, " ci sembra parce realistico e ragionevole che potrebbe permettere alle parti di trovare un denominatore comune" , ha aggiunto, ricorrente al realismo ed al compromesso per mantenere lo slancio che il segretario generale dell'ONU ha stampato ai negoziati.

Il Senegal ha " la chiara coscienza che solo negoziati sinceri ed onesti possono condurre in un regolamento appena e duratura di questa cartella che ha conosciuto tanto d' vicoli ciechi successivi" , inoltre, ha dichiarato.

Ha anche chiamato alla prosecuzione di " buona fede dei negoziati, considerando gli sforzi realizzati dal 2006 e dei fatti nuovi verificati in seguito, in attesa di raggiungere una soluzione politica giusta, duratura e reciprocamente accettabile".

Sottolineando che " lo statuto quo non è né realizzabile, né accettabile" , il diplomatico senegalese, infine, ha deplorato il vicolo cieco che " continua, purtroppo, di impedire i paesi della sotto-regione del Magreb arabo di avanzare verso un'integrazione più accurata per il più grande vantaggio dei loro popoli e del continente africano intero ".

 L'autonomia, compatibile con gli obiettivi d'integrazione dell'Africa (universitario gabonese)

La proposta marocchina di accordare un'autonomia al Sahara è innovativo e compatibile con gli obiettivi d'integrazione dell'Africa, ha sottolineato, giovedì dinanzi alla quarta commissione delle Nazioni Unite, il professore Marc Louis Ropivia, dell'Università gabonese Omar Bongo di Libreville.

 " La posizione innovativa del Marocco è in fase con le concezioni modernistes del territorio e dimostra la sua volontà di vedere i popoli del Magreb vivere insieme in un tessuto politicoeconomico armonioso" , ha affermato il sig. Ropivia, rilevando che il regno non è mai stato " una potenza coloniale, ma un paese che ha sempre lottato contro le sovranità stranire".

In questo senso, ha ricordato che il Marocco è stato il primo a chiedere che sia messa fine alla presenza coloniale spagnola nel territorio del Sahara.

 Per il Pr Ropivia, la proposta marocchina d'autonomia a " il merito di preservare la Comunità internazionale di una nuova conflagrazione alle conseguenze collaterali presunte essere al giorno d'oggi più ampie e più catastrophiche".

 " Lo statuto d'autonomia che sarà conceduto al Sahara si presenta immediatamente come la dichiarazione esplicita di un particolarismo sahraoui nell'ambito della grande nazione marocchina che esisteva già prima dell'irruzione coloniale della Francia e della Spagna in questa parte occidentale del Maghreb" , ha affermato.

E di lanciare un appello insistente agli " partigiani tradizionali di l' indipendenza o la divisione del Sahara, un tempo proposta dalla parte algérienne" , invitandoli a " avviare i negoziati in uno spirito di realismo, di consenso, ed un clima di fiducia e di compromesso che fa emergere il più rapidamente possibile la sola uscita possibile a questo conflitto: la soluzione politica".

Infine, ha sottolineato che la proposta marocchina è in grado di garantire coesione e la stabilità regionali sulla via della costruzione dell'Unione del Magreb arabo.

Personalità politiche ed osservatori dell'America latina difendono la soluzione d'autonomia

Molte personalità politiche ed osservatori d'America latina ha tenuto a perorare, dinanzi alla quarta commissione delle Nazioni Unite, per una soluzione alla questione del Sahara basata sull'autonomia nel quadro della sovranità del Marocco.

 In questo senso, l'ex ministro della giustizia d'Argentina, il sig. Jorge Reinaldo A. Vanossi, ha sottolineato la necessità di raggiungere una " soluzione di compromesso".

" Occorre trovare una soluzione ed uscire dal vicolo cieco ed in particolare trovare una soluzione che tiene conto dell'interesse di tutti gli attori e permette di raggiungere un'autonomia del Sahara occidentale piuttosto che' alla sua sovranità totale" , ha affermato.

Il Sig. Vanossi, che ha messo in evidenza la proposta del Marocco di assegnare un'autonomia alla regione del Sahara, ha anche ritenuto che " la proposta marocchina deve essere studiata dettagliamente".

 Dalle loro parti, il sig. Alberto Cid, senatore, e Cardelo Vidalin dell'Uruguay, che hanno fatto parte degli osservatori internazionali delle elezioni legislative del settembre 2007, ha messo in evidenza, mercoledì a New York, l'iniziativa del Marocco e i suoi sforzi per la costruzione di uno Stato moderno e democratico.

Il Sig. Alberto Cid ha rilevato, a questo proposito, che la proposta marocchina d'autonomia è in grado di contribuire a progredire verso una soluzione, ricordando che " il gruppo di Rio, di cui l'Uruguay fa parte, spera ed auspica una soluzione politica giusta, duratura ed accettata da tutti".

 Da parte sua il sig. Vidalin ha espresso il desiderio di vedere  instaurarsi " tra le parti un dialogo proficuo in l'interesse delle populazioni".

Ha garantito avere sollevato, all'occasione delle elezioni legislative del settembre 2007, " la volontà della popolazione di giungere alla pace e trovare un compromsso".

 Un'ONG britannica denuncia la tragedia prevalgono nei campi di Tindouf Il direttore dell'ONG britannica " Freedom for all" , Tanya Warburg, ha denunciato con forza, giovedì davanti l'ONU, la tragedia umana prevalendo nei campi di Tindouf in Algeria.

" L'Algeria si nasconde dietro il principio d'autodeterminazione per perpetuare queste sofferenze ma nessun principio così incoronato siano può giustificare la tragedia che si svolge sotto i nostri occhi nei campi di Tindouf" , ha indicato dinanzi alla quarta Commissione dell'ONU a New York.

 L'oratore ha insistito sulla necessità di " venire in aiuto alle popolazioni civili prese in ostaggio da dirigenti senza scrupule che cercano soltanto i loro interessi personali".

 A tale riguardo, la signora Tanya Warburg ha lanciato un appello alla Comunità internazionale, così che a simpatisanti dei separatisti per avere il coraggio di denunciare i rapporti d'affari inumani del polisario a riguardo delle popolazioni sequestrate nei campi.

 Dopo avere ricordato che una " reclamo contro i principali dirigenti algerini e del Polisario è stato depositato dinanzi alla giustizia spagnola da sahariani che sono riusciti a fuggire i campi di Tindouf" , ha dichiarato che " l'Algeria si prende una responsabilità pesante in questa tragedia".

" Non soltanto le violazioni dei diritti elementari dei prigionieri hanno avuto luogo sul territorio algerino ma dinanzi ed ad a volte con la complicità dei suoi servizi di informazioni" , ha ricordato il responsabile dell'ONG britannica.

La rappresentante di un'ONG denuncia il razzismo e la schiavitù nei campi di Tindouf

Il segretario generale dell'Associazione Yaakare REDHRIC di lotta contro il razzismo e la schiavitù e portavoce del Comitato internazionale per i prigionieri di Tindouf, la signora Anja Oksalampi, ha denunciato giovedì il razzismo e la segregazione razziale che imperversano nei campi di Tindouf, nel sud algerino.

 La Sig.ra Oksalampi, che interveniva dinanzi alla 4a commissione dell'Assemblea generale dell'ONU, ha segnalato che la sua associazione continua di essere vivamente preoccupato dalla sorte delle persone sequestrate a Tindouf, in particolare " gli schiavi del fronte Polisario" , sottolineando l'esistenza, veramente, della schiavitù e del razzismo in questi campi della vergogna.

A questo proposito, ha evocato la prova dei due giornalisti australiani che sono riusciti, nel 2007, a fuorviare la vigilanza del fronte Polisario per scoprire pratiche di schiavitù in quest'accampamenti.

 Ha ricordato, a questo proposito, il comunicato di " Reporters sans frontières" datato 9 maggio 2007 annunciando l'interpellanza da parte del Polisario di due giornalisti australiani, Violeta Ayala e Daniel Fallshawen, ai quali è stato rimproverato di interessarsi alla sorte membri neri della popolazione sahriana.

La Sig.ra Anja Oksalampi, che ha avuto l'occasione di visitare a varie riprese i campi di Tindouf, ha anche denunciato i subterfugati utilizzati dal Polisario per deviare l'attenzione degli ospiti stranieri sulla realtà amara nei suddetti campi ed allontanare i sospetti sui dirigenti del Polisario.

In questo senso, ha affermato che queste visite sono vere messe in scena, che fanno osservare che le principali vittime di questo conflitto " assurdo" erano soprattutto " i civili, le minoranze etniche nere, come pure gli emigranti clandestini, soprattutto in provenienza dai paesi subsahariani, che sono utilizzati dal Polisario come mano d' opera economici e corveabile.

L'autonomia, un passo democratico beneficiando d' un ampio sostegno internazionale (CIPT)

 Lo statuto d'autonomia per la regione del Sahara proposto dal Marocco è una " soluzione realistica" ed una " passo democratico che beneficia di un ampio sostegno da parte della Comunità internazionale" , ha indicato giovedì, dinanzi alla quarta Commissione dell'ONU, il sig. Sidney Assor del Comitato Internazionale per i prigionieri di Tindouf (CIPT)

. " è alle diverse parti che mantengono di fare il necessario per avanzare sulla via della pace e della reconciliazione" , ha detto.

Il Sig. Assor, tuttavia, ha espresso i suoi dubbi sulle intenzioni reali dell'Algeria e del Polisario che " non hanno dato prova di nessuna buona fede e, ancora meno, della volontà di avanzare verso la pace".

 L'oratore, d'altra parte, ha chiamato ad un'indagine internazionale sulla sorte delle persone scomparse nei campi di Tindouf in Algeria.

 " Dopo la liberazione degli ultimi prigionieri marocchini, le autorità algerine e Polisario, responsabili diretti di violazioni ovvie del diritto internazionale, sono destinati a delucidare la sorte delle persone scomparse nei campi" , ha perorato il sig. Assor, che insiste inoltre sulla necessità di rimettere " le spoglie dei prigionieri morti in questi campi ai loro famiglie".

" L'Algeria si prende una responsabilità pesante in questa tragedia" , ha detto, sottolineando l'urgenza di " fare pressione sulle autorità algerine per aumentare la sede imposta ai campi per permettere a tutti coloro che lo desiderano di raggiungere le loro famiglie e parenti nel sud del Marocco".

L'autonomia garantisce ai Sahraoui il corretto equilibrio tra la loro marocanità ed il loro particolarismo identitaire (esperto)

L'Iniziativa d'autonomia, proposta dal Marocco,  non è " una concessione ma un progresso che permette ai Sahraoui di trovare il corretto equilibrio tra la loro marocanità ed il loro particolarismo identitario" , ha affermato Eymeric Chauprade, il professore di geopolitica all'università prestigiosa della Sorbonne.

 Prendendo la parola mercoledì dinanzi alla quarta Commissione per gli affari politici dell'ONU, il sig. Chauprade ha sottolineato che  " non occorrerebbe fuorviarsi sul senso di questa proposition" chi  non è, ha detto, " un'idea trovata di fretta per dare prova di buona volontà" , ma piuttosto la conclusione per anni di sforzi di sviluppo e di un processo di ampie consultazioni al quale i Sahriani hanno attivamente preso parte.

" è può essere l'evoluzione della geopolitica della regione che finalmente illuminerà coloro che  non hanno ancora compreso il vero viso di questo conflitto fabricato" , ha d'altra parte indicato questo conoscitore della situazione politica al Magreb e specialista della cartella di Securità nella regione sahelo-sahariana.

 A tale riguardo, ha messo in guardia contro il fatto che " i separatismi,che sono quelli del Polisario o tuareg, minacciano l''unità degli stati sedentari".

" Piuttosto che di inventare piccoli stati artificiali che saranno in qualunque caso i satelliti di una potenza, proviamo piuttosto a mantenere lo Stato sovrano pur adattando l'esercizio della sovranità ai particularismi" , ha perorato l'oratore.

Ha ricordato, a questo proposito, che oggi, " l'integrismo si è nidificato nel grande Sahara, attraverso movimenti multipli che si ricollegano tutti al terrorismo internazionale e condividono un odio comune contro tutti i governi del Maghreb".

In base alle sue minacce multiple sulla sicurezza e la stabilità nella regione, Eymeric Chauprade ha espresso la sua convinzione che sono " molto numerosi coloro che sanno che diventa urgente chiudere la cartella del Sahara, permettendo al Marocco di completare il suo processo di liberazione mediante il recupero di una provincia marocchina storica".

Si è così preso agli " detrattori" dell'ex-inviato personale del segretario generale dell'ONU, il sig. Peter Van Walsum, reso colpevole " di avere osato rompere la monotonia comoda nella quale erano installati da allora molto tempo".

 E di fustigare in particolare " quadri del Polisario che sfuggono alle sofferenze dei sahraouis rimasti nei campi di Tindouf e che vivono alla comodità nelle capitali europee dei redditi di diversi traffici sahariani".

 " Il Sig. Van Walsum  non aveva una parte presa, era semplicemente audaci e visionari" , ha detto quest'esperto, aggiungendo che quest'ultimo fatto partita " diplomatici coraggiosi che vogliono fare avanzare le cartelle, che vanno finora al loro sacrificio personale".

 Il Sig. Chauprade ha chiesto alle delegazioni che partecipano ai lavori della Commissione onusienne di ricordarsi che " una delle basi dell'ONU è la sovranità nazionale".

Ma, ha precisato, attualmente, " il principio di sovranità è sempre più minacciato dallo squilibrio unipolare, dall'aumento dagli attori sopranazionali iper potenti, e con questi separatismi, di solito fabbricati e da paese vicini".

" Occorre consolidare le sovranità e comprendere che a forza di giocare con il fuoco, incoraggiando la formazione di micro stati, si fa il gioco di tutti gli internazionalismi destruttori" , ha concluso.

Fonte: Corcas avec MAP

- Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas -

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022