الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
lunedì 23 maggio 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Le sessioni

Discorso del presidente del Corcas a Smara:

.Discorso del presidente del consiglio consultivo reale per del Sahara-affare in nome di dio su una disposizione della sua maestà del re Mohammed VI, può farlo trionfare un dio, teniamo questa seconda riunione comune per il 2007 nella città Smara, la capitale della scienza, sanctifiamo oggi guerra e Militantismo, in tutte le tappe della storia marocchina alla protezione della sua entità e della sua integrità territoriale hanno partecipato considerevolmente.




Questa riunione è la seconda riunione che si è svolta nella regione dopo la riunione straordinaria, su un'istruzione della sua maestà del re, allo studio dei risultati di

1. La riunione nel Manhasset, e nella città Laâyoune il 29 giugno 2007 ha avuto luogo. Questa riunione che si svolge oggi nella città Smara, è dedicata allo studio di due temi importanti, cioè :

2 L'autonomia: soluzione definitiva che riguarda la realizzazione della riconciliazione e del ritorno in quello diventerebbe

3 il trasporto aereo e la rete stradale nel  poiché sapete è per questo che la risposta, signore e signori, qualsiasi che l'autonomia e la soluzione del Sahara-conflitto in modo definitivo fanno, è cominciato dopo la visita storica della città che la sua maestà il re Mohammed VI, che il Dio lo faccia tionfare , questa città  ha ed in particolare dopo il suo discorso storico il 25 marzo 2006, grazie a che  consiglio reale consultivo per gli affari del Sahara(CORCAS) ha creato.

Il consiglio si è concentrato alla partenza sul fatto di elaborare il progetto pilota dell'autonomia e ciò 2006. Abbiamo intrapreso accanto a ciò un'attività diplomatica e mediatische intensiva. E non appena la sua maestà il re ha dato nel suo discorso la sua conferma al progetto definitivo dell'autonomia, abbiamo partecipato alla campagna nazionale vasta, per rendere questo progetto in tutti gli angoli conosciuto del mondo.

Ed infatti, la maggioranza dei paesi influenti ha accolto positivamente ed ha salutato questo progetto che come base del regolamento di questo conflitto ha considerato. Ed in seguito alle reazioni positive da parte della maggioranza dei paesi influenti del mondo, il Marocco ha presentato la sua iniziativa al segretario generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite l'11 aprile 2007, ed il consiglio di sicurezza ha adottato all'unanimità la sua risoluzione storica in 1754 che ha qualificato seria ed in modo credibile l'iniziativa marocchina come.

Questa risoluzione inoltre ha messo, si basa un nuovo modo di ravvicinamento aspro abbandonare tutti i modi di ravvicinamento poco realistici precedenti e tutti i piani sterili ed avviare negoziati in buona fede, quando soluzione definitiva unica per questo conflitto che ha persistito troppo.

In questo modo, la risoluzione in 1754 deve essere allegata un nuovo punto di partenza che è nello stato, il problema al Sahara marocchino entro i termini il più vicino possibile, sempre che incontriamo ciò anche fede di merci all'altra parte. Quello è andato su questa base l'1. negoziati dei negoziati il 18 ed il 19 giugno 2007 nel Manhasset negli Stati Uniti staccato.

Nello stesso posto, ha trovato il 2. dei negoziati dei negoziati il 10 e l'11 agosto dello stesso anno può arrivare al luogo e questo può essere previsto che le parti abbiano colpito una nuova tappa al trattamento della questione in modo civilizzato che ad una soluzione definitiva che mette soddisfa tutte le parti. Abbiamo trattato l'atmosfera già in dettaglio nel Laâyoune, dove i negoziati sono avvenuti e dove le realizzazioni, il Marocco ha realizzato qui.

Questi negoziati la parte anteriore ha portato in una confusione, poiché mette un'interruzione completa con i piani precedenti ed apre una nuova tappa il cui inizio è la risoluzione in 1754, dove il consiglio di sicurezza chiama a prendere Polisario negoziati diretti, ad una soluzione accettata politica reciprocamente definitiva condurre può che mette soddisfa tutte le parti.

Il consiglio di sicurezza ha nella sua ultima risoluzione in 1783 inoltre ha sottolineato di seguire lo stesso nuovo modo di ravvicinamento come prato di ravvicinamento che riguarda il regolamento del Sahara-conflitto.
Ha accanto a ciò l'iniziativa marocchina poiché seri ed in modo credibile ha qualificato ed ha aggiunto che i negoziati sulla base dello sviluppo che è intervenuto 2006, avranno luogo e questo conduce fuori sull'importanza iniziativa marocchina che riguarda il progetto d'autonomia che poiché lo sviluppo unico in questa cartella può essere considerato.

E per realizzare quest'obiettivi che la risoluzione ha fissato in 1783, conformemente al desiderio della Comunità internazionale, è indispensabile che incontriamo ciò anche buona fede all'altra parte. Il Marocco è riuscito nello stesso quadro aspro, la sua fede di merci non osservava mettere, in lui il consiglio consultivo reale per del Sahara-affare (CORCAS) ha creato, la partecipazione attiva dei fili della regione nell'amministrazione del suo futuro e nell'enunciato dell'autonomia come mezzo nobile alla soluzione di questione sulla base né vincitore né messo in fallimento.

Il fatto che il Marocco lo ha accettato, con la parte anteriore Polisario negoziare direttamente è un'espressione onesta e coraggiosa della fede di merci del Marocco che riguardano la conclusione definitiva di questo conflitto che ha persistito troppo, sul negoziato e sulla riconciliazione. Tuttavia che altra parte che è mehrparteilich allo stesso momento, lo resta oggettiva rimescolati.

Infatti, ha accettato le nuove risoluzioni del consiglio di sicurezza ed i negoziati diretti, tuttavia che fede di merci non è ancora esistente, poiché aspira dopo il passato, nonostante il fatto che non si è realizzato nulla in passato che riguarda la soluzione di questo conflitto.
Il tentativo dell'attuazione di un referendum sulla base dell'identificazione d'identità è risultato fuori come seguito inapplicabile alle ragioni oggettive che non possono andare davanti a nessuno ed alla loro cima soltanto i Sahariani si fermano nel territorio di numerosi paesi sulla base spezzettare.
È per questo che sono impossibili realizzare un referendum appena, libero e democratico sulla base della fissazione d'identità, soltanto se le frontiere di questi paesi sono state trasformate geograficamente ed umanamente.

Ciò è stretto l'immaginazione, è impossibile e non ragionevole e non conviene con la legalità internazionale, sul rispetto delle frontiere e dell'integrità territoriale di ogni paese si basa.

Ciò che li induce ad affermare che questa fede di merci non si trova in stock all'altra parte, che all'impossibile si attiene, benché sia nella fede che non può andare in realizzazione e che porta la sua entità nel pericolo, ciò fanno osservarle che la sua esigenza di un referendum mira a perpetuare per altre ragioni segrete il conflitto.

Si deve fare osservare che la parte anteriore Polisario una parte anteriore democratica ed è stata mai una parte anteriore democratica, poiché si basa su un sistema di dittatura totalitaria globale che mira a determinare completamente sul gruppo cittadini e sul suo comportamento non è stato a dire il vero.

E fino ad oggi, nessuna modifica ha conosciuto questa prima, come organizzazioni simili, per quanto riguarda la larghezza di spirito, la multipartialità, la trasparenza e la democrazia nell'amministrazione dei loro affari e ciò che la sua apertura su una soluzione di consenso e sulla riconciliazione nazionale.

E peccato è restato davanti al Polisario dalla sua creazione e dalla sua pianificazione decisa che riguarda l'impianto dei campi nel Lahmada, in modo che tenga raccolta molto dei fili della nostra regione dal 1975 in una trappola delle dichiarazioni, sulla storia dello Sahara e del regno e su tutto ciò che è nel generale con questo conflitto in una relazione, si riferisce attaccato.

E tutti  hanno accordato che non c'era mai entità in questa regione che non il Marocco ha appartenuto che i Sahariani hanno formato attraverso una storia la componente di base della nazione marocchina e che non sono stati sottoposti ad alcun'autorità, eccetto l'autorità dei sultani marocchini su ciò sanctifica di giuramento fedele.

E senza girare molti rad della storia e sulla base dell'anno dell'indipendenza dietro nel 1956, nessuno può negarlo che i primi che era di giuramento fedele dei defunti maestà re Mohammed VI nel Rabat i tronchi Sahariani.

E per quanto riguarda quest'iniziativa storica che le più grandi personalità Sahraouies che formano la maggioranza della condotta momentanea di prima di Polisario, hanno intrapreso, l'esercito ha afferrato alla liberazione della Sahara- regione.

Tutti i Sahariani, degli uomini e delle donne, si aggiunge quest'esercito, che di quattro angoli del Sahara.Progetto dell'autonomia che da parte della maggioranza dei fili della Sahara- regione è accettabile, e su che hanno aspettato così a lungo.

Se usufruisce, come lo afferma, della libertà della decisione, perché non approva allo stesso momento la soluzione possibile unica, è applicabile ed onorato, e quello il progetto dell'autonomia sotto una sovranità marocchina è. Ci è libero dubitare che la parte anteriore del Polisario usufruisca della libertà della decisione.

 Di conseguenza, in siamo convinti che la maggioranza che schiaccia Sahraouis, dove si possono anche trovare, ed in particolare Jenigen nei campi, l'autonomia come soluzione adeguata considerano, essa non prendiamo tuttavia la decisione, poiché sono purtroppo  di una situazione .

Tutto è stabilito che indici facciano osservare che una segregazione tra gli abitanti dei campi e della condotta imposta e superata di prima di Polisario esiste. Gli abitanti aspirano al ritorno nella loro patria in modo onorato e degno, per partecipare alla marcia dello sviluppo economico, sociale, politico e culturale della regione e condurre una vita normale come tutti.

 E la condotta si dissimula dietro un ordine del giorno  ed evita di prendere una decisione decisiva, poiché è stata messa per la prima volta prima della sua responsabilità, se è infatti una condotta Sahariana. Sia fatta la scelta della soluzione onorata, sia .

 L'opzione onorata è chiara , garantisce tutti i diritti politici, economici, culturali e sociali degli abitanti al Sahara, riconosce loro l'amministrazione dei suoi affari e soddisfa tutte le parti.

La Comunità internazionale che ha sostenuto la soluzione negoziata dell'autonomia, ed è chiamata soddisfatta la soluzione a livello internazionale politico soddisfatto i paesi del Magreb arabo, nel quale disinnesca questo conflitto sterile che ha portato l'unione del Magreb arabo in un ritardo. Per quanto riguarda, e azionare della condotta del  Polisario:

Questa scelta è immediatamente la persistenza del conflitto, poiché l'esigenza dell'impossibile è volontà chiara il suo perpetuare ed il suo perpetuare è sinonimo essere sottoposto di un ordine del giorno .

Quest'ordine del giorno ungeaeusserte è la parte anteriore Polisario che non permette ad ogni condotta di rendere indipendente la sua decisione. Ma, il mondo, dio è ha ringraziato, è cambiato e Media permette di venire ogni cittadino, dove egli trovare si può, dietro la verità e sono diventati impossibili che è la vittima lo, azionare e della posizione doppia.

 Visto ciò, oggi e dell'apertura dei terzi negoziati  che tra l'1. settimana digennaio 2008 a Manhasset avere luogo, trattiamo il tema: l'autonomia: la soluzione definitiva che riguarda la realizzazione della riconciliazione e del ritorno in quello diventerebbe.

Avuto nutrito la speranza che i negoziati à venir venire sarà l'occasione che l'altra parte mostrare la loro fede di merci, quanto alla base, del rispetto della volontà dei sahariani di tornare nella loro patria il regno Marocco nel quadro dell'autonomia sotto una sovranità marocchina e sotto la condotta illuminata della sua maestà del re Mohammed VI, possiamo dio lui trionfare fare, affinché mettiamo fine a quest'incubo che gli abitanti dei campi del Tindouf possiamo provare e possiamo così redigerci la fede di merci un nuovo strato della possibilità, un progresso e del benessere per tutti i fili della regione.

Ed a tale riguardo e quindi l'orientamento reale relativo di ciò che l'unità con il progresso, con la democrazia e con lo sviluppo in una relazione è, la sua maestà al re Mohammed VI, può fare ha insistito un dio lui trionfare, per unire l'ordine del giorno di questa riunione un punto di sviluppo che riguarda lo studio dei problemi del trasporto aereo e della rete stradale in, poiché questo settore esercita ora una conseguenza importante sullo sviluppo dello Sahara-provincia, sul suo progresso, sulla promozione degli investimenti e sulla libertà di movimento delle persone, delle merci e dello scambio, che ci ricordano le realizzazioni e che la soluzione dello sviluppo e del progresso del Sahara nella patria non si attende azionare altri e che possiamo realizzare ciò con la nostra volontà ed il nostro in patrie.


L'appello  di Smara.
Il consiglio consultivo reale per gli affari Sahara (CORCAS), giudicato la relativa seconda riunione comune da 17. al 18 dicembre 2007 per dicembre del 2007 nella città Smara, nel capitale di scienza e nella guerra santa del regno e dedicato il relativo ordine del giorno allo studio sulle domande, che lo sviluppo locale delle province del Sud interessa, così come lo sviluppo della domanda della nostra integrità territoriale, sotto il soggetto "l'autonomia: la soluzione definita per effettuare della riconciliazione ed il ritorno in quanto sono diventato ".

I membri del consiglio che questa riunione ha notato, per esprimere il loro orgoglio riguardo alla loro partecipazione nell'elaborazione dell'iniziativa marocchina e di interessare di autonomia loro accompagnare attentamente delle loro fasi, dal momento che ora è una soluzione, che protegge la sovranità e l'integrità territoriale del regno, che si è transformato in in caratteristiche delle province Sud rispettato, che nella considerazione prende i criteri internazionali all'interno della gamma dell'autonomia ed a il quale fine guasto, in cui il Sahara carta  mette, la regola un'estremità, dopo di che la Comunità internazionale evidente che tutti i programmi precedenti sono non sono del tutto praticabili.

 Il consiglio deve anche depositarsi ricordato di esso a che questa iniziativa storica e coraggiosa rappresenta la soluzione adatta, sopra questo conflitto continuo ed a che è l'opzione esclusiva, che nel contesto della legalità internazionale è applicabile.

Ed in quanto il consiglio consultivo reale per Sahara (CORCAS) il relativo altezza di legatura il suggerimento rispetto all'autonomia rinnovato, ricorda a della posizione della Comunità internazionale, che gli elogio-elogi l'iniziativa marocchina sopra le risoluzioni 1754 e 1783 e qualificato esso come rispettabile ed attendibilmente e per la soluzione della domanda della nostra integrità territoriale hanno reso un'interruzione definita con tutti i sensi non riusciti precedenti di approssimazione.

 Nello stesso collegamento, questi sforzi sono continuato dall'energico e la partecipazione efficiente del consiglio consultivo reale per gli affari del Sahara(CORCAS) ai due tondi delle trattative, che hanno avvenuto dentro un-odiato in unito Dichiara.

 Il consiglio consultivo reale pergli affari del Sahara(CORCAS) in questa riunione sullo studio della situazione dell'era miserabile, che gli abitanti di Tindouf nell'esperienza così dura condiziona, che è caratterizzata tramite la separazione delle famiglie e dei bambini e tramite l'utilizzazione della loro situazione per elemosinare l'assistenza umanitaria, che non è usata per gli scopi nobili, ma, che sopprimerà e che è diventata mezzi di arricchimento personale.

 In considerazione di questa situazione ed a partire da Smara, che ha acconsentito sacrifici pesanti, per la libertà, per cui sono diventati e le richieste per la sensibilità di auto, noi i nostri fratelli, che determinano sopra il lotto dei nostri fratelli in Tindouf, in più in su, la desperazione, che miseria e le agonie, che separazione delle famiglie, che creazione di una generazione senza futuro e senza identità, che perpetuando questa situazione inumana, che la tenuta nell'esperienza di Tindouf, che gli slogan ostili, che hanno revisionato le posizioni e le ideologie, che è utile soltanto agli avversari anche è, che conservano un'avversione contro il Marocco e regolano tutto nel movimento, in ordini la stabilità della regione in pericolo per portare, regolare un'estremità.

Vi chiediamo esso di liberarsi dalle idee, cui sopra sia e dalle idee unico-mentali della guerra fredda. I nostre famiglie tentano d'ottenere una soluzione allineare e quindi conosce sufficiente dove possono essi stessi anche trovare che la soluzione esclusiva e realistica è l'iniziativa di autonomia, che è una soluzione onorata, in cui non c'è sconfitto nè i vincitori nè superati ed il più una vittoria del diretto,  della dignità, è nella riconciliazione e nella compressione di fila.

Dovuto il relativo, il consiglio consultivo reale pergli affari del Sahara (CORCAS) chiede ai nostri fratelli negli accampamenti di Tindouf ha lasciato il motivo e la storia superare in quale restituiscono alla madre patria, al paese della riconciliazione, alla democrazia ed ai diritti dell'uomo.

Ed a causa del ritorno di tutti gli abitanti degli accampamenti di Tindouf è speranza restituita alle generazioni sacrificate d'ascesa, che dopo che un futuro sbocciante , dove possono godere di un futuro sicuro, nel Marocco fortemente da tutto il relativo componente.

Vi chiediamo che tutti  rispondano a questa chiamata, alla chiamata della fraternità della lealtà, chiamata della nazione miserecordiosa e interamente perdonando, chiamata del padre affettuoso, che allunga le relative armi airelativi figli, di modo che la gioia e la sicurezza e il bene la serinità prevalgono.

Non mancate così non questa probabilità storica, l'autonomia è una soluzione definitiva a per effettuare la riconciliazione ed il ritorno degno .

"Se il Dio riconoscerà delo bene nel cuore vostro,vi darà cose migliori"

Veramente Il Dio è ricco in verità
  
 Fatto in Smara il martedì, il 18 dicembre 2007

 

Il servitore della sua maestà il re Mohammed VI, che Dio gli puo garantire  vittoria e aiuto effettuato alla fine della seconda  sessione comune 2007 del consiglio consultivo reale per gli affari del Sahara.
Dio ha fatto l'elogio soltanto e saluto  sul suo Profeta, sulla sua famiglia e sui suoi compagni Majesté, dopo baciare delle vostre mani generose e nell'obbedienza e dare completo, ho l'onore inviarvi un'ambasciata della fedeltà il vostro dipendente, del consiglio consultivo reale per gli affari del Sahara, e ciò all'occasione il secondo comune della sessione 2007, a che avete informato una maestà di vittoria e di  aiuto che lui ha effettuato della seconda sessione comune 2007 del consiglio consultivo reale per gli affari del sahara 
Maestà dopo aver baciato le vostre mani generose e nell'obbidienza  ho l'onore di trasmettere a sua maestà la fedeltà del vostro servo  del consiglio consultivo reale per gli affari del sahara e questo in occasione della seconda sessione 2007 del consiglio consultivo reale per gli affari del sahara.
 Smara dal17 al 18 dicembre 2007,
Maestà, due punti principali sono stati trattati, cioè:
- L'autonomia come soluzione definitiva che riguarda la realizzazione della riconciliazione e del ritorno in quello diventerebbe - il trasporto aereo e la rete stradale nel Majesté, i membri del consiglio consultivo reale della vostra maestà per  gli affari del Sahara si sono fermati di due giorni a lungo sullo studio degli aspetti differenti di questi due punti dell'ordine del giorno di questa sessione nella serietà e con un desiderio nazionale.
I vostri dipendenti fedeli, membri del consiglio consultivo reale per del Sahara-affare, hanno la questione dell'autonomia come soluzione definitiva sulla realizzazione della riconciliazione e del ritorno in quello in tutti i loro aspetti e prospettive di futuro avere trattato, allo spirito nazionale sincero, alla convinzione ferma delle bande storiche, da aiuto allo sviluppo ed ogni volta i Sahariani hanno un alleanza al re ed al trono  Alaouita avere legato, nel seguito dello di giuramento fedele che sono , nel  della base della nazione sotto forma dell'unità nazionale e d'integrità territoriale e nel rispetto completo della sovranità del regno Marocco capace senza ogni negoziato.
Nell'occasione, la maestà, il consiglio consultivo reale della vostra maestà per il Sahara-affare non trascura di salutare Intifada del ritorno nel Gjijimat nel Tifariti e di redigere un lato con l'inchiostro d'orgoglio che è apparso a partire dai campi assediati e quello ha procurato l'udienza forte dei giovani, delle persone anziane e delle donne, nella quale hanno espresso di fronte ed hanno effettuato ed hanno causato così l'oppressione e la schiavitù la fedeltà alla vostra persona  il loro sostegno di vostra iniziativa prima.
Hanno alzato allora la loro voce, di cui informa che il periodo della divisione per sempre più è e che l'unità eterna nel congresso storico del Gjijimat è diventato una realtà, con tutto il coraggio, annunciando che adottano completamente l'autonomia e che una fine deve essere messa alle sue agonie ed alla sua separazione.
I vostri dipendenti fedeli, maestà, hanno chiamato il Polisario nel Smara gli abitanti dei campi nel Lahmada e la condotta di prima, lui nel processo del regolamento definitivo per la questione ed impegnerebbe nel ritorno in quello, e che mettono in questo modo una fine del disperazione,  ed alla separazione delle famiglie.
La maestà, il secondo punto dell'ordine del giorno di questa sessione d'oggetto è stato trattato verso trasporto aereo e della rete stradale, in modo che i vostri dipendenti fedeli del consiglio con una responsabilità e con un orgoglio la loro visione sul tipo di realizzazione, sul metodo di lavoro e sui meccanismi dello sviluppo di questo settore avere rappresentato, affinché procedi parallelamente alle esigenze della regione a tutti i livelli , come indicatore dello sviluppo integrato duraturo di questa regione.
 Maestà, ciò è un'occasione per i vostri dipendenti fedeli, membri del consiglio consultivo reale per gli affari del sahara, per la sua fedeltà il capo della nazione e garante della sua unità, della sua maestà il re Mohammed VI, può potere a dio lui una vittoria essere arrivato e proteggerlo di rinnovare, che ribadisce la sua mobilizzazione incondizionata di essere disponibile sulla durata dietro la sua maestà in tutte le sue iniziative, per difendere l'integrità territoriale ed attorno all'unità nazionale del regno del Marocco.
Il dio può proteggervi maestà, voi e  fare trionfare la salute al vostro alleato, il dio può anche portare il progresso, secondo il quale il vostro popolo fedele aspira, grazie alle vostre mani generose in realizzazione.Chiedo al dio che li conservi, può accordare finalmente il capo del marcia di sviluppo di questa nazione e garante della sua sicurezza ed unità per noi un dio della sua Altezza e reale Moulay PVS Hassan protezione e che da parte del suo Altezza reale il principe Moulay Rachid e la famiglia reale totale vi sono effettuati.
Dio intende la voce di quelli che a lui nelle loro preghiere  si rivolgono presi di cui ambasciata nel Smara, il martedì 18 dicembre 2007.
Firmatario: Dipendente della sua maestà Khalihenna Ould Errachid presidente del consiglio consultivo reale per gli affari del sahara.

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022