الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
mercoledì 21 agosto 2019
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
Notizie importanti

Il nuovo presidente del Parlamento andino, Víctor Rolando Sousa Huanambal, ha ribadito, venerdì a Bogotá, il sostegno di quest'istanza legislativa regionale all'integrità territoriale del Marocco ed al piano d'autonomia delle province del Sud nel quadro della sovranità marocchina.


"Tengo a ribadire il sostegno della presidenza e dell'ufficio esecutivo del Parlamento andino all'integrità territoriale del Marocco", ha indicato il Sig. Sousa Huanambal (Perù), in occasione di una riunione con il vicepresidente della camera dei consulenti, Abdelkader Salama, tenuta in margine della cerimonia del suo conferimento di mandato alla testa di quest'istanza parlamentare regionale, basata nella capitale colombiana.

"Il Marocco può intendere su noi per sostenere la sua integrità territoriale nell'ambito delle tribune regionali ed internazionali e denunciare le menzogne della propaganda dei separatisti„, ha aggiunto il nuovo presidente del Parlamento andino, che esprime la speranza di potere visitare fra molto breve il regno per informarsi del livello di sviluppo delle province sahariane.

"Sono vivamente interessato a visitare le province del Sud del Marocco" in risposta all'invito della camera dei consulenti, ho affermato, che aggiungono: "come amici del Marocco, siamo fieri dell'adesione del regno al Parlamento andino dove usufruisce di uno statuto di partner avanzato".

Sig. Sousa Huanambal ha anche espresso la sua ammirazione per le riforme ed i cantieri di sviluppo lanciati in vari settori dal Marocco, sotto la direzione di SM il re Mohammed VI, che salutano la visione del sovrano in materia di cooperazione Sud-Sud.

Ha d'altra parte esaminato le grandi linee del suo programma alla testa di quest'istanza parlamentare composta dalla Colombia, del Perù, del Cile, dell'equador e la Bolivia, che ribadisce allo stesso tempo la ferma intenzione della Comunità andina di promuovere lo scambio di esperienze con il Marocco in particolare in materia di sviluppo duraturo, di creazione di micro e piccole imprese (MPE) e di lotta contro la corruzione.

Su un altro registro, Sig. Sousa Huanambal ha sottolineato l'adesione del Parlamento andino alla messa in atto della tribuna parlamentare afro-latino-americano, aggiungendo che i paesi della Comunità andina non forniranno alcuno sforzo per la conclusione di questo progetto ambizioso patrocinato dal Parlamento marocchino.

Da parte sua Sig. Salama ha tenuto a congratularsi con il Sig. Sousa Huanambal per la sua elezione alla testa del Parlamento andino, che esprime la disposizione del Parlamento marocchino di promuovere la cooperazione con quest'istituzione legislativa.

Il Parlamento marocchino, con tutte le sue componenti, è animato di una forte volontà di continuare ad operare in relazione con quest'istanza parlamentare regionale per servire gli interessi dei popoli andini e Marocchino, come è pronto a sostenere i progetti lanciati dal Parlamento andino in particolare nei settori della gestione locale e regionale, ha sottolineato il vicepresidente della camera dei consulenti.

Ha di stesso fatto parte della volontà del Parlamento marocchino di allargare la cooperazione bilaterale al settore dell'emigrazione ed alla proposta di progetti di legge riguardanti la trasparenza e la lotta contro la corruzione.

Sig. Salama ha ricordato che il regno ha accumulato un'esperienza pioniera in questi settori, che perora per lo scambio esperienze a questo proposito tra i parlamentari marocchini ed andini.

Il vicepresidente della camera dei consulenti ha d'altra parte salutato la posizione del nuovo presidente del Parlamento andino riguardo all'iniziativa della tribuna parlamentare afro-latino-americano, precisando che questo progetto al quale si mette la camera dei consulenti da più due anni ha attraversato molte tappe in previsione della sua concretizzazione.

Ha in questo senso ricordato la firma il 19 giugno "della dichiarazione di Riobamba" tra la camera dei consulenti ed il Parlamento andino sulla messa in atto di questa tribuna parlamentare, in occasione della recente visita effettuata in equador dal presidente della camera dei consulenti, Hakim Benchamach.

Questa tribuna che beneficia del sostegno delle due camere del Parlamento marocchino, costituirà uno spazio di dialogo parlamentare e politico tra le istituzioni legislative dei paesi del Sud, ha notato Sig. Salama sottolineando che la cooperazione Sud-Sud è stabilita, sotto l'impulso di SM il re, "in scelta strategica nella politica estera del Marocco".

Ha d'altra parte espresso la sua gratitudine al Parlamento andino per il suo sostegno all'integrità territoriale del regno e su iniziativa d'autonomia, presentata dal regno come soluzione unica alla vertenza artificiale attorno al Sahara marocchino.

Il vicepresidente della camera dei consulenti ha di stesso ritenuto che la visita del presidente e dei membri dell'ufficio esecutivo del Parlamento andino in Marocco sarà l'occasione di approfondire il dibattito e stabilire un itinerario chiara per promuovere la cooperazione bilaterale.

Questo spostamento offrirà l'opportunità al nuovo gruppo dirigente del Parlamento andino di conoscere da vicino la realtà nelle province del Sud del regno, e di informarsi del clima di stabilità e dello sviluppo di cui usufruisce il Marocco in tutti i settori, ha ancora aggiunto.

Durante questa visita di due giorni, Sig. Salama ha anche assistito, giovedì, alla cerimonia di presa di funzione del Sig. Sousa Huanambal in presenza dell'ambasciatore del Marocco in Colombia, la signora Farida Loudaya.

Il Parlamento marocchino ed andino aveva firmato nel luglio 2018 a Rabat un memorandum d'intesa che mira a stabilire canali di comunicazione e d'interazione parlamentare, attraverso lo scambio di visite, di competenze, di esperienze, di informazioni e di documenti tra le due parti.

Ai sensi di questo memorandum, il Parlamento marocchino si è visto assegnare lo statuto di partner avanzato presso l'istanza parlamentare andina.
Composto di 25 membri eletti con una media di cinque parlamentari da paese, il Parlamento andino si prefigge di coordinare le legislazioni ed accelerare l'integrazione tra i paesi della Comunità andina.


-Notizia riguardo alla questione del Sahara occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2019