الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
martedì 25 gennaio 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Dossier

Nella cartella che segue, c'è inizialmente un resoconto sulle idee che il sig. Peter Van Walsum ha difeso nel corso della riunione del Consiglio di sicurezza, del lunedì 21 aprile 2008.

Ci sono d'altra parte le principali reazioni che la sua opinione ha suscitato nei principali membri del Consiglio di sicurezza ed il parere di un esperto della cartella del Sahara. Il Sig. Peter Van Walsum:



L'indipendenza del Sahara non è un'opzione realistica (l'inviato personale del segretario generale dell'ONU)
21-04-2008

L'inviato personale del segretario generale delle Nazioni Unite per il Sahara, il sig. Peter Van Walsum, ha dichiarato, lunedì dinanzi al Consiglio di sicurezza, che "l'indipendenza del Sahara occidentale non è un'opzione realistica", che chiama il quindici a raccomandare la prosecuzione dei negoziati considerando la realtà politica e della legalità internazionale.

"Ho sentito la necessità di ribadire questa conclusione che l'indipendenza dell'Sahara occidentale non è un obiettivo realizzabile", poiché sembra, ha detto, che questa conclusione sarebbe stata eclissata durante i negoziati di Manhasset proprio quando questa constatazione, "oggi ancora pertinente, mi trovo all'origine del processo di negoziati in corso".

Fin dalla partenza, ha ricordato l'inviato personale, in un resoconto di cui la MAP ha ottenuto copia, "ho messo l'accento sulla necessità del rispetto della realtà politica parallelamente al rispetto della legalità internazionale", aggiungendo che ciò che importa è di raggiungere un compromesso tra i due concetti. "non accetto l'idea secondo la quale la presa in considerazione della realtà politica costituisce una concessione o una capitolazione", ha proseguito nel corso di queste consultazioni a porte chiuse.

Il segretario generale dell'ONU, il sig. Ban Ki-moon, aveva, si ricorda, invitato, nella sua ultima relazione, le parti da dare prova di realismo e di spirito di compromesso.

D'altra parte ed in un'allusione chiara all'implicazione diretta dell'Algeria nel conflitto del Sahara, il sig. Walsum attribuisce la persistenza del vicolo cieco al fatto che numerosi paesi trovano abbastanza comodo il statu quo poiché "salva loro l'obbligo di fare scelte penose, come prendere parte per l'Algeria o per il Marocco".

La principale ragione per la quale trovo intollerabile lo statuto quo è che è troppo facilmente accettato, non soltanto da spettatori non impegnati dei paesi lontani, ma anche dai partigiani incondizionati del fronte Polisario, che non hanno vissuto nei campi, ma che sono convinti che coloro che vi vivono préfèreraient restarvi indefinitamente anziché optare per una soluzione negoziata al di qua dell'indipendenza totale", ha detto.

Evocando il processo di negoziati, il sig. Walsum ha ricordato che gli ultimi quattro round di negoziati non hanno permesso di avviare veri negoziati e che "il processo si trova nel vicolo cieco nonostante un accordo su un quinto round", ritenendo che "ciò che occorrono, è un orientamento più chiaro da parte del Consiglio stesso". "se il Consiglio non può fare una scelta, le parti non lo possono neppure", hanno insistito.

Per sbloccare la situazione, il sig. Walsum suggerisce così al Consiglio di sicurezza di chiedere alle parti di ribadire il loro accordo di principio che "nulla sia deciso finché non ci è d'accordo su tutto".

Propone anche che a "titolo provvisorio (ad esempio per sei a nove mesi) di ritirare dall'ordine del giorno dei negoziati le due proposte", di negoziare, questa volta realmente, senza condizioni preliminari, ma "sulla base dell'ipotesi provvisoria che non ci sarà un referendum con l'indipendenza come opzione, e che quindi, l'uscita sarà inevitabilmente al di qua dell'indipendenza totale".

Inoltre, prosegue -il, "il Consiglio potrebbe annunciare la sua intenzione di valutare il processo alla fine di questo periodo di prova". "se, attualmente, (il Consiglio) percepisce i contorni di un'eventuale soluzione politica, può decidere di prolungare il periodo di prova, altrimenti, il statu quo e le posizioni incompatibili delle parti riprenderanno de facto", hanno dice. Nella sua ultima relazione, resa pubblica mercoledì a New York, il sig. Ban Ki-moon ha chiamato le parti in negoziati sul Sahara al realismo ed al compromesso.

Ha così raccomandato al Consiglio di sicurezza, sulla base del quarto round dei negoziati e della valutazione del suo inviato personale, di ribadire l'appello alle parti "di impegnare una fase di negoziati più intensi e che riguarda maggiormente le questioni di fondo" e senza condizioni preliminari.

I quindici dovranno riunirsi di nuovo il 29 aprile corrente per adottare una risoluzione che proroga il mandato del MINURSO. Al termine del 4$o round dei negoziati sul Sahara, in marzo scorso, le parti si sono impegnate a proseguire i loro negoziati a Manhasset ad una data da determinare di comune accordo.

Il Sig. Walsum: l'iniziativa marocchina, punto d'arrivo di un processo di consultazioni allargate e dell'autodeterminazione non è sinonimo dell'independenza
23-04-2007 
 

L'inviato personale del Segretario generale dell'ONU per il Sahara, il Sig. Peter Van Walsum, ha sottolineato che l'iniziativa marocchina per il negoziato di uno statuto di autonomia nella regione del Sahara costituisce " il punto d’arrivo di un processo di consultazioni allargate, ai livelli nazionali ed internazionali", ricordando che l'autodeterminazione non è sinonimo di indipendenza.

 

"La proposta marocchina è stata la conclusione di uno sforzo di lunga data, e di un processo di consultazioni allargate ai livelli nazionali ed internazionali", ha precisato il sig. Walsum durante una conferenza stampa venerdì alla sede dell'ONU a New York.

Egli ha rilevato che, tuttavia, la "proposta" del Polisario l'aveva "personalmente sorpreso" perché non era, "mai stato informato della sua elaborazione."

 "La proposta del Polisario è stata una sorpresa, al meno per me", soprattutto perché riprende delle "posizioni già conosciute", egli ha detto.

Il sig. Walsum, il quale ha reiterato il suo appello al Consiglio di sicurezza durante le sue consultazioni di venerdì, ad incoraggiare le parti ad avviare dei negoziati diretti, ha insistito sul fatto che "autodeterminazione non è sinonimo di indipendenza."

Esiste, egli ha detto, molti esempi nel mondo dove, al termine di un referendum, di consultazioni o altri, delle popolazioni hanno optato per l'autonomia o l'integrazione totale, e questo, secondo lui, in modo particolare per delle ragioni di sicurezza o per i vantaggi economici.

L'inviato personale del Segretario generale dell'ONU ha ricordato poi la raccomandazione formulata dal sig. Ban Ki-moon nel suo ultimo rapporto, chiamando il Consiglio di sicurezza "a chiedere a tutte le parti di avviare dei negoziati senza condizioni preliminari, per giungere ad una soluzione giusta, duratura e reciprocamente accettabile".

"Personalmente, ho una fede illimitata nelle negoziazioni dirette", egli ha detto, stimando che la comunità internazionale ha il compito di contribuire a superare la situazione attuale.

Durante le loro consultazioni sul Sahara, i membri del Consiglio di sicurezza hanno messo in evidenza l'importanza dell'iniziativa marocchina per il negoziato di uno statuto di autonomia nella regione del Sahara.

 

Il Sig. Walsum è autorizzato a presentare le sue conclusioni sul Sahara secondo il portavoce...
22/04/2008
 

L'inviato personale del segretario generale dell'ONU, il sig. Peter Van Walsum, è autorizzato, nella sua qualità di facilitatore dei negoziati sul Sahara, a presentare al Consiglio di sicurezza le sue conclusioni e proposte per fare uscire questa cartella del vicolo cieco, hanno dichiarato martedì il portavoce del segretario generale, Michèle montò.

 

Il "sig. Walsum agisce come facilitatore , a questo titolo, è autorizzato a presentare al Consiglio di sicurezza le sue conclusioni", ha precisato la signora Montas, che reagiva alle opinioni del rappresentante permanente del Sudafrica al Consiglio di sicurezza.

Ed insistere: Il "sig. Walsum è sempre l'inviato personale ed in questa qualità ha presentato le sue conclusioni e le sue proposte per fare uscire la cartella del vicolo cieco".

Il Sig. Peter Van Walsum, ha dichiarato, lunedì dinanzi al Consiglio di sicurezza, che "l'indipendenza dell'Sahara occidentale non è un'opzione realistica", che chiama il quindici a raccomandare la prosecuzione dei negoziati considerando la realtà politica e della legalità internazionale.

Le dichiarazioni del sig. Peter Van Walsum hanno suscitato numerose reazioni di sostegno fra i membri del Consiglio di sicurezza.

Così gli Stati Uniti hanno affermato, che le idee presentate dall'inviato personale del segretario generale dell'ONU per Sahara, il sig. Peter Van Walsum, "meritano di essere seriamente prese in considerazione".

" È un uomo che è passato molto tempo a lavorare su questa cartella ed ha presentato un'analisi e proposte franche che meritano una considerazione seria", ha dichiarato il rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l'ONU, il sig. Zalmay Khalilzad, in risposta a giornalisti che la interrogavano sulla posizione del suo paese che riguarda le proposte formulate dal sig. Peter Van Walsum, nel corso delle consultazioni del Consiglio di sicurezza sul Sahara.

Da parte sua Sir John Sawers, rappresentante permanente del Regno Unito presso l'ONU, si è rallegrato per il lavoro compiuto dall'inviato personale del segretario generale dell'ONU per Sahara, il sig. Peter Van Walsum, sottolineando che la proposta marocchina di negoziare uno statuto d'autonomia per il Sahara merita "una considerazione seria".

"La proposta marocchina merita una considerazione seria e spetta alle parti in questo conflitto che mantiene avanzare", ha aggiunto il Sir John Sawers, in risposta a giornalisti che la interrogavano sulla posizione del suo paese che riguarda le proposte formulate dal sig. Peter Van Walsum, nel corso delle consultazioni del Consiglio di sicurezza sul Sahara.

Il rappresentante del Regno Unito sottolinea che "esiste oggi una prospettiva di fare avanzare questo processo".

E spetta all'inviato personale del segretario generale "tentare di fare avanzare il processo al massimo che può", ha ancora detto il Sir John Sawers, che ribadisce l'appoggio del suo paese agli sforzi del sig. Peter Van Walsum.

  Il polisario e l'Algeria vuole perpetuare i negoziati tanto quanto possibile
27/05/2008
 

Il Polisario e l'Algeria non hanno d'altro obiettivo che di perpetuare il processo di negoziati sul Sahara fino a quando possibile , ha ritenuto il sig. Peter Van Walsum, inviato personale del segretario generale dell'ONU per il Sahara.

 


In un'intervista al quotidiano olandese " NRC Handelsblad" (edizione del 24 maggio), il diplomatico olandese rivendica il suo diritto di esprimere la sua opinione al Consiglio di sicurezza, considerando l'opzione d'indipendenza come un obiettivo non realistico.

"Hanno ritenuto che se io  non esprime la mia opinione ora, mi sentirei incredibilmente approfittato in un anno" , ha ritenuto.

" Rischiavo di screditarsi hanno avuto la sensazione che soggiorni incaricato di quest'affare per farla durare all' infini" , ha spiegato, ritenendo che, in mancanza di prospettiva, tutto sommato, fosse incoraggiato nella sua missione, soprattutto da parte dell'Algeria che sostiene il polisario.

La sua convinzione era molto diversa e le cose, ai suoi occhi, non andavano bene.

Il Sig. Peter Van Walsum ha, d'altra parte, sottolineato che è immorale che popolazioni rimangono installate in accampamenti da 33 anni.

" È che moralmente accettabile; si lascia ancora una generazione di bambini del polisario crescere in accampamenti? " , si è interrogato, ricordando la sua decisione di suggerire al Polisario di " entrare in negoziati difficili in vista di arrivare ad una forma d'autonomia garantita sotto la bandiera marocchina".
 

 Il Sahara: Walsum critica la società civile spagnola di avere creatodi" false speranze" sull'i...
11/08/2008
 

L'inviato personale del segretario generale delle Nazioni Unite per Sahara, il sig. Peter Van Walsum, ha criticato la società civile spagnola per avere indotto Polisario a scommettere sull'indipendenza e contribuito " all'estensione dell'agonia" sequestrati nei campi di Tindouf.

 

In un'intervista al quotidiano spagnolo " El Pais" , pubblicato venerdì, il Sig. Van Walsum ha chiamato " gli spagnoli che si preoccupano realmente del benessere dei sahariani da chiedersi si trattano correttamente incoraggiando Polisario ad insistere sull'indipendenza totale".

 Perorando per la ricerca di una " soluzione di consenso ispirata della realtà sul terreno" , Il Sig. Van Walsum ha sottolineato che la " realtà politica sul campo si trova tra le mani Marocco".

 Dal giugno 2007, delle delegazioni del Marocco, del polisario, dell'Algeria e della Mauritania ha preso parte, a Manhasset, nei pressi di New York, a quattro round di negoziati sotto l'egida delle Nazioni Unite in presenza del Sig. Van Walsum nella sua qualità di facilitatore dei negoziati.

 In una relazione, il 15 aprile scorso, dinanzi al Consiglio di sicurezza, il Sig. Van Walsum aveva allontanato l'opzione di " l'independenza" raccomandata dal Polisario ed Alger, qualificandola di " irrealista" e di " irrealizzabile".

 Il segretario generale dell'ONU saluta il lavoro compiuto dal sig. Peter Van Walsum
29/08/2008
 

Il segretario generale dell'ONU, il sig. Ban ki-moon, " saluta il lavoro compiuto dal suo inviato personale per Sahara, il sig. Peter Van Walsum" , da cui il mandato viene da completarsi, ha indicato giovedì il suo portavoce aggiunta, Marie Okabe.

 


" Durante gli ultimi tre anni, il Sig. Van Walsum ha lavorato con le parti, i paesi vicini e gli altri partner in attesa di convocare quattro round di negoziati" , ha indicato il sig. Ban ki-moon in un comunicato, nel quale ha precisa che un nuovo inviato per Sahara sarà annunciato " prossimamente".

Il segretario generale dell'ONU " rimane impegnato da offrire i suoi buoni uffici alle parti all'ora dove si preparano a tenere un quinto round di negoziati questo autunno" , inoltre ha indicato.

 La Sig.ra Okabe ha proseguito che il sig. Ban ki-moon " è fermamente convinto che esiste una necessità di ravvivare il processo di negoziati allo scopo di arrivare ad una soluzione pacifica" alla questione del Sahara.

 Nella sua ultima risoluzione sulla questione del Sahara, il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha sottolineato che è " indispensabile che le parti diano prova di realismo e di uno spirito di compromesso per mantenere lo slancio stampato al processo di negoziato".

Il Consiglio aveva chiesto alle parti di " continuare a dare prova di volontà politica e di lavorare in un'atmosfera propizia al dialogo allo scopo di avviare più risolutamente negoziati di fondo".

 Il Sig. Walsum stesso ha chiesto di essere liberato dalle sue funzioni....
13/09/2008
 

Il segretario generale dell'ONU, il sig. Ban Ki-moon, ha segnalato, giovedì, che c'è il sig. Peter Van Walsum, il suo ex-inviato personale per il Sahara, che ha chiesto di essere liberato dalle sue funzioni.

 " Vorrò portare una chiarificazione.

Questo  non era la mia decisione non di prorogare il suo contratto" , ha affermato, allora di una conferenza stampa, il sig. Ban Ki-moon, che ha ribadito la sua determinazione a proseguire il processo di negoziati con un nuovo mediatore, la cui designazione è in corso.

Il Sig. Van Walsum " mi ha inviato una lettera che afferma avere fatto abbastanza nel suo ruolo e che dovevo trovargli un successore" , ha aggiunto il segretario generale, che precisa che ha atteso " fino all'ultimo minuto " per prendere una decisione.

 " Del momento che ha deciso volontariamente di lasciare questo posto, devo trovare un'altra persona per sostituirlo perché sono anche determinato a proseguire il processo di negoziati" , ha ancora sottolineato il sig. Ban Ki-moon, che rende nuovamente omaggio al sig. Walsum.

L'ex-inviato personale ha dato prova di una " grande capacità di direzione, di impegno e di molta passione per risolvere questo problema di lunga data " , ha detto il segretario generale dell'ONU.

" Apprezzo molto la sua contribuzione" , ha proseguito, ricordando che il sig. Walsum aveva convocato quattro round di negoziati con " un certo successo, miglioramenti e progressi, ma anche delle cime e dei bassi".

 Il Sig.Erik Jensen, ex rappresentante speciale dell'ONU:L'autonomia sola soluzione al problema del Sahara
09/10/2008
 

L'ex rappresentante speciale del segretario generale dell'ONU per Sahara, il sig. Erik Jensen, ha sottolineato, mercoledì dinanzi alla quarta commissione delle Nazioni Unite, che l'autonomia è la sola soluzione al problema del Sahara, sottolineando che " Polisario dovrebbe rinunciare ad alcune dei suoi aspirazioni".

 In questo senso, il sig. Jensen, da cui la prova era molto attesa, ha ricordato che ha scritto un libro nel quale ha spiegato il fallimento del processo d'identificazione nel quadro del piano di regolamento e perorato per una soluzione politica negoziata.

 " Dopo cinque anni al Sahara (dal 1993 al 1998), ho delegato la mia responsabilità al mio successore e ho redatto un libro nel quale spiego per quale ragione il processo d'identificazione non può riuscire" , ha detto

 Il Sig. Peter Van Walsum, " chi mi è succeduto, ha preso gli stessi orientamenti i miei sottolineando che l'indipendenza non era un'opzione realistica" , ha aggiunto il sig. Jensen, rilevando che le popolazioni del Sahara meritano " un futuro rispettabile e sicuro in una regione strategicamente importante".

" I membri della quarta Commissione sanno molto bene che il principio d'autodeterminazione può essere applicata in vari modi: al dilà di altre opzioni che l'independenza" , ha martellato.

 Il Sig. Jensen, infine, ha rilevato che " il regolamento della questione del Sahara dipende così in gran parte d'altri paesi interessati ed influenti".

A tale riguardo, ha ritenuto che " l'Algeria ha un ruolo chiave a giocare per permettere la riconciliazione e lo sviluppo di tutta la regione del Maghreb" , mettendo in guardia contro le minacce, in particolare, di ripresa delle ostilità, di destabilizzazione e di terrorismo che guetta la regione.

  Hubert Védrine mette in evidenza l'" importante" dichiarazione di Van Walsum sul Sahara dinanzi ...
23/09/2008
 

L'ex ministro francese degli affari esteri, il sig. Hubert Védrine, ha messo in evidenza l' " importante" dichiarazione fatta, il 21 aprile scorso dinanzi al Consiglio di sicurezza, dall ex inviato personale del segretario generale dell'ONU, il sig. Peter Van Walsum, secondo la quale " l'indipendenza del Sahara occidentale  non è un'opzione realista".

 " In questo contesto, ci si deve rallegrare (...) di vedere il regno del Marocco prendere un'iniziativa per il negoziato di uno statuto d'autonomia ed impegnarsi a favore di una soluzione politica definitiva" , ha affermato l'ex capo della diplomazia francese, in una lettera indirizzata all'ambasciatore del Marocco in Francia, il sig. Fathallah Sijilmassi, di cui la MAP ha ricevuto venerdì copia.

 Ha sottolineato, d'altra parte, soltanto gli amici del Magreb, a cominciare per la Francia, " auspicano tutti ardamente che questo problema difficile finisca per essere risoluto" , notando che ciò permetterebbe di " dare infine un contenuto all'Unione del Magreb arabo, e darebbe un impulso importante alle relazioni Europa-Maghreb".

Abbondando nello stesso senso, la signora Muriel Marland-Militello, deputato dell'Unione per un movimento popolare (UMP), ha salutato gli sforzi " serietà e credibilità per il sahara.

 La Sig.ra Marland-Militello, anche aggiunta al sindaco della città di Nizza, ha fatto osservare, in una lettera simile, che " la persistenza del statu quo (...) costituisce un ostacolo alla costruzione di un Magreb integrato e prosperoso e minaccia la stabilità dell'insieme della regione".

" ci vedo anche, ha deplorato, un ostacolo per la creazione di un'Unione per il Mediterraneo armonioso ed efficace".

 Il PP spagnolo si rammarica della radicalizzazione del Polisario
12/02/2009
 

Il Partito Popolare spagnolo (PP) ha espresso rammarico il Venerdì, la "radicalizzazione" del Fronte Polisario, e ha avvertito che il conflitto del Sahara puo paralizzare la comunità internazionale".

 


In un Segnalazione alla agenzia di stampa spagnola "Servimedia specializzato in informazione sociale, il portavoce della commissione per gli affari esteri del PP congresso, Gustavo de Arístegui, ha spiegato che" il concetto di autonomia  non è incompatibile con quella di auto-determinazione ".

Mr. de Arístegui faceva riferimento alle dichiarazioni da parte del personale inviato del segretario generale delle Nazioni Unite per il Sahara, Peter Van Walsum, in cui aveva respinto l'idea dell'indipendenza di questa regione.

"Che cosa noi chiediamo è una soluzione praticabile, vale a dire che non è un'utopia, e può essere accettato da entrambe le parti "contrari, e questo" con le Nazioni Unite e legalità internazionale ", ha detto .

"Ovviamente", ha detto, "che la comunità internazionale dovrebbe attenersi a ciò che le Nazioni Unite", in quanto l'atteggiamento delle Nazioni Unite "deve essere accettato, che piaccia o 'chiede meno in Spagna e in altri paesi che fanno parte di questa organizzazione.

Sig. De Arístegui ha sostenuto la ricerca di uno stabile, duratura e pacifica soluzione "a un" conflitto che potrebbe muffa e stanco, non solo le parti, ma anche la comunità internazionale ", qualcosa che chiaramente incidono sul la stabilità della regione.

Tuttavia, egli ha messo in guardia contro una "radicalizzazione" del Fronte Polisario, che avanzato le sue proposte con estrema rigidità e flessibilità "negli ultimi round di negoziati svoltosi a Manhasset.

In questo senso, Mr. de Arístegui ha raccomandato che le parti sono sempre più aperti al "dialogo e la negoziazione", come Peter Van Walsum stesso aveva descritto le ultime quattro tornate di negoziazione di "sterile, perché non vi è stato un buon comportamento del il Polisario.

Inoltre, il signor de Arístegui ha detto che un accordo tra il Marocco e il Fronte Polisario, che fornisce una "maggiore autonomia" della regione, "non è incompatibile con il concetto di sé, né con quello di un referendum.

 "Questo concetto di" auto-determinazione non significa necessariamente l'indipendenza "ed è" un principio di diritto internazionale applicabile al processo di decolonizzazione ", ha detto de Arístegui.

Così che "estrema nazionalisti" non può "concentrarsi su questi concetti per affermare l'indipendenza dei loro territori, e contro l'opinione della maggioranza degli abitanti di questi territori", ha concluso.

Il Sahara: Gli Stati Uniti ribadiscono il loro sostegno a Walsum ed ai suoi sforzi per il regolam...
06/08/2008
 

Gli Stati Uniti vengono di portare " un appoggio franco" all'Inviato personale del segretario generale dell'ONU per Sahara, il sig. Peter Van Walsum, qualificando " d'imparziali" e di " realisti" , gli sforzi che ha spiegato finora per il regolamento della questione del Sahara, ha affermato una fonte diplomatica americana citata, martedì, dal quotidiano oggi il Marocco.

 

" Gli Stati Uniti sostengono il processo di negoziati patrocinati dall'ONU e l'attuale mediatore delle Nazioni Unite, Peter Van Walsum. Pensiamo che gli sforzi che ha spiegato finora sono stato imparziali e realistici e che hanno condotto al rafforzamento del dialogo tra le parti.

Sono le qualità che saranno necessarie per risolvere il conflitto" , ha sottolineato la stessa fonte. Secondo il giornale, la nuova dichiarazione americana" va nello stesso senso del mantenimento del mediatore onusiano, verso e contro Alger che si è gettato non restituibili in una campagna ostile al diplomatico onusiano" , accusandolo di " partialità" per " avere semplicemente detto molto su ciò che tutti pensavano qualsiasi fondo, affermando l'irréalità della tesi chimerica dell'independenza".

Oltre al sostegno chiaro cheporta all'attuale mediatore onusiano, prosegue il quotidiano, questa posizione americana ribadisce l'appoggio di Washington alla soluzione d'autonomia, qualificandola come " realista".

In questo senso, il quotidiano ricorda che il segretario di  Stato americana, Condoleezza Rice, aveva già preso la difesa del facilitaore onusiano, nel periodo successivo alla presentazione della sua relazione, il 15 aprile scorso, dinanzi al Consiglio di sicurezza, nel quale aveva allontanato l'opzione di " l'independenza" raccomandata dal Polisario ed Alger, qualificandola di " irrealista" e d' " irrealizzabile". Anche, aveva affermato che le idee e proposte di Peter Van Walsum" meritavano di essere seriamente preso in considerazione".
 
" La nostra posizione sul Sahara è invariata, pensiamo che una certa autonomia mutualmente accettata costituisce la soluzione realistica per Sahara, ed abbiamo esortato le due parti ad impegnarsi su questa base" , ha indicato al giornale questa fonte diplomatica americana, che ha invitato Polisario a partecipare ad un quinto round di negoziati.

" Il Polisario si è impegnato in negoziati diretti con il Marocco sul Sahara dal giugno 2007.

Ha liberamente avviato questi negoziati con un mediatore reciprocamente convenuto, cioè l'inviato personale del segretario generale delle Nazioni Unite, Peter Van Walsum" , ha ricordato la stessa fonte diplomatica americana.

Dal giugno 2007, delegazioni del Marocco, del Polisario, dell'Algeria e della Mauritania ha preso parte, a Manhasset, nei pressi di New York, a quattro round di negoziati sotto l'egida delle Nazioni Unite in presenza del Sig. Van Walsum nella sua qualità di facilitatore dei negoziati.

Le dichiarazioni del polisario su Walsum traducono una posizione " sprovvista in buona fede ...
22/08/2008
 

Le dichiarazioni fatte recentemente a Alger da dirigenti del Polisario, che condizionano la partecipazione di quest'ultimo al quinto round dei negoziati sul Sahara alla partenza dell'Inviato personale del segretario generale dell'ONU, il sig. Peter Van Walsum, traduce una posizione " sprovvista in buona fede " , afferma la Federazione internazionale per l'autonomia al Sahara (TI FIDASTI).


" È inammissibile bloccare l'evoluzione dei negoziati con posizioni simili (a) che vanno  contro delle raccomandazioni delle Nazioni Unite " , sottolinea di se LA FIDASTI in un comunicato raggiunto giovedì MAP- Parigi.

 L'opinione del Sig. Van Walsum che afferma che l'indipendenza dell'Sahara è un'opzione non realistica e che la soluzione può essere soltanto l'autonomia nel quadro della sovranità marocchina, si è iscritta nel quadro della missione che gli è affidata tanto in che inviato personale del segretario generale dell'ONU caricato di valutare il processo dei negoziati e di emettere proposte realistiche, sottolinea di se LA FIDASTI.

 La Federazione ricorda infine che la proposta marocchina d'autonomia nelle province del Sud, definita realistico dalla Comunità internazionale, costituisce " una base politica" per i negoziati.

L'indipendenza del Sahara " non è viabile" , afferma un giornale canariano
04/08/2008
 

L'indipendenza del Sahara non è realizzabile e sola; autonomia " permetterebbe di avanzare nella risoluzione di un conflitto" chi dura da oltre 30 anni, ha affermato, domenica, il giornale canariano " Provincia".

 


In un articolo firmato Francisco Pomares, il giornale ha ricordato che l'inviato personale del segretario generale di l' ONU per Sahara, il sig. Peter Van Walsum, l'ha detto chiaramente quando ha affermato che l'indipendenza del Sahara  non è un'opzione realistica.

 " Questo non è la prima volta che un inviato speciale delle Nazioni Unite parla con questa chiarezza, ma c'è la prima volta che lo fa in una relazione indirizzata al Consiglio di sicurezza" , ha sottolineato il sig. Pomares, che era il direttore del giornale l'Opinione di Tenerife.

" " Questo che ha detto Van Walsum è la verità" pura; , ha martellato continuando ad evocare l'autodeterminazione non si farebbe che perpetuare una situazione d'ingiustizia per 30 altri anni ancora, ha affermato, ritenendo che " il momento è può essere venuto ad iniziare a cambiare discorso…

 " Al Hayat" qualifica di " illogica" la domanda di cambiamento del mediatore dell'ONU sul Sahara
28/07/2008
 

La domanda di cambiamento dell'Inviato personale del segretario generale dell'ONU al Sahara, il sig. Peter Van Walsum, è " illogica" , afferma il quotidiano " Al-Hayat" , ritenendo che ciò apra la via dinanzi ai tentativi di " fare cadere un mediatore internazionale ogni volta che egli non è apprezzato da questa o quella parte".

 


Il trattamento riservato dall'organizzazione onusienne alla cartella del Sahara " implica la collaborazione delle parti, del momento che egli non è previsto di dettare un regolamento alle parti interessate, senza il loro accordo sulla sua formula ed i suoi meccanismi che devono andare nel senso di una soluzione di compromesso" , analisi il giornale arabo, pubblicato a Londra. "

Qualora una parte qualunque fugga la responsabilità di andare il più lontano possibile nella ricerca di tale soluzione, il principio della collaborazione totale si trova così violata" , prosegue la pubblicazione, che nota che egli " non è del diritto dell'una delle parti di imporre alle Nazioni Unite il mediatore di sua scelta per proseguire il processo di negoziato".

Secondo l'autore dell'articolo, ciò " non aiuterà a soddisfare tutte le condizioni di neutralità e di oggettività" richieste in materia.

La decisione delle Nazioni Unite di confermare il sig. Peter Van Walsum nel suo statuto dimostra che l'organizzazione internazionale " applica la norma che dice che non si può cambiare un buono arbitro agli ultimi momenti della partita" , prosegue.

E concludere: i negoziati relativi alla questione del Sahara, " dopo un inizio timido" , sono sempre più considerate come " il mezzo più efficace" per raggiungere una soluzione, cosa che rende " ingiustificato qualsiasi ritorno alla scatola partenza".

 

 Fonte : MAP

-Notizia riguardo alla questione del Sahara Occidentale / Corcas -

 

 

 

 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022