الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
martedì 25 gennaio 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Dossier

 

Il Marocco affidando ed ottimista, si rammarica della posizione immobile dell'altra parte

.Il secondo round dei negoziati sul Sahara ha avuto luogo il 10 e l'11 agosto a Manhasset, nella regione di New York.I membri della delegazione marocchina al secondo round dei negoziati sul Sahara, tenuto il 10 e l'11 agosto a Manhasset, sobborgo new yorkese, si sono dichiarati ottimisti ed affidanti nel processo in corso, che si rammarica della posizione immobile dell'altra parte.

 



In occasione dei due giorni di negoziati alla residenza Greentree, sotto l'egida dell'ONU, i dibattiti hanno riguardato punti fondamentali che si iscrivono nella benzina anche dell'iniziativa d'autonomia, hanno indicato i membri della delegazione marocchina, ad una conferenza stampa tenuta sabato sera a New York.

"Consideriamo che il primo round è stato un round di contatto, il seconda come quello dello scambio sui meccanismi d'attuazione della risoluzione 1754 del Consiglio di sicurezza e sulle tematiche relative all'autonomia", ha sottolineato il ministro dell'interno, il sig. Chakib Benmoussa.

Il Marocco ha dato il suo accordo di principio per prendere parte ad un terzo round di negoziati, ha dice, precisando che la data ed il luogo di quest'appuntamento non sono stati ancora stabiliti, essendo il regno la vigilia di scadenze elettorali che devono arrivare alla formazione di un nuovo governo.

"Siamo affidando in questo processo e speriamo che il prossimo round permetterà di fare evolvere la posizione del Polisario, rimasta immobile", ha proseguito.

Trattandosi del ruolo dei paesi vicini, il ministro ha considerato che tanto l'Algeria che la Mauritania "può contribuire a trovare una soluzione definitiva a questo problema".

"Riteniamo che la presenza dei paesi vicini a questi negoziati sia importante." L'Algeria è interessata da questa vertenza, poiché ripara sul suo suolo i campi di Tindouf, e conosciamo l'influenza che questo paese esercita sul Polisario.

La Mauritania, da parte sua, conta un grande numero di sahraouis, cosa che spiega i suoi legami con la questione ", ha detto il ministro." Tuttavia si è rammaricato che l'alto commissariato ai profughi (HCR) non abbia potuto registrare le popolazioni dei campi che vivono in condizioni deplorevoli.

Quanto al presidente del Consiglio reale consultivo per gli affari sahariani (CORCAS), il sig. Khalihenna Ould Errachid, ha ricordato che il fallimento di una serie di piani e tentativi per regolare questo problema ha condotto al vicolo cieco, da cui gli appelli della Comunità internazionale alle parti per formulare nuove proposte.

"il Marocco ha così preso l'iniziativa di presentare un piano audace ed innovatore, dove non ci sarà né vincitore né superato", ha indicato il sig. Ould Errachid, che deplora soltanto Polisario sia rimasto prigioniero di una visione passéiste basata su progetti obsoleti ed irrealizzabili.

L'altra parte non ha assimilato la lettera e lo spirito della risoluzione 1754 del Consiglio di sicurezza, si è rammaricato, ricorrente ad una soluzione politica fondata sull'iniziativa marocchina.

Abbondando nello stesso senso, il ministro delegato agli affari esteri ed alla cooperazione, il sig. Taieb Fassi Fihri, ha sottolineato che, nella sua ultima risoluzione, il Consiglio di sicurezza ha chiaramente segnalato che la responsabilità del regolamento della questione spetta in primo luogo alle parti ed ai paesi vicini, mentre il ruolo delle Nazioni Unite si limita a facilitare i negoziati.

L'iniziativa d'autonomia proposta dal Marocco è stata favorevolmente accolta dalla Comunità internazionale, che ha salutato gli sforzi seri e credibili acconsentiti dal regno, ha aggiunto. Ritornando sullo svolgimento dei negoziati, il sig. Fassi Fihri ha spiegato che parallelamente ai dibattiti di fondo, esperti dell'ONU hanno presentato relazioni riguardanti questioni essenziali che si riferiscono all'autonomia nel quadro dell'integrità territoriale come la gestione delle risorse naturali e la gestione locale.

A tal fine, la delegazione marocchina ha ricordato gli sforzi acconsentiti, da anni, dal Marocco in questi settori e le proposte contenute nella sua iniziativa, ha fa sapere.

D'altra parte, ha segnalato che questo secondo round ha segnato un'evoluzione positiva rispetto alla prima riunione, tenuta il 18 ed il 19 giugno scorso, che esprime il desiderio di vedere Polisario rivedere le sue posizioni, in previsione del prossimo round.

Da parte sua, il Direttore generale degli studi e della documentazione, il sig. Mohamed Yassine Mansouri, ha segnalato che nonostante le dichiarazioni tendancieuses alla stampa fatte da membri della delegazione del Polisario nel corso dei due giorni di negoziati, questi negoziati sono stati positivi.

"Per la delegazione marocchina, questa seconda riunione ha costituito una tappa importante ed ha segnato un'evoluzione positiva, nella misura in cui ha permesso di esaminare e di discutere di punti fondamentali che si iscrivono nella benzina anche dell'iniziativa", ha spiegato il sig. Mansouri. E sottolineare: "il Marocco è determinato ad avanzare con pazienza, la mano tesa, poiché vogliamo che quest'iniziativa d'autonomia si realizzi".

Bando Ki-Moon: il secondo round dei negoziati sul Sahara ha permesso "di buona discussione di fondo"

Il segretario generale delle Nazioni Unite, il sig. Ban Ki-moon, ha segnalato martedì che il secondo round dei negoziati sul Sahara è stato l'occasione per le parti di condurre di "buone discussioni di fondo".

"Benché non abbia avuto progressi visibili durante questi negoziati, le due parti hanno avuto buone discussioni di fondo durante i due giorni" della loro riunione, venerdì e sabato scorsi, a Manhasset, ha dichiarato il sig. Ban Ki-moon in occasione di contatti con la stampa alla sede dell'ONU a New York.

Ed aggiungere: "e questo è importante, in questa fase, è che le parti si sono messe d'accordo per continuare a dialogare". "continuerò ad incoraggiare le parti interessate a proseguire il dialogo e ad indurre il mio inviato personale a continuare a svolgere il suo ruolo di facilitatore", ha affermato.

Delegazioni del Marocco, del Polisario, dell'Algeria e della Mauritania hanno preso parte al secondo round dei negoziati sul Sahara, in presenza del facilitatore dell'ONU, il Sig. Van Waslum.

Washington ritiene che l'autonomia sia la via "promettente e realista''per Il Sahara

Gli Stati Uniti abbiano giudicato che un'autonomia sostanziale per Sahara è ''una via promettente e ''realistico e che l'iniziativa marocchina fornirebbe un quadro realistico per negoziati sulla questione del Sahara. ''riteniamo che un'autonomia sostanziale sia una via promettente e realistica e che l'iniziativa marocchina fornirebbe un quadro realistico per negoziati '', ha dichiarato lunedì il portavoce del dipartimento di Stato, il sig. Sean McCormack.

Rispondendo ad una domanda del MAP sul secondo round dei negoziati sul Sahara, il portavoce ha espresso la soddisfazione degli Stati Uniti che ''il Marocco e Polisario si siano riuniti una seconda volta il 10 e l'11 agosto sotto gli auspici delle Nazioni Unite per discutere sulla risoluzione del conflitto del Sahara occidentale ''.

Il Sig. McCormack ha anche salutato l'accordo intervenuto per proseguire i negoziati.

''si capisce che le due parti hanno deciso di proseguire i negoziati. Salutiamo questo sviluppo '', ha sottolineato ricorrente ad una discussione globale delle questioni in occasione del prossimo round dei negoziati.

 

 

 

Fonte: MAP

- Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas -

 


 

 

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022