الـعـربية Español Français English Deutsch Русский Português Italiano
giovedì 23 maggio 2019
 
 
 
www.sahara-online.net
www.sahara-social.com/it
In primo piano

L'ultima risoluzione del Consiglio della sicurezza mette in fallimento le soluzioni irrealistiche ed unilaterali trasportate dalle ostili dell'integrità territoriale, ha sottolineato, lunedì a Rabat, il segretario di Stato presso il ministro degli esteri e la cooperazione internazionale, Mounia Boucetta.



Rispondendo ad una domanda centrale "sugli sviluppi della causa nazionale„ alla camera dei rappresentanti, la signora Boucetta ha segnalato che la risoluzione 2468 del consiglio di sicurezza afferma che i contorni della soluzione devono essere realistici, pragmatici, duraturi e basate sul compromesso, notando che l'iniziativa di autonomieest la sola soluzione che si allinea sulle risoluzioni del consiglio di sicurezza, "e questo mette in fallimento le soluzioni irrealistiche ed unilaterali trasportate dalle ostili dell'integrità territoriale".

La causa nazionale conosce, grazie alla visione reale chiaroveggente, sviluppi importanti e molto positivi, cioè la consacrazione della pertinenza dell'approccio marocchino nella difesa dei diritti legittimi del regno ed il carattere serio della posizione del Marocco ed il suo impegno effettivo nella ricerca di una soluzione a questo conflitto artificiale, ha affermato.

Questi sviluppi illustrano il sostegno costante e crescente di cui usufruisce il Marocco a livello internazionale, nel senso in cui i suoi sforzi sono definiti serietà e credibili, ha proseguito, che fa osservare che l'ultima risoluzione del consiglio di sicurezza ha identificato per nome le parti a questa vertenza regionale artificiale.

A questo proposito, ha precisato che, per la prima volta dal 1975, l'Algeria è citata 5 volte, aggiungendo che il consiglio di sicurezza riconosce, nello stesso quadro, che un'implicazione forte, continua e costruttiva dell'Algeria è necessaria per mettere un termine a questa vertenza regionale che soltanto è troppo durata.

Inoltre sottolinea, le acquisizioni del regno sono sempre preservate nel quadro della difesa dei suoi interessi, cioè la soluzione politica, la consacrazione della preminenza dell'iniziativa dell'autonomia, come soluzione a questo conflitto artificiale, l'appello al censimento della popolazione dei campi di Tinduf, la riaffermazione dello statuto storico e giuridico della zona situata all'est ed al sud del dispositivo di difesa marocchino e la reiterazione dell'ingiunzione da non intraprendere azioni provocatorie.

- Notizia riguardo alla questione del Sahara Occidentale/Corcas-

 

 Questo sito non è responsabile del funzionamento e del contenuto dei link esterni !
  Copyright © CORCAS 2019