الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
giovedì 30 giugno 2022
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Discorsi reali

Rinnoviamo il nostro sincero invito ai nostri fratelli in Algeria, per l’instaurazione di relazioni bilaterali fondate sulla fiducia, il dialogo e il buon vicinato... Ci percepiamo piuttosto come fratelli che un corpo intruso ha diviso, mentre non ha posto tra noi


Suo Maestà il Re Mohammed VI, che Dio L'assista, ha rivolto, sabato, un Discorso alla Nazione in occasione del 22° anniversario dell'ascesa del Sovrano al Trono dei Suoi gloriosi antenati.

Ecco il testo integrale del Discorso Reale:

"Lode a Dio, Preghiera e salvezza sul Profeta, la Sua famiglia e i Suoi compagni.

Caro popolo,

Oggi commemoriamo con immenso orgoglio il ventiduesimo anniversario della festa del trono. E questa celebrazione è motivo di soddisfazione per molti versi.

Infatti, la Festa del Trono simboleggia il sacro patto della Beia e testimonia l'inconfondibile simbiosi che unisce, da sempre e in ogni circostanza, i Sultani e i Re del Marocco ai figli del loro popolo.

Paese secolare, il Marocco è una nazione unita, plasmata da una storia comune.

La sua forza risiede nella coesione nazionale e nell'adesione unanime delle sue componenti attorno ai suoi simboli sacri.

Trae la sua forza anche dalle sue istituzioni e dai suoi cittadini che, con le loro competenze e le loro iniziative, si adoperano per sviluppare, far progredire il loro paese e difendere la sua unità, la sua stabilità.

Forte di questo capitale umano e civile in perenne rinnovamento, il nostro Paese è riuscito, nel corso della sua lunga storia, antica e moderna, ad affrontare le sfide e a superare le prove.

Caro popolo,

In primo luogo, vogliamo rinnovare i nostri ringraziamenti a tutti gli attori del settore sanitario, pubblico, privato e militare, nonché alle forze di sicurezza e alle autorità pubbliche per il loro alto senso di responsabilità e la loro dedizione alla lotta contro la pandemia della COVID 19.

Per tutti, il periodo è difficile. E lo è anche per me personalmente, alla pari di ogni cittadino. Lo è per la mia famiglia. E siate certi che conosco la disperazione dei marocchini e che ne soffro come loro, condividendo totalmente le loro sensazioni in tali circostanze.

Nonostante l’impatto negativo che la pandemia ha avuto sui progetti e sulle attività economiche e sulla situazione materiale e sociale di molti cittadini, e al fine di attenuarne lo , abbiamo cercato di trovare soluzioni.

Pertanto, da quando è scoppiata la pandemia e al fine di attenuarne lo , abbiamo preso l’iniziativa di creare un fondo speciale che ha ottenuto l’adesione spontanea dei cittadini.

Abbiamo inoltre avviato un piano ambizioso di ripresa economica, volto a sostenere le piccole e medie imprese colpite dalla crisi, a salvaguardare i posti di lavoro e a tutelare il potere d’acquisto delle famiglie attraverso l’erogazione di aiuti finanziari diretti.

Abbiamo anche creato il Fondo Mohammed VI per gli investimenti, il cui obiettivo è far ripartire le attività produttive, accompagnare e finanziare i vari progetti di investimento.

Caro popolo,

Oggi possiamo essere orgogliosi per diversi motivi: il Marocco ha affrontato una grande sfida vincendo "la battaglia per l’accesso ai vaccini". La campagna nazionale di vaccinazione, alla quale i cittadini rispondono massicciamente, si sta svolgendo in modo efficace e straordinario.

Convinto che la sovranità sanitaria sia una componente essenziale della sicurezza strategica del paese, abbiamo lanciato un progetto d’avanguardia per la fabbricazione di vaccini, medicinali e materiale medico, indispensabili per il Marocco.

Tuttavia, ricordiamo che la pandemia persiste e che la crisi non è ancora finita. Per questo motivo, dobbiamo tutti restare vigili, vigilando costantemente sul rispetto delle istruzioni emanate dalle autorità pubbliche.
Caro popolo,

Grazie a questo sforzo collettivo, l’economia nazionale mostra segnali incoraggianti che annunciano che è sulla buona strada per recuperare la pienezza delle sue capacità.

Per grazia di Dio, il miglioramento si è rafforzato grazie ad una buona campagna agricola. Questa vera manna del Signore, contribuendo ad assicurare la disponibilità dei prodotti agricoli su scala nazionale, ha portato calma e serenità ai cittadini.

Questa significativa evoluzione interviene in un contesto promettente, con la presentazione dei lavori della Commissione speciale sul modello di sviluppo, le cui proposte aprono infatti la strada a una nuova tappa nel processo di accelerazione del decollo economico e di consolidamento del progetto di società che vogliamo per il nostro paese.

La Commissione ha svolto un lavoro encomiabile e ha condotto un processo nazionale al quale si sono associate le forze vive del paese: partiti politici, enti economici, sindacali e sociali, strutture della società civile e cittadini.

Come per la fase di concezione di questo modello, riteniamo che la sua attuazione rientri nella responsabilità nazionale che richiede la mobilitazione delle potenzialità della Nazione e il coinvolgimento di tutte le sue competenze, in particolare quelle che, nei prossimi anni, saranno chiamate ad esercitare responsabilità governative e mandati pubblici.

Il nostro auspicio è che "il Patto nazionale per lo sviluppo" costituisca il quadro di riferimento per definire i principi e le priorità del paese in materia di sviluppo e che costituisca la base di un patto economico e sociale che possa dare impulso a una nuova rivoluzione del re e del popolo.

In qualità di Garante degli interessi della Nazione e dei cittadini, vigileremo affinché l'attuazione operativa di questo modello sia accompagnata dalle disposizioni e dai meccanismi necessari a tal fine.

Caro popolo,

Parallelamente alle iniziative di sviluppo condotte internamente, e con pari determinazione, il Marocco si impegna a proseguire i suoi sforzi sinceri per consolidare la sicurezza e la stabilità nel suo ambiente africano ed euromediterraneo, in particolare nel suo vicinato magrebino.

In linea con questo approccio, rinnoviamo il nostro sincero invito ai nostri fratelli in Algeria a lavorare insieme e senza condizioni per stabilire relazioni bilaterali basate sulla fiducia, sul dialogo e sul buon vicinato.

In effetti, lo stato attuale di queste relazioni non ci soddisfa affatto, in quanto non giova in alcun modo agli interessi rispettivi dei nostri due popoli. Molti paesi lo ritengono addirittura inaccettabile.

Tra due paesi vicini e due popoli fratelli, la situazione normale è la nostra intima convinzione che le frontiere siano e restino aperte.

In effetti, la loro chiusura è in contrasto con un diritto naturale e un principio giuridico autentico, sancito dagli strumenti internazionali, in particolare il Trattato di Marrakech, testo fondatore dell’Unione del Maghreb arabo che prevede la libera circolazione delle persone, dei servizi, delle merci e dei capitali tra i paesi costitutivi dello spazio magrebino.

Dal 2008 ho ripetutamente e ripetutamente sostenuto e ribadito questa idea.

A questo proposito, è giocoforza constatare che né Sua Eccellenza, l’attuale Presidente algerino, né l’ex Presidente, né Io stesso siamo all’origine di questa decisione di chiusura.

Tuttavia, davanti a Dio, alla storia e ai nostri concittadini, siamo responsabili politicamente e moralmente del persistere dello .

Ora, nessuna logica può spiegare la situazione attuale, tanto più che le ragioni che hanno portato alla chiusura delle frontiere sono totalmente superate e non hanno più ragione di essere oggi.

Non vogliamo rimproverare o dare lezioni a nessuno. Ci sentiamo piuttosto come fratelli che un corpo intruso ha diviso, mentre non ha posto tra noi.

D’altro canto, alcuni sostengono l’idea erronea che l’apertura delle frontiere porterebbe solo una serie di disgrazie e di problemi all’Algeria e al Marocco. Nell’era della comunicazione e delle nuove tecnologie, nessuno può dare credito a simili discorsi.

Di fatto, la chiusura delle frontiere non rompe la comunicazione profonda tra i due popoli. Al contrario, essa alimenta una chiusura d’animo, amplificata dall’influenza nefasta delle falsità riprese da alcuni mezzi di comunicazione, come quella secondo cui la povertà sarebbe la sorte dei marocchini i cui mezzi di sussistenza si ridurrebbero al contrabbando e al narcotraffico.

Ognuno può verificare l’inesattezza di tali affermazioni: la comunità algerina che risiede nel nostro paese, gli algerini d’Europa e gli algerini d’Algeria che si recano in Marocco sanno qual è la situazione e non si lasciano ingannare da queste falsità.

A questo proposito, rassicura I Nostri fratelli in Algeria: non dovrete mai temere malevolenze da parte del Marocco, che non costituiscono in alcun modo un pericolo o una minaccia per voi. In realtà, ciò che vi colpisce ci tocca e ciò che vi colpisce ci oppone.

Riteniamo pertanto che la sicurezza e la stabilità dell’Algeria e la tranquillità del suo popolo siano organicamente legate alla sicurezza e alla stabilità del Marocco.

Di conseguenza, ciò che colpisce il Marocco colpisce ugualmente l'Algeria. perché i due paesi sono indissolubilmente uniti.

La verità è che sia il Marocco che l’Algeria si trovano ad affrontare problemi quali l’immigrazione, il contrabbando, il narcotraffico e la tratta di esseri umani.

Le bande che si dedicano a queste attività criminali sono il nostro vero nemico comune. Se, insieme, ci impegniamo a combatterli, riusciremo a porre fine alle loro azioni, estirpando il loro male alla radice.

Deploriamo inoltre le tensioni mediatiche e diplomatiche che agitano le relazioni tra Marocco e Algeria. Danneggiano l’immagine dei due Paesi e lasciano un’impressione negativa, in particolare nelle sedi internazionali.

Chiediamo quindi che prevalgano la saggezza e gli interessi superiori dei nostri due paesi. Potremo così superare questa situazione deplorevole che spreca le potenzialità dei nostri due paesi, con grande disappunto dei nostri due popoli e dei legami di affetto e di fraternità che li uniscono.

Più che due nazioni vicine, il Marocco e l’Algeria sono due paesi gemelli che si completano a vicenda.

Di conseguenza, a sua più stretta convenienza, invito Sua Eccellenza il Presidente algerino ad operare all’unisono per lo sviluppo dei rapporti fraterni intessuti dai nostri due popoli durante anni di lotta comune.

Caro popolo,

In questa gloriosa occasione, rendiamo omaggio alle nostre Forze Armate Reali, alla Gendarmeria Reale, alla Sicurezza Nazionale, alle Forze Ausiliarie e alla Protezione Civile, tutte le componenti, per la loro dedizione e la loro costante mobilitazione, sotto il nostro comando, per difendere l’unità e la sovranità nazionali e preservare la sicurezza e la stabilità del paese.

Salutiamo anche, con deferenza, la memoria immacolata e i sacrifici dei nostri illustri Antenati, in primo luogo il nostro Augusto Nonno, il defunto Re Maometto V e il nostro Venerato Padre, il defunto Re Hassan II, che Dio li abbia in Sua Santità misericordia, così come tutti i valorosi martiri della Nazione.

"Se Allah sa che c'è qualcosa nei vostri cuori, Egli vi darà altrettanto". La verità è la parola di Dio".






- Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2022