الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
venerdì 17 settembre 2021
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
In primo piano

L’autodeterminazione è un principio universale e delle Nazioni Unite, che non deve essere selettivo e che deve andare a vantaggio di tutte le popolazioni, soprattutto di quelle che da decenni subiscono l’occupazione


L’Algeria, che si proclama semplicemente osservatore della questione del Sahara marocchino, ospita campi di addestramento e di arruolamento forzato di bambini di appena 10 anni

L'ambasciatore del Marocco alle Nazioni Unite, Omar Hilale, usando il suo secondo diritto di replica a dichiarazioni fallaci del rappresentante dell'Algeria, Sufiane Mimouni, in merito alla presunta autodeterminazione del "popolo del Sahara occidentale" e all'occupazione del Sahara da parte del Marocco, durante il seminario C24 per i caraibi a Dominica, ha deplorato che il suo collega algerino abbia fatto ricorso all'insulto, all'invettiva e alla denigrazione nella sua risposta all'argomentazione marocchina, disprezzando così il tono che si addice ad una riunione ONU, facendo notare che "l'insulto è l'arma dei deboli".

Hilale ha inoltre sottolineato che l’autodeterminazione delle popolazioni del Sahara marocchino è stata completata con il recupero da parte del Marocco delle sue province sahariane e da allora si esercita quotidianamente da queste popolazioni, e ciò attraverso diversi atti fondatori e azioni politiche forti, tra cui in particolare:

- la difesa dell’integrità territoriale del Regno a tutti i livelli, a livello nazionale e diplomatico, a livello internazionale.

- L’appropriazione delle varie scadenze elettorali e referendarie, che è l’espressione suprema del diritto all’autodeterminazione, in un clima sereno, calmo e responsabile, confermato dalle relazioni del Segretario generale dell’ONU al Consiglio di sicurezza.

- L’affluenza massiccia alle elezioni legislative, comunali e regionali, con la più alta affluenza alle urne del Regno, pari a oltre il 65 per cento, mentre in Cabilia, in Algeria, non è affatto così.

- La scelta delle popolazioni delle province meridionali del Regno di costruire nel Sahara una società pacifica, inclusiva, aperta, tollerante e risolutamente impegnata a favore della democrazia e del rispetto dei diritti umani.

- Il contributo di queste popolazioni allo sviluppo socioeconomico e culturale del Sahara marocchino.

- L’impegno quotidiano di tutte le componenti sociali del Sahara, in particolare i giovani e le donne, per l’attuazione del Nuovo modello di sviluppo delle province meridionali, avviato da Sua Maestà il Re, dal 2015.

- L’evasione di decine di migliaia di saharawi marocchini dai campi di Tindouf a rischio della vita e il loro ritorno alla madre patria, il Marocco. Più di 20.000 persone sono fuggite dai campi di Tinduf e diverse decine sono state uccise dall'esercito algerino o dai mercenari del "polisario" nel tentativo di fuggire.

E l’ambasciatore del Marocco a riassumere che l’autodeterminazione è un atto di cittadinanza e di volontarietà nel Sahara marocchino.

In seguito, ha rimesso al suo posto il rappresentante dell’Algeria, a seguito dell’ennesima deriva e della ricorrenza ossessiva del suo paese in merito al presunto diritto del Sahara marocchino all’autodeterminazione e su ciò che ha definito, con insolenza, come "l’ultima colonia dell’Africa e uno stato colonizzatore".

L'ambasciatore del Marocco ha preso i partecipanti come testimoni e ha chiesto: Quale territorio o paesi invitati a questo seminario hanno un vicino belligerante che impone loro un conflitto armato da decenni e li aggredisce da un gruppo separatista armato interposto? Nessuno. Solo l’Algeria è responsabile di questa gravissima anomalia nei confronti del Marocco e del suo Sahara.

Solo l’Algeria è responsabile di questa gravissima anomalia nei confronti del Marocco e del suo Sahara.

Hilale ha poi ricordato all'ambasciatore algerino che "l'autodeterminazione è un principio universale e dell'ONU, che non deve soffrire di alcuna selettività e che deve andare a vantaggio di tutte le popolazioni, soprattutto di quelle che subiscono un'occupazione da decenni", aggiungendo, in questo contesto, che "l'Algeria che si alza, in ogni occasione, di reclamarlo con monomania per il Sahara marocchino, dimentica che ci sono popolazioni nel proprio paese che reclamano di poter beneficiare di questo stesso diritto all'autodeterminazione".

Il diplomatico marocchino ha aggiunto che "il popolo Kabyle, che esisteva molto prima della creazione dello Stato algerino, ha il diritto di autodeterminarsi. Perché l'Algeria nega ciò che pretende per i marocchini del Sahara, arrivando persino a imporre al Regno un conflitto da 45 anni, da parte di un gruppo armato separatista? E perché i rappresentanti del popolo Kabyle non hanno il diritto di essere presenti a questa riunione del C24? Anche loro hanno il diritto di esprimersi liberamente sul loro futuro", ha concluso.

L'ambasciatore Hilale denuncia l'arruolamento militare dei bambini nei campi di Tinduf in Algeria

In un precedente intervento l’ambasciatore Hilale ha lanciato l’allarme su una delle peggiori forme di violazione dei diritti umani perpetrate dall’Algeria e dal Polisario contro le popolazioni sequestrate nei campi di Tinduf, nella fattispecie l’arruolamento militare dei bambini.

 "C'è una questione che preoccupa profondamente il Marocco, in particolare e la comunità internazionale in generale, ed è l'arruolamento militare dei bambini nei campi di Tindouf. L’Algeria, che si proclama semplicemente osservatore della questione del Sahara marocchino, ospita campi di addestramento e di arruolamento forzato di bambini di appena 10 anni", ha dichiarato Hilale, brandendo nella sala decine di foto di bambini, portando armi in parate militari e addestrandosi militarmente nei campi di Tindouf.

"Il rappresentante dell'Algeria sostiene che non ci sono prove. Queste sono le foto e persino i video dei siti del cosiddetto Polisario, che mostrano decine di bambini in abiti militari, o addirittura a torso nudo, in addestramento. Queste foto devastano terribilmente il suo paese", ha dichiarato l'ambasciatore del Marocco.

"L'Algeria e il Polisario spingono questi bambini ad uccidere. Li preparano a diventare terroristi, come quelli dell’Isis Khorassan, mostrati oggi stesso nei canali della CNN, della o di France 24, prima e dopo l’attentato terroristico che ha commesso all’aeroporto di Kabul. Alla luce dei video, assoggettano questi bambini allo stesso allenamento intensivo e a un indottrinamento fanatico.

Questo, purtroppo, è il vero volto odioso del Polisario, le cui connivenze con i gruppi terroristici nella regione sahelo-sahariana sono dimostrate. Questo mette in evidenza la responsabilità internazionale diretta dell'Algeria, poiché questo arruolamento militare forzato dei bambini avviene sul suo territorio", ha denunciato Hilale.

 "È gravissimo che l'Algeria, che è parte di tutte le convenzioni, patti e dichiarazioni internazionali sui diritti del fanciullo, permetta a un gruppo armato, di indottrinare dei bambini a fare la guerra, a condurre operazioni militari, a diventare commando, assassini. Invece di offrire loro la scuola, l’istruzione, l’arte, i canti, come quelli nel Sahara marocchino, l’Algeria e il Polisario li strappano alle loro famiglie, li privano dell’innocenza della loro infanzia e non offrono loro alcuna alternativa se non la guerra e la violenza armata", ha deplorato ancora una volta l’ambasciatore Hilale di fronte all’udienza che è stata molto sensibile al destino infelice riservato dall’Algeria e dalla sua milizia del Polisario a centinaia, se non migliaia, di minori indifesi.

In risposta a un intervento di smentita dell'ambasciatore algerino all'ONU, Soufiane Mimouni, che ha tentato di scagionare il suo Paese da queste gravissime e massicce violazioni dei diritti dell'infanzia, Hilale lo ha interpellato: "Dove sono i campi di addestramento dei bambini soldato? È nel deserto di Tinduf in territorio algerino.

Quelli che li addestrano sono elementi armati del Polisario e quelli che li supervisionano sono istruttori algerini", prima di concludere: "le vane smentite del collega algerino non potranno esonerare l'Algeria dalla sua responsabilità internazionale nei confronti di questi innocenti bambini, che avrebbero voluto tanto imparare delle canzoni danzanti, quanto dei canti guerrieri e maneggiare la penna e il pennello invece del Kalashnikov".

Questo scambio tempestoso tra gli ambasciatori marocchino e algerino si è svolto in modo strano sotto gli sguardi frenetici e il silenzio colpevole del rappresentante dei separatisti del Polisario.


-Notizia riguardo alla questione del Sahara Occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2021