الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
martedì 9 agosto 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Discorsi reali

SM Re Mohammed VI ha ribadito la volontà ferma del Marocco di proseguire la sua politica della mano tesa per raggiungere una riconciliazione totale con le parti interessate dal conflitto del Sahara.




" Ribadiamo la volontà ferma del Marocco di proseguire la sua politica della mano tesa, per avvicinare i punti di vista ed appianare le vertenze, consolidare la fiducia con il dialogo e raggiungere una riconciliazione totale e globale con tutte le parti interessate " , con il conflitto del Sahara, ha affermato il sovrano in un discorso indirizzato mercoledì alla nazione all'occasione del nono anniversario della sua adesione al trono dei suoi antenati gloriosi.

SM il re ha garantito che il Marocco intende continuare di " prendere iniziative in qualsiasi sincerità e di essere all'ascolto di tutte le buone volontà, per ristabilire relazioni normali tra il Marocco e l'Algeria, e costruire un partenariato costruttivo con questo paese vicino e fratello".
 
" Questo desiderio procede naturalmente, ha detto il sovrano, del nostro attaccamento fedele ai legami di buona vicinanza che collegano nostri due popoli fratelli ".

Il Marocco è pronto a " impegnarsi in negoziati sostanziali, in buona fede ed a tutti i livelli, per trovare una soluzione politica, consensuale e " definitiva; al conflitto, ha proseguito il sovrano, spiegando che la protezione ed il consolidamento dell'integrità territoriale del regno resta " la priorità delle priorità per noi".

Il sovrano ha tenuto a salutare gli sforzi sostenuti fatti arditamente dalla diplomazia marocchina che hanno risultato in uno sviluppo positivo e sostanziale.

"Si tratta nel verificarsi del riconoscimento per l'ONU della serietà e della credibilità di nostra iniziativa coraggiosa d'autonomia, come pure un carattere non realistico ed illusorio del szparatismo.

 Parallelamente, abbiamo registrato un sostegno internazionale crescente a favore della sovranità del regno sul suo Sahara".

" La nostra intenzione è di rispondere alle ambizioni delle giovani generazioni che desiderano vedere le risorse e le potenzialità dei popoli marocchini ed algerini fratelli, spiegate ed attuate per raccogliere le vere sfide dello sviluppo e della complementarità, anziché assorbirle nei pozzi di un conflitto legato da un passato passato".

SM il re ha ritenuto che " quali che sono, le differenze da punti di vista in questo conflitto non possono giustificare la prosecuzione della chiusura delle frontiere.

Questa misura unilaterale è vissuta dai due popoli come una sanzione collettiva incompatibile con i loro legami di classe storica, le esigenze del loro futuro comune e gli imperativi dell'integrazione maghrebina".

Il sovrano ha tenuto ad affermare il rifiuto, da parte del Marocco, " di ogni tentativo che mira ad imporre il fatto compiuto o minacciare la sua integrità territoriale" , rendendo omaggio alle forze eserciti reali, alla polizia reale, alla sicurezza nazionale, all'Amministrazione territoriale, alle forze ausiliarie ed alla protezione civile, " chi sono mobilitati in modo permanente, sotto la nostra condotta ed in simbiosi perfetta con il popolo marocchino, per preservare la sicurezza, la stabilità e l'ordine pubblico, e per garantire la difesa dell'integrità territoriale e dell'unità nazionale del Regno".

" Intendiamo proseguire, parallelamente, lo sforzo colossale di sviluppo che è stato intrapreso a favore dei nostri cittadini che vivono al Sahara marocchino.

Continueremo anche ad operare per creare le condizioni di un ritorno liberamente acconsentito dei nostri fratelli sahariani espatriati, dove che si trovano, per mettere un termine ai loro soffrenze" , ha indicato SM il re.

" Teniamo a vederli vivere in sicurezza e nella dignità, sotto l'ala protettiva della loro patria unificata, e nel quadro di un'Unione maghrebina che comprende l'integrazione dei cinque stati che la costituiscono " , ha detto il sovrano.

Fonte: MAP

 -Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas -

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022